1563321600<=1347580800
1563321600<=1348185600
1563321600<=1348790400
1563321600<=1349395200
1563321600<=1350000000
1563321600<=1350604800
1563321600<=1351209600
1563321600<=1351814400
1563321600<=1352419200
1563321600<=1353024000
1563321600<=1353628800
1563321600<=1354233600
1563321600<=1354838400
1563321600<=1355443200
1563321600<=1356048000
1563321600<=1356652800
1563321600<=1357257600
1563321600<=1357862400
1563321600<=1358467200
1563321600<=1359072000
1563321600<=1359676800
1563321600<=1360281600
1563321600<=1360886400
1563321600<=1361491200
1563321600<=1362096000
1563321600<=1362700800
1563321600<=1363305600
1563321600<=1363910400
1563321600<=1364515200
1563321600<=1365120000
1563321600<=1365724800
1563321600<=1303171200
1563321600<=1366934400
1563321600<=1367539200
1563321600<=1368144000
1563321600<=1368748800
1563321600<=1369353600
1563321600<=1369958400
1563321600<=1370563200
1563321600<=1371168000
1563321600<=1371772800
1563321600<=1372377600
1563321600<=1372982400
1563321600<=1373587200
1563321600<=1374192000
1563321600<=1374796800
1563321600<=1375401600
1563321600<=1376006400
1563321600<=1376611200
1563321600<=1377216000
1563321600<=1377820800
1563321600<=1378425600

La negazione di Ahmadinejad

in: Blog/News | Pubblicato da: Donatella Di Cesare

2 Commenti

Perché Mahmoud Ahmadinejad costituisce un pericolo senza precedenti per Israele? Per i negazionisti di tutti il mondo, che non smettono di encomiarlo, è un punto di riferimento. È infatti l’unico capo di stato ad aver parlato ufficialmente del cosiddetto «mito dell’Olocausto».

Com’è noto, intorno a questo argomento è stata organizzata a Teheran l’11 e il 12 dicembre 2006 una «Conferenza sull’Olocausto».

Ma Ahmadinejad non si limita alla Shoà. Procede oltre negando il luogo di Israele. È questo il suo «secondo argomento» ripetuto innumerevoli volte. Perché gli ebrei, approfittando della Shoà, sono andati proprio in Palestina? Perché l’Europa, e in particolare la Germania e l’Austria, non hanno procurato loro un territorio?

La domanda rilancia l’idea che la scelta di quel «luogo» sia il dettato di un dogma teologico, assecondato dai paesi europei, già esperti di colonialismo, che avevano ogni interesse a espellere gli ebrei. Gravissimo è che Ahmadinejad ha fatto dell’espulsione degli ebrei dal luogo in cui si trova l’attuale Stato di Israele un punto all’ordine del giorno.

Il ritorno degli ebrei in Eretz Israel non sarebbe dunque giustificato né sulla base della storia né sul diritto dei popoli, e sarebbe anzi indebito. Ma la delegittimazione del luogo sfocia nel rifiuto e nella negazione radicale del diritto a esistere. La questione non riguarda la geografia, bensì la storia. Ciò che si nega, quando si contesta il ritorno del popolo ebraico, è la sua storia, e perciò la sua identità e la sua sopravvivenza.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , , , , , ,