1537401600<=1347580800
1537401600<=1348185600
1537401600<=1348790400
1537401600<=1349395200
1537401600<=1350000000
1537401600<=1350604800
1537401600<=1351209600
1537401600<=1351814400
1537401600<=1352419200
1537401600<=1353024000
1537401600<=1353628800
1537401600<=1354233600
1537401600<=1354838400
1537401600<=1355443200
1537401600<=1356048000
1537401600<=1356652800
1537401600<=1357257600
1537401600<=1357862400
1537401600<=1358467200
1537401600<=1359072000
1537401600<=1359676800
1537401600<=1360281600
1537401600<=1360886400
1537401600<=1361491200
1537401600<=1362096000
1537401600<=1362700800
1537401600<=1363305600
1537401600<=1363910400
1537401600<=1364515200
1537401600<=1365120000
1537401600<=1365724800
1537401600<=1303171200
1537401600<=1366934400
1537401600<=1367539200
1537401600<=1368144000
1537401600<=1368748800
1537401600<=1369353600
1537401600<=1369958400
1537401600<=1370563200
1537401600<=1371168000
1537401600<=1371772800
1537401600<=1372377600
1537401600<=1372982400
1537401600<=1373587200
1537401600<=1374192000
1537401600<=1374796800
1537401600<=1375401600
1537401600<=1376006400
1537401600<=1376611200
1537401600<=1377216000
1537401600<=1377820800
1537401600<=1378425600

Caso Anna Frank – Il comunicato del presidente Ruth Dureghello

in: Blog/News | Pubblicato da: Redazione

Nessun Commento

“Prendiamo atto con soddisfazione della risposta delle Istituzioni e della società civile alle manifestazioni antisemite avvenute allo stadio Olimpico di Roma. Ciò rappresenta la presa di coscienza di un problema che non riguarda esclusivamente le comunità ebraiche, ma l’intera collettività. Auspichiamo quindi che il governo, le procure e le altre autorità preposte, agiscano affinché le leggi del nostro Stato vengano rispettate ovunque e non esistano più territori franchi come sono state alcune curve fino ad oggi. Come ha affermato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella l’utilizzo dell’immagine di Anna Frank è un atto disumano e allarmante. Ben vengano le iniziative delle singole società, serve però una riflessione più ampia, che coinvolga le istituzioni politiche, dello sport e le società di calcio affinché il fenomeno venga definitivamente debellato. Il rischio è che spenti i riflettori ci si dimentichi della necessità di risolvere un problema che offende la società civile e penalizza la parte sana del tifo in Italia.”

 

Lo comunica in una nota alla stampa la presidente della Comunità Ebraica di Roma Ruth Dureghello.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS