1511308800<=1347580800
1511308800<=1348185600
1511308800<=1348790400
1511308800<=1349395200
1511308800<=1350000000
1511308800<=1350604800
1511308800<=1351209600
1511308800<=1351814400
1511308800<=1352419200
1511308800<=1353024000
1511308800<=1353628800
1511308800<=1354233600
1511308800<=1354838400
1511308800<=1355443200
1511308800<=1356048000
1511308800<=1356652800
1511308800<=1357257600
1511308800<=1357862400
1511308800<=1358467200
1511308800<=1359072000
1511308800<=1359676800
1511308800<=1360281600
1511308800<=1360886400
1511308800<=1361491200
1511308800<=1362096000
1511308800<=1362700800
1511308800<=1363305600
1511308800<=1363910400
1511308800<=1364515200
1511308800<=1365120000
1511308800<=1365724800
1511308800<=1303171200
1511308800<=1366934400
1511308800<=1367539200
1511308800<=1368144000
1511308800<=1368748800
1511308800<=1369353600
1511308800<=1369958400
1511308800<=1370563200
1511308800<=1371168000
1511308800<=1371772800
1511308800<=1372377600
1511308800<=1372982400
1511308800<=1373587200
1511308800<=1374192000
1511308800<=1374796800
1511308800<=1375401600
1511308800<=1376006400
1511308800<=1376611200
1511308800<=1377216000
1511308800<=1377820800
1511308800<=1378425600

Parashà di Vayetzè: Il giudizio di re Salomone

in: Blog/News | di: Micol Mieli

Dopo avere ricevuto la benedizione dal padre Yitzchàk al posto di Esau, il patriarca Ya’akòv era in pericolo perché il fratello Esau aveva giurato di vendicarsi di lui e di ucciderlo non appena il padre Yitzchàk fosse morto. La madre Rivkà disse a Ya’akòv: “Figlio mio dammi ascolto:  levati e fuggi presso il mio fratello Lavan a Charàn. Rimani li per qualche tempo finché l’ira di tuo fratello si sia calmata” (Bereshìt, 27:43-44).  Al marito Yitzchàk, Rivkà  diede un altro motivo per mandare Ya’akòv a Charàn. Ella gli disse: “Ho a noia la vita a causa delle donne chittee (le mogli di Esau). Se Ya’akòv prende per moglie una chittea come queste del paese, a che mi giova la vita?” (Ibid. 46). Così Yitzchàk chiamò il figlio Ya’akòv e gli diede un ordine: “Non prendere una donna di Canaan per moglie. Levati, va a Padàn Aràm in casa di Betuèl tuo nonno materno e prendi da li una moglie dalle figlie di Lavàn tu zio materno” (28:2).

Leggi tutto l’articolo

Il Sindaco di Cerveteri riceve la Comunità Ebraica di Roma

in: Blog/News | di: Eleonora Pavoncello

Questa mattina la Presidente della Comunità Ebraica di Roma Ruth Dureghello è stata ricevuta dal sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci che, in seguito ai fatti accaduti all’interno dello Stadio Olimpico qualche settimana fa, ha scelto, insieme all’amministrazione comunale, di esporre dalle finestre del Municipio, un’immagine raffigurante Anna Frank in segno di solidarietà alla Comunità Ebraica. […]

Leggi tutto l'articolo nella sezione Blog/News


Shalom Rav Laras

in: Blog/News | di: Eleonora Pavoncello

Rav Giuseppe Laras, zekher tzadiq livrakhà, ci ha lasciati oggi dopo una lunga malattia che ha affrontato con coraggio e che non ha mai ridotto le sue capacità intellettive. Nel corso della sua vita lunga ed operosa ha subito durissime prove famigliari, a cominciare dal trauma dell’arresto e della deportazione della mamma e della nonna, […]

Leggi tutto l'articolo nella sezione Blog/News


Il cordoglio della Comunità Ebraica per la scomparsa di Abdel Wahid Pallavicini

in: Blog/News | di: Eleonora Pavoncello

Nelle scorse ore, la COREIS, la Comunità Religiosa Islamica Italiana ha dato notizia della scomparsa del suo fondatore, lo Sceicco Pallavicini. La Comunità Ebraica di Roma lo vuole ricordare attraverso le parole del Rabbino Capo Riccardo Di Segni: “Abdel Wahid Pallavicini ha rappresentato in Italia un Islam ispirato, colto e sensibile. Una novità nel panorama […]

Leggi tutto l'articolo nella sezione Blog/News


Parashà di Chaye Sarà: Sulla proibizione della caccia sportiva

in: Blog/News | di: Micol Mieli

  La parashà racconta che dopo la morte di Sara, Avraham si diede da fare per trovar moglie al figlio Yitzchàk. A tale scopo inviò a Charàn il fedele servitore e discepolo Eli’ezer “che sopraintendeva a tutto ciò che egli possedeva” (Bereshìt, 24:2). A Charàn abitava la famiglia di Nachòr, fratello di Avraham. Alla fine […]

Leggi tutto l'articolo nella sezione Blog/News


Caso Anna Frank – Il comunicato del presidente Ruth Dureghello

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

“Prendiamo atto con soddisfazione della risposta delle Istituzioni e della società civile alle manifestazioni antisemite avvenute allo stadio Olimpico di Roma. Ciò rappresenta la presa di coscienza di un problema che non riguarda esclusivamente le comunità ebraiche, ma l’intera collettività. Auspichiamo quindi che il governo, le procure e le altre autorità preposte, agiscano affinché le leggi del […]

Leggi tutto l'articolo nella sezione Blog/News


Parashà di Lekh Lekhà: Avrahàm, “inventore” del proselitismo

in: Blog/News | di: Micol Mieli

Rav Gedalia Schorr (Galizia, 1910-1979, Brooklyn) in Or Gedalyahu (p.43) cita il Talmud Babilonese (Chaghigà, 3a)  dove i Maestri si chiedono: “Qual è il significato del versetto [del Cantico dei Cantici, 7:1]: «Quanto sono belli i tuoi piedi nei loro calzari, o figlia di nobile»? [Significa:] Come sono belli i piedi di Israele quando salgono […]

Leggi tutto l'articolo nella sezione Blog/News


In ricordo di Rav Eliahu Ouazana

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Desideriamo ricordare con affetto e nostalgia la figura di Rav Eliahu Ouazana, shochet e sapiente Maestro che con il suo lavoro ha contribuito a migliorare la Comunità ebraica di Roma. Sia il suo ricordo in benedizione, Amen.

Leggi tutto l'articolo nella sezione Blog/News


Parashà di Nòach: La base di tutte le trasgressioni

in: Blog/News | di: Micol Mieli

La parashà  di Bereshìt  termina con queste parole: “Ora l’Eterno vide che la malvagità dell’uomo sulla terra stava aumentando. Ogni impulso dei suoi più reconditi pensieri era solo e sempre per il male. E l’Eterno si pentì di aver fatto l’uomo sulla terra e se ne addolorò in cuore. Così l’Eterno disse: sterminerò l’umanità che […]

Leggi tutto l'articolo nella sezione Blog/News


Hosha’nà Rabbà a Roma

in: Blog/News | di: Micol Mieli

Parecchi anni fa, il compianto rav Elio Toaff mi disse: “Dovresti vedere come è piena la sinagoga di Roma nel giorno di Hosha’nà Rabbà“. Per esaminare il motivo per cui a Roma viene data tanta importanza al giorno di Hosha’nà Rabbà, che è il settimo e ultimo giorno di Sukkòt, è utile riassumere una derashà […]

Leggi tutto l'articolo nella sezione Blog/News


visualizza tutte le news   >>
Delega vendita Chametz
Pesach 5777 lista prodotti
Visita Papa Francesco in Sinagoga
Virtual Tour Itinerari ebraici italiani