1537228800<=1347580800
1537228800<=1348185600
1537228800<=1348790400
1537228800<=1349395200
1537228800<=1350000000
1537228800<=1350604800
1537228800<=1351209600
1537228800<=1351814400
1537228800<=1352419200
1537228800<=1353024000
1537228800<=1353628800
1537228800<=1354233600
1537228800<=1354838400
1537228800<=1355443200
1537228800<=1356048000
1537228800<=1356652800
1537228800<=1357257600
1537228800<=1357862400
1537228800<=1358467200
1537228800<=1359072000
1537228800<=1359676800
1537228800<=1360281600
1537228800<=1360886400
1537228800<=1361491200
1537228800<=1362096000
1537228800<=1362700800
1537228800<=1363305600
1537228800<=1363910400
1537228800<=1364515200
1537228800<=1365120000
1537228800<=1365724800
1537228800<=1303171200
1537228800<=1366934400
1537228800<=1367539200
1537228800<=1368144000
1537228800<=1368748800
1537228800<=1369353600
1537228800<=1369958400
1537228800<=1370563200
1537228800<=1371168000
1537228800<=1371772800
1537228800<=1372377600
1537228800<=1372982400
1537228800<=1373587200
1537228800<=1374192000
1537228800<=1374796800
1537228800<=1375401600
1537228800<=1376006400
1537228800<=1376611200
1537228800<=1377216000
1537228800<=1377820800
1537228800<=1378425600

I registri del giorno di Kippur

in: Blog/News | di: Ufficio Stampa

Nel giorno di Kippur (12 ottobre 1872) alla Bevis Marks Synagogue di Londra, R. Beniamino Artom (Asti, 1843-1879, Londra) rabbino della comunità sefardita della città, esordì dicendo che i nostri maestri rivestirono i loro insegnamenti con parabole e metafore. Qui di seguito riassumiamo in piccola parte il contenuto della sua derashà.

In una di queste parabole i maestri descrissero l’Onnipotente come un giudice seduto sul suo trono adamantino con il pubblico ministero alla sua destra e tre registri di fronte a sé. Egli li apre e, avendo visto il comportamento di tutti gli esseri umani con un solo sguardo e deciso il verdetto di ognuno di essi, scrive in un registro i nomi di coloro che sono assolutamente malvagi e destinati a morire. Nel secondo registro Egli scrive i nomi di coloro che sono assolutamente virtuosi e destinata a vivere. Nel terzo registro, i nomi di coloro che sono ancora sull’orlo dell’abisso e con una penitenza sincera possono scampare la mala sorte della miseria e della morte.

Leggi tutto l’articolo

Vayèlekh: La Torà orale precede la Torà scritta

in: Blog/News | di: Ufficio Stampa

Una delle due mitzvòt di questa parashà  è quella della lettura pubblica della Torà una volta ogni sette anni. Nella Torà è scritto: “Moshè diede loro quest’ordine: Alla fine d’ogni settennio, al tempo dell’anno di remissione dei debiti, durante la festa di Succòt  quando tutto Israele verrà a presentarsi davanti all’Eterno tuo Dio, nel luogo […]

Leggi tutto l'articolo nella sezione Blog/News


Rosh Ha-Shanà: a chi si addice il titolo di ba’al teshuvà (penitente)?

in: Blog/News | di: Ufficio Stampa

Il Maimonide (Cordova, 1138-1204, Il Cairo) nel Mishnè Torà (Hilkhòt Teshuvà, 2:6) scrive: “Nonostante che la teshuvà (il pentimento, letteralmente “il ritorno”) e la preghiera siano valide  in qualunque momento, nei dieci giorni tra Rosh Ha-Shanà e il giorno di Kippur sono ancor più valide e vengono accettate immediatamente”.  Il Maimonide spiega che la teshuvà […]

Leggi tutto l'articolo nella sezione Blog/News


Parashà di Nitzavìm-Vayèlekh: Cosa sono le selichòt?

in: Blog/News | di: Ufficio Stampa

Elùl è l’ultimo mese dell’anno ebraico e con la fine dell’anno si avvicina il momento di fare i conti con se stessi, di esaminare quello che abbiamo fatto durante l’anno passato e di fare teshuvà. I Maestri insegnano che di Rosh Ha-Shanà il Santo Benedetto giudica tutti gli esseri umani, passandoli in esame ad uno […]

Leggi tutto l'articolo nella sezione Blog/News


Parashà di Ki Tavò: Non si può fuggire dalla benedizione divina

in: Blog/News | di: Ufficio Stampa

Questa parashà comprende alcune delle più belle benedizioni promesse al popolo d’Israele se osserveranno le mitzvòt che l’Eterno ha comandato loro. Nella Torà è scritto: “Se ascolterai la voce dell’Eterno tuo Dio, osservando ed eseguendo tutte le Sue mitzvòt che io [Moshè] ti comando oggi, l’Eterno tuo Dio ti porrà al di sopra di tutte […]

Leggi tutto l'articolo nella sezione Blog/News


Parashà di Ki Tetzè: Quando la roba è di chi la trova (“Finders are keepers”)

in: Blog/News | di: Ufficio Stampa

Una delle mitzvòt della Torà è quella di restituire ai proprietari gli oggetti smarriti. Nella parashà  è scritto: “Quando vedrai il toro o l’agnello del tuo fratello smarriti non dovrai ignorarli; li dovrai invece restituire al tuo fratello. E se il tuo fratello non sta vicino a te o tu non lo conosci, li dovrai […]

Leggi tutto l'articolo nella sezione Blog/News


Parashà di Shofetìm: Non è l’abito che fa il giudice

in: Blog/News | di: Ufficio Stampa

Questa parashà si apre con la mitzvà di organizzare un sistema giudiziario con queste parole: “Nominerai giudici e polizia per le tue tribù in tutte le porte [delle città] che l’Eterno, tuo Dio, ti dà, assicurando che amministreranno la giustizia del popolo in modo onesto. Non dovrai alterare il diritto, mostrare favoritismi e farti corrompere […]

Leggi tutto l'articolo nella sezione Blog/News


Parashà di Reè: La necessità e il costo umano di sradicare il male

in: Blog/News | di: Ufficio Stampa

Nelle parashà è scritto: [Questo è  ciò che dovrai fare] “Se riguardo a una delle tue città che l’Eterno tuo Dio ti ha dato per abitarvi, ricevessi un rapporto che alcuni uomini scellerati tra di voi sono riusciti a sviare gli abitanti della loro città dicendo loro: “Andiamo, adoriamo altri dei per avere una nuova […]

Leggi tutto l'articolo nella sezione Blog/News


Parashà di ‘Ekev: L’idolatria moderna

in: Blog/News | di: Ufficio Stampa

La seconda porzione dello Shemà‘ appare alla fine di questa parashà ed inizia con questa parole: “Se voi ubbidirete ai miei comandamenti, che vi comando oggi, amando l’Eterno vostro Dio e servendolo con tutto il vostro cuore e con tutta la vostra anima, [l’Eterno ha fatto questa promessa]: darò al vostro paese la sua pioggia […]

Leggi tutto l'articolo nella sezione Blog/News


Parashà di Vaetchanàn: L’educazione è creatività per eccellenza

in: Blog/News | di: Ufficio Stampa

  Il passo della Torà più conosciuto, recitato due volte al giorno e quindi facilmente imparato a memoria, è lo Shemà’ dove viene insegnato che l’Eterno è uno ed unico. In questo passo viene elencata la mitzvà di insegnare la Torà ai nostri figli con queste parole: “Queste parole che io ti comando oggi devono […]

Leggi tutto l'articolo nella sezione Blog/News


visualizza tutte le news   >>
Delega vendita Chametz
Pesach 5777 lista prodotti
Visita Papa Francesco in Sinagoga
Virtual Tour Itinerari ebraici italiani