1506297600<=1347580800
1506297600<=1348185600
1506297600<=1348790400
1506297600<=1349395200
1506297600<=1350000000
1506297600<=1350604800
1506297600<=1351209600
1506297600<=1351814400
1506297600<=1352419200
1506297600<=1353024000
1506297600<=1353628800
1506297600<=1354233600
1506297600<=1354838400
1506297600<=1355443200
1506297600<=1356048000
1506297600<=1356652800
1506297600<=1357257600
1506297600<=1357862400
1506297600<=1358467200
1506297600<=1359072000
1506297600<=1359676800
1506297600<=1360281600
1506297600<=1360886400
1506297600<=1361491200
1506297600<=1362096000
1506297600<=1362700800
1506297600<=1363305600
1506297600<=1363910400
1506297600<=1364515200
1506297600<=1365120000
1506297600<=1365724800
1506297600<=1303171200
1506297600<=1366934400
1506297600<=1367539200
1506297600<=1368144000
1506297600<=1368748800
1506297600<=1369353600
1506297600<=1369958400
1506297600<=1370563200
1506297600<=1371168000
1506297600<=1371772800
1506297600<=1372377600
1506297600<=1372982400
1506297600<=1373587200
1506297600<=1374192000
1506297600<=1374796800
1506297600<=1375401600
1506297600<=1376006400
1506297600<=1376611200
1506297600<=1377216000
1506297600<=1377820800
1506297600<=1378425600

A lezione di Kasherut nel tempio di Adriano

in: Blog/News | Pubblicato da: Redazione

Nessun Commento

Kasher o non Kasher: questo è il dilemma. Mercoledì scorso, nel tardo pomeriggio, si è svolto un incontro dal tema “Kosher a Roma” a Piazza di Pietra, nel tempio di Adriano.  Adriano nel 135 tentò di sradicare l’ebraismo considerandolo la causa delle continue ribellioni, proibì la Torah e mise a morte gli studiosi. Gerusalemme prese il nome di Aelia Capitolina e agli ebrei venne vietato l’accesso. Ironia della sorte ieri proprio nel suo tempio si è parlato della simbologia della Kasherut e della tradizione ebraica. Sandro Di Casto ideatore del progetto insieme a Stefano Caviglia, ha ricordato che dietro alle tradizionali ricette giudaico romanesche c’è un mondo affascinante racchiuso nella simbologia e nella lingua ebraica. Trentadue sono i denti e trentadue sono le vie per arrivare alla sapienza. Cibo, machal in ebraico, porta la stessa radice di malach, angelo.
Il Rabbino Capo di Roma, Riccardo Di Segni ha sottolineato l’importanza che il cibo ha per un ebreo. Adamo peccò nel Gan Eden. La trasgressione, sulla quale si è sviluppata una lunga esegesi, fu di tipo alimentare. Il vasto argomento dell’alimentazione Kasher può essere sintetizzato in: animali permessi e animali proibiti, macellazione rituale e divieto di mangiare alimenti di carne e latticini insieme. Ma la domanda più ricorrente è: “Perché?”. A partire dai semplici curiosi fino ad arrivare agli studiosi di antropologia culturale e agli stessi ebrei, tutti si pongono la stessa domanda. Le risposte sono vaste, dalle più semplici alle più assurde. Gli ebrei osservanti si basano sulla presenza delle regole nella Torah, alcuni credono nell’igiene del cibo Kasher, ma qualcun altro contesta perché sarebbe riduttivo fare della Torah un manuale di igiene. Che la Kasherut sia stata istituita per distinguere il popolo ebraico dagli altri popoli, non è da escludere. Serve forse per educare il popolo? Ovviamente le strade perseguibili sono molte.
Il maiale è il cibo proibito per eccellenza. Ed anche qui si scatenano montagne di domande dalla difficile risposta. Si crede che sia un animale sporco e quindi non sano, che il suo mantenimento, non cibandosi di erba, è costoso. Oppure c’è la teoria che sia sinonimo di ipocrisia: gli ebrei mangiano animali con lo zoccolo spaccato e ruminanti. Ma attenzione, “non è tutt’oro quel che luccica”, il maiale apparentemente ha lo zoccolo spaccato, ma non è ruminante. Per questo è considerato ingannevole.
L’iniziativa è stata presa dall’’Azienda  Romana Mercati in collaborazione con l’Istituto Centrale per i Beni Sonori e Audiovisivi, l’Archivio Storico e il Centro di Cultura della Comunità Ebraica di Roma per onorare una tradizione che attira i palati più curiosi. 
Nonostante tutte le persecuzioni, i prezzi alti del cibo Kasher, la cucina giudaico romanesca è ben salda e chi non ha avuto il piacere di assaggiarla, non sa che si perde.

Sara Moresco

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS