1527292800<=1347580800
1527292800<=1348185600
1527292800<=1348790400
1527292800<=1349395200
1527292800<=1350000000
1527292800<=1350604800
1527292800<=1351209600
1527292800<=1351814400
1527292800<=1352419200
1527292800<=1353024000
1527292800<=1353628800
1527292800<=1354233600
1527292800<=1354838400
1527292800<=1355443200
1527292800<=1356048000
1527292800<=1356652800
1527292800<=1357257600
1527292800<=1357862400
1527292800<=1358467200
1527292800<=1359072000
1527292800<=1359676800
1527292800<=1360281600
1527292800<=1360886400
1527292800<=1361491200
1527292800<=1362096000
1527292800<=1362700800
1527292800<=1363305600
1527292800<=1363910400
1527292800<=1364515200
1527292800<=1365120000
1527292800<=1365724800
1527292800<=1303171200
1527292800<=1366934400
1527292800<=1367539200
1527292800<=1368144000
1527292800<=1368748800
1527292800<=1369353600
1527292800<=1369958400
1527292800<=1370563200
1527292800<=1371168000
1527292800<=1371772800
1527292800<=1372377600
1527292800<=1372982400
1527292800<=1373587200
1527292800<=1374192000
1527292800<=1374796800
1527292800<=1375401600
1527292800<=1376006400
1527292800<=1376611200
1527292800<=1377216000
1527292800<=1377820800
1527292800<=1378425600

Parashà di Nassò: Il nazireo, santo o peccatore?

in: Blog/News | di: Ufficio Stampa

L’Eterno disse a Moshè: “Parla agli Israeliti e riferisci loro: quando un uomo o una donna farà un voto speciale, il voto di nazireato, per consacrarsi all’Eterno, si asterrà dal vino e dalle bevande inebrianti…” (Bemidbàr, 6:1-3.  Il nazireo doveva astenersi anche da uva e derivati e non poteva tagliarsi i capelli. Inoltre gli era proibito rendersi  impuro venendo a contatto con dei cadaveri come era la regola per il Kohèn Gadòl.  Nel caso in cui qualcuno morisse all’improvviso vicino al nazireo, che diventava così impuro, il nazireo doveva interrompere il suo nazireato, rasarsi la testa e portare due tortore o due colombe come sacrificio, una come olocausto e l’altra come sacrificio di espiazione “per la colpa nella quale era incorso” (ibid., 11).

Rashì (Francia, 1140-1105) nel suo commento scrive che la sua colpa era che “Non era stato attento dal rendersi impuro con un morto”. E citando il Talmud babilonese (Nazìr,19a)  aggiunge: “R. El’azar il Kappar dice: perché si afflisse astenendosi dal vino”. Da questa affermazione appare che il nazireo abbia commesso una colpa nell’astenersi dal vino. Altri commentatori offrono invece delle spiegazioni che sottolineano la kedushà del nazireo e non la sua colpa.

Il Nachmanide (Girona, 1192-1270, Acco) nel suo commento scrive che il motivo per cui il nazireo deve portare un sacrificio di espiazione è che dopo essersi elevato [a un livello di kedushà superiore] egli torna a rendersi impuro con i desideri mondani invece di rimanere a un alto livello di kedushà per il resto della sua vita.

  1. Yosèf di Trani (Safed, 1568-1639, Costantinopoli) in un responso (Responsi Maharit, I:53-54) al suo contemporaneo  R. Yechièl Bassan afferma che il nazireo facendo questo voto adotta un livello di kedushà che non è compatibile con le attività che gli sono proibite.
  2. ‘Ovadià Sforno (Cesena, 1475-1550, Bologna) nel suo commento alla Torà si sofferma su quello che il nazireo deve fare al termine del nazireato.  Nella Torà è scritto: “Questa è la legge del nazireato; quando i giorni del suo nazireato saranno compiuti, egli porterà se stesso [iavì otò] all’ingresso della tenda del convegno…” (Ibid., 13) dove il nazireo doveva portare dei sacrifici e rasarsi definitivamente la testa.  Sulla espressione “egli porterà se stesso”  R. Sforno afferma che in genere quando si conduce una persona presso qualcuno che lo introduce a qualcosa di nuovo, quest’ultimo è di rango più elevato. Per esempio, colui che è affetto da‘tazara’atper purificarsi viene condotto dal Kohèn; il servo che rinuncia a essere liberato dopo sette anni viene condotto dai giudici. Tuttavia nel caso del nazireo alla conclusione del periodo di nazireato, non vi è nessuno più onorato di lui che lo possa scortare e pertanto la Torà scrive che il nazireo “deve portare se stesso”.

Il Maimonide (Cordova, 1138-1204, Il Cairo) nella Guida dei Perplessi (III:33) tocca l’argomento del nazireo scrivendo: “Similmente una delle intenzioni della Torà è la purità e la kedushà.   “[…] e rinunciare a bere vino costituisce kedushà come è detto riguardo al nazireo «Egli sarà kadòsh”. Tuttavia il Maimonide stesso nel Mishnè Torà (Hilkhòt De’òt, 3:1) toccando l’argomento del nazireo ne dà un descrizione diversa: “Se qualcuno dicesse che invidia, desiderio ed onore e cose simili sono cattive strade che portano l’uomo la di fuori dal mondo, e che pertanto ci si deve allontanare  da esse del tutto e andare all’estremo opposto evitando di cibarsi di carne, di bere vino, di prendere moglie, di abitare in una bella casa e di vestirsi bene, ma invece di vestirsi di sacco e di lana di bassa qualità e cose simili come fanno i sacerdoti idolatri, anche questa è una pessima strada.  È proibito comportarsi in questo modo e chi lo fa è chiamato peccatore. [La prova di questo] è che la Torà dice del nazireo «E chiederà espiazione per la colpa in cui era incorso». I Maestri dissero che se un nazireo che si è solo astenuto dal vino necessita espiazione, a maggior ragione [è colpevole] chi si astiene da ogni cosa”. In conclusione, essere santi non è facile perché coloro che rinunciano in modo eccessivo alle cose del mondo possono diventare dei peccatori.

Donato Grosser

 

Parashà di Bemidbàr: I due esclusi dal censimento degli israeliti

in: Blog/News | di: Ufficio Stampa

Il quarto libro della Torà, Bemidbàr, che significa “Nel deserto” prende il nome dalla prima parola dopo l’introduzione “L’Eterno parlò a Moshè dicendo…”. In latino questo libro è chiamato Numeri in considerazione del fatto che è proprio all’inizio di questa parashà che Moshè ricevette l’ordine di censire i figli d’Israele. Il numero totale degli uomini […]

Leggi tutto l'articolo nella sezione Blog/News


Parashà di Behàr Sinai-Bechukkotai: Sulla proibizione di defraudare il prossimo

in: Blog/News | di: Ufficio Stampa

Nella parashà di Behàr Sinai la Torà ci comanda di comportarci con onestà nei rapporti di commercio con queste parole: “Quando venderete al vostro prossimo o comprerete dal vostro prossimo, nessuno commetta frode (onaà) nei confronti del suo fratello (Vaykrà, 25:14). R. ‘Ovadià Sforno (Cesena, 1475-1550, Bologna) nel suo commento alla Torà, cita un insegnamento […]

Leggi tutto l'articolo nella sezione Blog/News


10 maggio: evento commemorativo per la fine della II Guerra Mondiale

in: Blog/News | di: ralph

L’8 e il 9 maggio sono le date in cui le nazioni vincitrici della Seconda Guerra Mondiale festeggiano la fine del conflitto in Europa nel 1945. La Comunità Ebraica di Roma commemorerà l’evento giovedì 10 maggio alle ore 19 nell’Oratorio Di Castro a via Balbo, la Sinagoga che fu il riferimento e mantiene la memoria […]

Leggi tutto l'articolo nella sezione Blog/News


25 aprile 2018: il comunicato della Comunità Ebraica di Roma

in: Blog/News | di: Ufficio Stampa

La Comunità Ebraica di Roma comunica che per il 25 aprile si recherà alle ore 9.30 alle Fosse Ardeatine e successivamente alle ore 10.00 a Via Tasso per un momento pubblico di raccoglimento per ricordare la Liberazione dell’Italia dal nazifascismo. L’Anpi, nonostante gli accordi, non ha voluto prendere una posizione ufficiale e definitiva in merito […]

Leggi tutto l'articolo nella sezione Blog/News


Israel 70. Conferenza stampa di presentazione

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

    In occasione dei festeggiamenti che si terranno il 18 aprile nella zona di Portico d’Ottavia per il 70esimo anniversario dell’Indipendenza dello Stato d’Israele, si è tenuta oggi presso i giardini del Tempio Maggiore la conferenza stampa di presentazione dell’evento. Sono intervenuti l’Ambasciatore israeliano in Italia Ofer Sachs, la Presidente della Comunità Ebraica di […]

Leggi tutto l'articolo nella sezione Blog/News


”Zikaron Ba Salon”- Il salotto della Memoria

in: Blog/News | di: Ufficio Stampa

In occasione della commemorazione della Shoah (Yom Ha Shoah), i nostri sopravvissuti hanno aderito all’iniziativa ”Zikaron Ba Salon”, nata nel 2010 in Israele e organizzata a Roma dal Centro di Cultura Ebraica avente lo scopo di rendere maggiormente consapevoli quante più persone possibili della Shoah attraverso un incontro con un sopravvissuto nel salotto di una […]

Leggi tutto l'articolo nella sezione Blog/News


Il Rabbino Capo e il Papa si scambiano gli auguri per le rispettive festività

in: Blog/News | di: Ufficio Stampa

Lo scambio di auguri tra il Rabbino Capo di Roma Riccardo Di Segni e Papa Francesco per le prossime festività di Pesach e Pasqua. Di seguito il messaggio del Rabbino Capo: A ss Papa Francesco, nell’imminenza delle festività pasquali, anche quest’anno coincidenti nella data, voglia gradire cordiali auguri di serenità, gioia e pace. Di seguito […]

Leggi tutto l'articolo nella sezione Blog/News


Pesach 5778: prodotti autorizzati reperibili nei supermarcati

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

  SCARICA LA LISTA DEI PRODOTTI IN FORMATO PDF Lista redatta da Rav Ariel Di Porto

Leggi tutto l'articolo nella sezione Blog/News


La Comunità Ebraica di Roma commemora l’eccidio delle Fosse Ardeatine

in: Blog/News | di: Ufficio Stampa

                                                                In occasione del 74esimo anniversario dell’eccidio delle Fosse Ardeatine la Comunità Ebraica di Roma ha partecipato alla commemorazione avvenuta nel luogo della strage, alla presenza […]

Leggi tutto l'articolo nella sezione Blog/News


visualizza tutte le news   >>
Delega vendita Chametz
Pesach 5777 lista prodotti
Visita Papa Francesco in Sinagoga
Virtual Tour Itinerari ebraici italiani