1568505600<=1347580800
1568505600<=1348185600
1568505600<=1348790400
1568505600<=1349395200
1568505600<=1350000000
1568505600<=1350604800
1568505600<=1351209600
1568505600<=1351814400
1568505600<=1352419200
1568505600<=1353024000
1568505600<=1353628800
1568505600<=1354233600
1568505600<=1354838400
1568505600<=1355443200
1568505600<=1356048000
1568505600<=1356652800
1568505600<=1357257600
1568505600<=1357862400
1568505600<=1358467200
1568505600<=1359072000
1568505600<=1359676800
1568505600<=1360281600
1568505600<=1360886400
1568505600<=1361491200
1568505600<=1362096000
1568505600<=1362700800
1568505600<=1363305600
1568505600<=1363910400
1568505600<=1364515200
1568505600<=1365120000
1568505600<=1365724800
1568505600<=1303171200
1568505600<=1366934400
1568505600<=1367539200
1568505600<=1368144000
1568505600<=1368748800
1568505600<=1369353600
1568505600<=1369958400
1568505600<=1370563200
1568505600<=1371168000
1568505600<=1371772800
1568505600<=1372377600
1568505600<=1372982400
1568505600<=1373587200
1568505600<=1374192000
1568505600<=1374796800
1568505600<=1375401600
1568505600<=1376006400
1568505600<=1376611200
1568505600<=1377216000
1568505600<=1377820800
1568505600<=1378425600

Auschwitz: 3 settembre 1941

in: Blog/News | Pubblicato da: Donatella Di Cesare

Nessun Commento

Settant’anni fa, il 3 settembre del 1941, furono gassati ad Auschwitz i primi 850 prigionieri. Cominciò a funzionare la fabbrica della morte. Da allora fino al 1944 le vittime ad Auschwitz furono un milione e settecentocinquantamila, nella maggioranza ebrei.

Si sapeva finora che nel 1944 alcuni dirigenti delle organizzazioni ebraiche avevano fatto pressione sugli alleati, perché facessero saltare le ferrovie che conducevano al lager.

Quello che non si sapeva è che Golda Meier, allora giovane leader sionista, cercò di convincere il governo degli Stati Uniti a bombardare Auschwitz. È quanto emerso dai nuovi documenti studiati dai ricercatori dell’Istituto David S. Wyman for Holocaust Studies di Washington.

Un rapporto completo «Golda Meir e la campagna per un bombardamento alleato su Auschwitz» (Golda Meir and the Campaign for an Allied Bombing of Auschwitz) è stato pubblicato dal direttore dell’Istituto e si può trovare all’indirizzo: WymanInstitute.org.

Negli anni quaranta Meir, che allora era conosciuta con il nome Goldie Myerson, era funzionaria della Histadrut, la Federazione ebraica del lavoro. Attraverso i contatti con gli esponenti rimasti in Europa l’organizzazione era venuta a conoscenza delle atrocità naziste. In uno dei messaggi ricevuti da Golda Meir si parla di «un mare di sangue che separa i nostri due continenti, un mare di cadaveri».

Tra i documenti è affiorata la domanda ufficiale inoltrata da Meir agli americani con la richiesta di «bombardare Oswienzim [Auschwitz] e le vie ferroviarie che trasportano gli ebrei» nei campi di morte. La richiesta fu consegnata da Heschel Frumkin, un dirigente della Histadrut. Nell’agosto del 1944, in una rivista sionista, pubblicata negli Stati Uniti, uscì un «appello per i bombardamenti alleati dei campi della morte e delle strade che vi giungono».

La risposta, immediata ma invariabile, da parte di John McCloy, segretario aggiunto del Ministero della Guerra, fu che l’azione era «irrealizzabile» perché sarebbe stato necessario un «appoggio aereo considerevole, essenziale alla riuscita». Mentre restano i dubbi sulla possibilità di un bombardamento, appare sempre più chiara invece la posizione non solo di Golda Meir, ma della dirigenza ebraica già emigrata.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , , ,