1510963200<=1347580800
1510963200<=1348185600
1510963200<=1348790400
1510963200<=1349395200
1510963200<=1350000000
1510963200<=1350604800
1510963200<=1351209600
1510963200<=1351814400
1510963200<=1352419200
1510963200<=1353024000
1510963200<=1353628800
1510963200<=1354233600
1510963200<=1354838400
1510963200<=1355443200
1510963200<=1356048000
1510963200<=1356652800
1510963200<=1357257600
1510963200<=1357862400
1510963200<=1358467200
1510963200<=1359072000
1510963200<=1359676800
1510963200<=1360281600
1510963200<=1360886400
1510963200<=1361491200
1510963200<=1362096000
1510963200<=1362700800
1510963200<=1363305600
1510963200<=1363910400
1510963200<=1364515200
1510963200<=1365120000
1510963200<=1365724800
1510963200<=1303171200
1510963200<=1366934400
1510963200<=1367539200
1510963200<=1368144000
1510963200<=1368748800
1510963200<=1369353600
1510963200<=1369958400
1510963200<=1370563200
1510963200<=1371168000
1510963200<=1371772800
1510963200<=1372377600
1510963200<=1372982400
1510963200<=1373587200
1510963200<=1374192000
1510963200<=1374796800
1510963200<=1375401600
1510963200<=1376006400
1510963200<=1376611200
1510963200<=1377216000
1510963200<=1377820800
1510963200<=1378425600

Tazrìa’ – Metzorà’: “Chi accusa altri di un difetto è lui stesso affetto da quel difetto”

in: Altri, Blog/News | di: Micol Mieli

Nessun Commento

Nella parashà di Ki Tazrìa’ viene introdotto l’argomento della tzara’àt. I Maestri ci insegnano che la tzara’àt era una malattia della pelle (si dice che la parola “psoriasi” derivi appunto da tzara’àt, spesso impropriamente tradotta con la parola “lebbra”), che l’Eterno mandava a coloro che avevano commesso un grave peccato come  la maldicenza. I Maestri nel Midràsh alludono a questo quando paragonano la parola metzorà’ (cosi si chiama la persona affetta da tzarà’at) alla parola “motzì shem rà” ossia calunniatore, maldicente.

Leggi tutto l’articolo


Congresso ebrei: ok parole del Papa su Gesù

in: Altri, Vaticano | Scritto da: Redazione

5 Commenti

Il World Jewish Congress (Wjc) ha elogiato Benedetto XVI per aver “inequivocabilmente respinto l’argomento che il popolo ebraico possa essere ritenuto collettivamente ed eternamente responsabile per la morte di Gesù“.

La dichiarazione del gruppo che rappresenta decine di comunità ebraiche del mondo sono arrivate all’indomani di alcune anticipazioni di “Gesù di Nazareth. Dall’ingresso in Gerusalemme fino alla risurrezione“, il nuovo libro del Papa, secondo cui gli ebrei non sono colpevoli di deicidio. Leggi tutto l’articolo