1397606400<=1347580800
1397606400<=1348185600
1397606400<=1348790400
1397606400<=1349395200
1397606400<=1350000000
1397606400<=1350604800
1397606400<=1351209600
1397606400<=1351814400
1397606400<=1352419200
1397606400<=1353024000
1397606400<=1353628800
1397606400<=1354233600
1397606400<=1354838400
1397606400<=1355443200
1397606400<=1356048000
1397606400<=1356652800
1397606400<=1357257600
1397606400<=1357862400
1397606400<=1358467200
1397606400<=1359072000
1397606400<=1359676800
1397606400<=1360281600
1397606400<=1360886400
1397606400<=1361491200
1397606400<=1362096000
1397606400<=1362700800
1397606400<=1363305600
1397606400<=1363910400
1397606400<=1364515200
1397606400<=1365120000
1397606400<=1365724800
1397606400<=1303171200
1397606400<=1366934400
1397606400<=1367539200
1397606400<=1368144000
1397606400<=1368748800
1397606400<=1369353600
1397606400<=1369958400
1397606400<=1370563200
1397606400<=1371168000
1397606400<=1371772800
1397606400<=1372377600
1397606400<=1372982400
1397606400<=1373587200
1397606400<=1374192000
1397606400<=1374796800
1397606400<=1375401600
1397606400<=1376006400
1397606400<=1376611200
1397606400<=1377216000
1397606400<=1377820800
1397606400<=1378425600

A 30 anni dall’attentato alla Sinagoga Maggiore di Roma

in: Blog/News | Pubblicato da: Giacomo Kahn

5 Commenti

Alla ricorrenza, che si terrà mercoledì 10 ottobre, parteciperà il Presidente della repubblica Giorgio Napolitano

9 ottobre 1982. Sono trascorsi 30 anni dall’attentato alla Sinagoga Maggiore di Roma, commesso da un commando palestinese: due minuti di inferno con lancio di granate e colpi di mitragliatrice ad altezza uomo.

Sul selciato, proprio davanti l’uscita del tempio, i corpi dilaniati di quaranta feriti e la piccola vittima di soli due anni Stefano Gaj Taché, colpita mortalmente.

Una strage – denunciarono subito gli ebrei romani – annunciata. Una vergognosa campagna diffamatoria contro gli ebrei italiani e contro Israele, impegnata all’epoca nel conflitto nel sud del Libano, era stata infatti sostenuta dai mezzi di comunicazione, dal mondo politico, da quello sindacale con un uso sconsiderato di termini e di idee violentemente antisemite. Una campagna di diffamazione che era culminata, appena poche settimane prima dell’attentato, con il lancio di una bara vuota davanti alla sinagoga da parte di esponenti sindacali al termine di un corteo.

Quella simbolica bara vuota fu, purtroppo, riempita il 9 ottobre 1982.

Tardi, troppo tardi, giunsero i messaggi di solidarietà delle Istituzioni e del mondo politico: gli ebrei romani si chiusero in se stessi, accogliendo con un silenzio fragoroso il Presidente Pertini che volle essere presente alle esequie del piccolo Stefano.

A trenta anni da quei tragici avvenimenti, a trenta anni da un clima avvelenato che chiedeva agli ebrei di discolparsi, e alla vigilia finalmente dell’inserimento del nome di Stefano Gaj Taché nell’elenco ufficiale delle vittime del terrorismo, la Comunità Ebraica di Roma si prepara a commemorare il 30° anniversario dell’attentato alla presenza, straordinaria, del capo della Stato Giorgio Napolitano.

Non mancheranno commozione e lacrime con la testimonianza di Gadiel Gaj Taché (fratello di Stefano, e lui stesso gravemente ferito), ma anche l’assoluta certezza e consapevolezza che gli ebrei italiani oggi non sono più soli, sono anzi un importante e vitale elemento di ricchezza culturale del nostro Paese. Sarà soprattutto un’occasione per dire grazie a chi, con spirito di fratellanza e di solidarietà, si prodigò nell’aiuto ai feriti. Sarà una occasione per ricordare, però, che la storia e i retroscena di questo attentato non sono stati ancora chiariti: rimangono molti interrogativi su come fosse stata realizzata la strage, con quali aiuti interni al Paese e sulla identità dei terroristi dei quali solo uno è stato condannato in contumacia all’ergastolo, Osama Abdel Al Zomar. Al Zomar non ha mai scontato la sua pena e sebbene arrestato in Grecia, fu estradato in Libia.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , , ,