1566691200<=1347580800
1566691200<=1348185600
1566691200<=1348790400
1566691200<=1349395200
1566691200<=1350000000
1566691200<=1350604800
1566691200<=1351209600
1566691200<=1351814400
1566691200<=1352419200
1566691200<=1353024000
1566691200<=1353628800
1566691200<=1354233600
1566691200<=1354838400
1566691200<=1355443200
1566691200<=1356048000
1566691200<=1356652800
1566691200<=1357257600
1566691200<=1357862400
1566691200<=1358467200
1566691200<=1359072000
1566691200<=1359676800
1566691200<=1360281600
1566691200<=1360886400
1566691200<=1361491200
1566691200<=1362096000
1566691200<=1362700800
1566691200<=1363305600
1566691200<=1363910400
1566691200<=1364515200
1566691200<=1365120000
1566691200<=1365724800
1566691200<=1303171200
1566691200<=1366934400
1566691200<=1367539200
1566691200<=1368144000
1566691200<=1368748800
1566691200<=1369353600
1566691200<=1369958400
1566691200<=1370563200
1566691200<=1371168000
1566691200<=1371772800
1566691200<=1372377600
1566691200<=1372982400
1566691200<=1373587200
1566691200<=1374192000
1566691200<=1374796800
1566691200<=1375401600
1566691200<=1376006400
1566691200<=1376611200
1566691200<=1377216000
1566691200<=1377820800
1566691200<=1378425600

A5372, un numero tatuato nell’anima

in: Giornata della Memoria | Pubblicato da: Redazione

Nessun Commento

Su La7, rav Riccardo Di Segni ospite del programma Otto e mezzo

Venerdì sera, ma era stata registrata prima dell’entrata dello Shabbat, è andata in onda su LA7 una puntata speciale di ‘Otto e mezzo’, condotta da Lilli Gruber, in occasione delle celebrazioni del Giorno della memoria. In studio sono intervenuti il capo rabbino di Roma, rav Riccardo Di Segni e la semiologa Valentina Pisanty, autrice del recente volume “Abusi di memoria. Negare, banalizzare, sacralizzare la Shoah”.

Si è discusso degli abusi della memoria, ma anche della necessità di trasformare tutte le nuove generazioni in testimoni di testimoni. Una necessità, addirittura un dovere, facendo però attenzione – ha spiegato rav Di Segni – a non trasformare l’ebraismo in una religione del pianto e della morte, perché l’ebraismo, ci insegna la Torà, è per la vita dell’uomo.

Al dibattito in studio si sono alternate le immagini e le testimonianze dei sopravvissuti, in particolare di Goti Bauer, deportata ad Auschwitz. “Noi sulla rampa di Birkenau – ha raccontato una volta in una testimonianza raccolta dalla Fondazione Binario2 1 – abbiamo visto scaricare dai vagoni famiglie intere e non abbiamo potuto soccorrere migliaia di bambini che, con una bambolina o un orsacchiotto in mano, venivano spinti verso la camera a gas. È uno dei tanti dolorosi ricordi che ci accompagneranno per il resto dei nostri giorni”.

Anche per attenuare questo dolore – ha raccontato la stessa Bauer – “nel dopo guerra su suggerimento di mio marito, cancellai dal braccio il numero che mi avevano tatuato. Oggi posso dire di avere sbagliato. Oggi sul braccio ho una cicatrice, ma il numero A5372 mi è rimasto tatuato nell’anima”.

L’intera puntata di Otto e mezzo è possibile rivedere al link: La7tv

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , ,