1568505600<=1347580800
1568505600<=1348185600
1568505600<=1348790400
1568505600<=1349395200
1568505600<=1350000000
1568505600<=1350604800
1568505600<=1351209600
1568505600<=1351814400
1568505600<=1352419200
1568505600<=1353024000
1568505600<=1353628800
1568505600<=1354233600
1568505600<=1354838400
1568505600<=1355443200
1568505600<=1356048000
1568505600<=1356652800
1568505600<=1357257600
1568505600<=1357862400
1568505600<=1358467200
1568505600<=1359072000
1568505600<=1359676800
1568505600<=1360281600
1568505600<=1360886400
1568505600<=1361491200
1568505600<=1362096000
1568505600<=1362700800
1568505600<=1363305600
1568505600<=1363910400
1568505600<=1364515200
1568505600<=1365120000
1568505600<=1365724800
1568505600<=1303171200
1568505600<=1366934400
1568505600<=1367539200
1568505600<=1368144000
1568505600<=1368748800
1568505600<=1369353600
1568505600<=1369958400
1568505600<=1370563200
1568505600<=1371168000
1568505600<=1371772800
1568505600<=1372377600
1568505600<=1372982400
1568505600<=1373587200
1568505600<=1374192000
1568505600<=1374796800
1568505600<=1375401600
1568505600<=1376006400
1568505600<=1376611200
1568505600<=1377216000
1568505600<=1377820800
1568505600<=1378425600

69°Anniversario della deportazione degli ebrei romani, il messaggio di Bersani alla Comunità ebraica di Roma

in: Blog/News | Pubblicato da: Redazione

Un Commento

In occasione del 69°anniversario della deportazione degli ebrei romani, il segretario Pd, Pierluigi Bersani, ha invito un messaggio alla Comunità ebraica di Roma:

“Quella di oggi è una data scolpita in maniera drammatica nella memoria di Roma e del paese intero. E’ il giorno in cui ricordiamo il rastrellamento del Ghetto e la deportazione di 1024 ebrei romani, uno dei momenti più dolorosi delle persecuzioni antisemite fasciste e naziste in Italia. Il 16 ottobre di 69 anni fa, una parte della città fu strappata con inaudita violenza alla vita e agli affetti. Furono soltanto sedici le persone che riuscirono a tornare dai campi di sterminio nazisti e, con un coraggio e con una forza incredibile, sono diventati i testimoni della Shoah avendo come loro unica priorità il desiderio di trasmetterne la memoria ai giovani. La data di oggi resta una ferita aperta nel cuore di Roma. Una ferita che ha subito nuovi oltraggi. Non possiamo dimenticare di aver vissuto altri momenti dolorosissimi, come l’attentato del commando palestinese alla Sinagoga nel 1982, nel quale perse la vita il piccolo Stefano Gaj Taché, e prima di questo l’odioso gesto di una bara lasciata durante una manifestazione davanti alla Sinagoga. Dinanzi alle vittime innocenti e al dolore di chi resta, non è consentito l’oblio. E’ significativo che questa giornata sia stata scelta per dare avvio a un disegno di legge del Partito Democratico che porterà alla definizione del reato di negazionismo. Essere consapevoli della nostra storia, coltivare il valore della memoria, non dimenticare la vergogna delle leggi razziali, sono le fondamenta per dire mai più all’antisemitismo e al razzismo, sotto qualsiasi forma dovessero tornare a presentarsi. Mali che si nascondono nella parte più buia dell’animo umano e che minacciano la pacifica convivenza tra le persone. Lo vediamo con preoccupazione nel risorgere in tutta Europa, dalla Grecia all’Ungheria, di movimenti neonazisti che si richiamano a quel passato. Perché dobbiamo essere consapevoli che proprio nella crisi possono insorgere regressioni devastanti. Non dobbiamo dimenticare che sui valori della convivenza e del rispetto dei diritti dell’uomo i Padri Costituenti costruirono un futuro di pace e sviluppo risollevando il Paese dopo le devastazioni della guerra e della dittatura. Leader europei ugualmente lungimiranti capirono che solo un destino comune avrebbe preservato l’Europa da altre guerre. Elie Wiesel con parole straordinarie ha motivato il suo consenso al Nobel per la Pace assegnato all’UE dicendo che è bello pensare all’Europa di oggi non più come un’idea ma soprattutto come un ideale. Mi unisco a questo pensiero ed osservo che la prospettiva di un’Europa unita sia l’unica in grado di fermare i rigurgiti di nazionalismo. Proseguire un cammino per mantener fede ad una promessa di pace e di progresso, per non conoscere più la vergogna della discriminazione razziale o religiosa: questo è il futuro. E, dentro questo progetto, ognuno di noi non deve stancarsi di lottare affinché le persone imparino a parlarsi senza odio”.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , ,