1563321600<=1347580800
1563321600<=1348185600
1563321600<=1348790400
1563321600<=1349395200
1563321600<=1350000000
1563321600<=1350604800
1563321600<=1351209600
1563321600<=1351814400
1563321600<=1352419200
1563321600<=1353024000
1563321600<=1353628800
1563321600<=1354233600
1563321600<=1354838400
1563321600<=1355443200
1563321600<=1356048000
1563321600<=1356652800
1563321600<=1357257600
1563321600<=1357862400
1563321600<=1358467200
1563321600<=1359072000
1563321600<=1359676800
1563321600<=1360281600
1563321600<=1360886400
1563321600<=1361491200
1563321600<=1362096000
1563321600<=1362700800
1563321600<=1363305600
1563321600<=1363910400
1563321600<=1364515200
1563321600<=1365120000
1563321600<=1365724800
1563321600<=1303171200
1563321600<=1366934400
1563321600<=1367539200
1563321600<=1368144000
1563321600<=1368748800
1563321600<=1369353600
1563321600<=1369958400
1563321600<=1370563200
1563321600<=1371168000
1563321600<=1371772800
1563321600<=1372377600
1563321600<=1372982400
1563321600<=1373587200
1563321600<=1374192000
1563321600<=1374796800
1563321600<=1375401600
1563321600<=1376006400
1563321600<=1376611200
1563321600<=1377216000
1563321600<=1377820800
1563321600<=1378425600

Come vanno le cose veramente in Medio Oriente

in: Medioriente | Pubblicato da: Angelo Pezzana

Nessun Commento

La non notizia delle celebrazioni del 48° anniversario della fondazione di Al Fatah

Hamas ha autorizzato Al Fatah a celebrare a Gaza il 48° anniversario della propria fondazione. Non si capisce perché il 48° e non il 50° fra due anni, oltre a tutto Abu Mazen si è ben guardato dall’andarci, non si sa mai, avrà pensato, potrebbero esserci dei problemi a tornare a Ramallah.

Non risulta nemmeno che dall’Anp siano partiti in massa gruppi di palestinesi, tali da riempire la piazza al-Saraya a Gaza, per cui è da ritenere che i festanti fossero quasi tutti cittadini della Striscia. Anche in questo caso i numeri destano curiosità. Alcuni giornali li hanno stimati in un milione, una cifra contraddetta proprio da quei giornali in prima fila quando si tratta abbellire il quadro palestinese. L’UNITA’ ha scritto che erano cinquecentomila, addirittura la metà, e il MANIFESTO è sceso fino a duecentomila. E se fossero stati molto meno ancora?

Che l’informazione occidentale sia sempre poco interessata a quanto avviene a Gaza è noto, a meno che non c’entri Israele (Flotille varie, risposte ai lanci di razzi ecc.), allora capita che ci mandino pure un inviato speciale. Ma raccontare la vita quotidiana della Striscia, quella vera, con il rischio di non avere più il visto di entrata se uno poco poco descrive come governa una dittatura, beh, quel tipo di notizie ce le possiamo sognare.

Da Ramallah Abu Mazen ha applaudito al dono di Hamas, non ha partecipato di persona, questo no, ma si è complimentato con Hamas per “essersi scrollato di dosso l’occupazione e i coloni”. Che la storia sia andata diversamente, non conta nulla, anche Nasser nel ’67 veniva osannato dagli egiziani per avere distrutto la flotta aerea israeliana mentre era vero il contrario.

Resta da sottolineare che questo Abu Mazen, quello vero, è lo stesso che è venuto a Roma il mese scorso per ringraziare il nostro governo e il Papa per il sì all’Onu al riconoscimento della ‘Palestina’ come stato osservatore. E’ la solita storia, come insegnava la tattica del suo maestro Arafat, quando si parla in inglese sempre usare toni moderati, riempirli di parole come dialogo e pace. Quando si torna a parlare in arabo, allora si può essere sinceri e raccontarla giusta. Ma quell’Abu Mazen lì non interessa ai nostri media, chissà, potrebbero svegliarsi e capire improvvisamente come vanno le cose in Medio Oriente.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , , , ,