1568505600<=1347580800
1568505600<=1348185600
1568505600<=1348790400
1568505600<=1349395200
1568505600<=1350000000
1568505600<=1350604800
1568505600<=1351209600
1568505600<=1351814400
1568505600<=1352419200
1568505600<=1353024000
1568505600<=1353628800
1568505600<=1354233600
1568505600<=1354838400
1568505600<=1355443200
1568505600<=1356048000
1568505600<=1356652800
1568505600<=1357257600
1568505600<=1357862400
1568505600<=1358467200
1568505600<=1359072000
1568505600<=1359676800
1568505600<=1360281600
1568505600<=1360886400
1568505600<=1361491200
1568505600<=1362096000
1568505600<=1362700800
1568505600<=1363305600
1568505600<=1363910400
1568505600<=1364515200
1568505600<=1365120000
1568505600<=1365724800
1568505600<=1303171200
1568505600<=1366934400
1568505600<=1367539200
1568505600<=1368144000
1568505600<=1368748800
1568505600<=1369353600
1568505600<=1369958400
1568505600<=1370563200
1568505600<=1371168000
1568505600<=1371772800
1568505600<=1372377600
1568505600<=1372982400
1568505600<=1373587200
1568505600<=1374192000
1568505600<=1374796800
1568505600<=1375401600
1568505600<=1376006400
1568505600<=1376611200
1568505600<=1377216000
1568505600<=1377820800
1568505600<=1378425600

16 ottobre 1943: una fiaccolata per ricordare

in: Blog/News | Pubblicato da: Redazione

Nessun Commento

Insieme agli ex deportati per ricordare quel 16 ottobre del 1943 in cui gli ebrei romani furono deportati nei campi di sterminio nazisti.

Ieri sera, sulla piazza che porta il nome di quella terribile data, nel quartiere ebraico di Roma si e’ svolta la tradizionale fiaccolata organizzata dalla Comunità di Sant’Egidio e dalla Comunità ebraica della Capitale.

”Festeggiamo la Festa delle Capanne – ha spiegato il rabbino capo di Roma, Riccardo Di Segni – a ricordo della traversata degli ebrei nel deserto.

I nazisti che non avevano rispetto né della memoria né delle persone hanno violato anche il senso di questa festività. E’ come se in una comunita’ cristiana fosse stata operata violenza nel giorno di Natale”.

Alla cerimonia, oltre agli interventi del cardinale Agostino Vallini e del presidente dell’Ucei, Renzo Gattegna, ha preso la parola il presidente della Comunita’ ebraica Riccardo Pacifici. ”Le sfide che ci attendono sono tante – ha detto – rompere il muro di sospetto, della xenofobia e del razzismo. Roma, l’Italia e gli ebrei non hanno paura”.

“L’oblio di tanta sofferenza sarebbe un impoverimento morale imperdonabile”, ha detto il vicario di Roma, card.Agostino Vallini, auspicando che la memoria di quel 16 ottobre ”si elevi costantemente come monito solenne per la difesa dei diritti inalienabili dell’uomo e dei popoli e formi le menti e i cuori a saper resistere al pericolo di ogni risorgente razzismo e antisemitismo”.

”Non siamo qui solo a ricordare – ha detto il sindaco di Roma Gianni Alemanno – quel giorno infame in cui la violenza e l’odio politico nazifascista alimentato dal razzismo si sono uniti per atti di violenza anche nei confronti di bambini. Questa marcia, la piu’ drammaticamente bella, è l’esercizio più importante per il futuro. Dobbiamo rispondere con forza che Roma non dimentica i suoi bambini e quei suoi cittadini portati via. Ecco il nostro impegno: Roma non vuole dimenticare”.

”Da mesi – ha affermato il presidente della Provincia di Roma Nicola Zingaretti – tanti ragazzi stanno entrando nelle case degli anziani con telecamere per raccogliere testimonianze per la Banca della Memoria, e guardando quei video spesso emerge il 16 ottobre come data che ha segnato e ferito questa citta’. Ascoltando quelle voci si comprende il valore di questa bellissima marcia perche’ la Memoria e’ la volonta’ di tramandare i valori negativi che erano dietro quei fatti storici. Il 16 ottobre non deve stare solo nei libri di storia ma ci deve imporre tutti i giorni coerenza perche’ nessuno si senta piu’ solo per la sua religione”.

La presidente della Regione Lazio Renata Polverini ha infine ricordato il viaggio della memoria che ha appena compiuto con i ragazzi in Polonia: ”il Ghetto di Cracovia, il lager di Auschwitz riescono a far comprendere meglio di tante parole ai ragazzi cio’ che e’ accaduto. Ci torneremo ma porteremo i giovani anche in altri campi perche’ vogliamo farli anche ‘spaventare’ per dare loro il testimone che cio’ non accada piu’. Non vogliamo piu’ vedere quanto accaduto tanti anni fa e quello che e’ accaduto ieri”.

Per Andrea Riccardi di Sant’Egidio ”ricordare il 16 ottobre è’ una memoria viva che si rinnova ogni anno e ci aiuta a combattere a mani nude tutti i germi di disprezzo che sono ancora nella nostra societa”’.

Al termine della cerimonia i partecipanti si sono recati al giardino della sinagoga per festeggiare, insieme, la festa di Succot.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , , , ,