1568505600<=1347580800
1568505600<=1348185600
1568505600<=1348790400
1568505600<=1349395200
1568505600<=1350000000
1568505600<=1350604800
1568505600<=1351209600
1568505600<=1351814400
1568505600<=1352419200
1568505600<=1353024000
1568505600<=1353628800
1568505600<=1354233600
1568505600<=1354838400
1568505600<=1355443200
1568505600<=1356048000
1568505600<=1356652800
1568505600<=1357257600
1568505600<=1357862400
1568505600<=1358467200
1568505600<=1359072000
1568505600<=1359676800
1568505600<=1360281600
1568505600<=1360886400
1568505600<=1361491200
1568505600<=1362096000
1568505600<=1362700800
1568505600<=1363305600
1568505600<=1363910400
1568505600<=1364515200
1568505600<=1365120000
1568505600<=1365724800
1568505600<=1303171200
1568505600<=1366934400
1568505600<=1367539200
1568505600<=1368144000
1568505600<=1368748800
1568505600<=1369353600
1568505600<=1369958400
1568505600<=1370563200
1568505600<=1371168000
1568505600<=1371772800
1568505600<=1372377600
1568505600<=1372982400
1568505600<=1373587200
1568505600<=1374192000
1568505600<=1374796800
1568505600<=1375401600
1568505600<=1376006400
1568505600<=1376611200
1568505600<=1377216000
1568505600<=1377820800
1568505600<=1378425600

Festival del cinema di Venezia: da Israele l’amore tra ultra-ortodossi

in: Eventi, Foto gallery | Scritto da: Redazione

Un Commento

La regista di “fill the void”: do voce a una comunità muta

‘Fill the Void’, scritto e diretto da Rama Burshtein, unico film israeliano in concorso alla Mostra di Venezia, racconta di un mondo a molti sconosciuto. Ovvero dentro una famiglia ebrea ortodossa di Tel Aviv, dove ogni scelta, ogni decisione viene presa alla luce dei dettami e delle regole inspirate dalla Bibbia.

Il racconto si svolge in una comunità di Haredim (timorati di Dio) ed ha come protagonista Shira (Hadas Yaron), una bella ragazza di 18 anni, la più giovane figlia della famiglia Mendelman, che si sta per sposare con un giovane coetaneo. Ma nella famiglia Mendelman accade una disgrazia del tutto inattesa. Esther (Renana Raz), la sorella ventottenne di Shira, muore dopo aver partorito il piccolo Mordechai. Leggi tutto l’articolo


Da domenica “Lech Lechà – vai a te stesso”: in Puglia una settimana di eventi culturali ebraici

in: Eventi | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Parte domenica 2 settembre a Trani ‘Lech Lecha’ (‘Vai a te stesso’), la rassegna che in varie citta’ pugliesi vedra’ protagoniste per un’intera settimana l’arte, la cultura e la letteratura ebraica.

La manifestazione è promossa dall’Assessorato al Mediterraneo della Regione e organizzata dalla Comunità ebraica di Napoli, sezione di Trani, con il patrocinio dell’Unione Comunita’ Ebraiche Italiane, Fondazione Beni Culturali Ebraici, Comuni e Province ospitanti gli eventi. ”I legami tra ebraismo e Puglia sono bimillenari”, commenta l’assessore Silvia Godelli. Leggi tutto l’articolo


Israele alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia

in: Eventi | Scritto da: Redazione

Un Commento

Alla 69 Mostra Internazionale del Cinema di Venezia saranno presentati, in tutte le sezioni della mostra, ben sette film israeliani.

Si tratta di un importante riconoscimento alla qualità della nuova cinematografia israeliana, che è cresciuta molto in questi ultimi anni anche grazie a una coraggiosa politica di sostegno finanziario delle nuove produzioni.

Quest’anno, per la prima volta nella storia della Mostra di Venezia, i film della sezione «Orizzonti» saranno disponibili in tutto il mondo anche per la visione in streaming in contemporanea con le proiezioni ufficiali al Lido. La sezione «Orizzonti» presenta film d’esordio e lungometraggi d’innovazione e di originalità creativa. Tra questi anche l’israeliano “The Cutoff Man” di Idan Hubel, magistralmente interpretato da Moshè Igvy.

E’ la storia di Gabi che svolge un lavoro ingrato, taglia il rifornimento d’acqua alle persone che non pagano le bollette. Come un ladro si aggira nei cortili dove si trovano i contatori dell’acqua. Quando le persone lo vedono, lo maledicono e lo umiliano, gli danno la colpa per la situazione in cui si trovano. Gabi ha una famiglia da mantenere e per questo sopporta le umiliazioni, solo perché i suoi problemi economici non gli consentono di perdere il lavoro. La sua unica speranza di riscatto è riposta nel figlio, che sogna di diventare un calciatore professionista. Ma il giorno in cui Gabi è costretto a togliere l’acqua al principale sponsor della squadra del figlio, il suo sogno comincia a vacillare.

Gli altri film israeliani in programmazione al Festival sono:

LEMALE ET HA’CHALAL (FILL THE VOID), di Rama Burshtein: dipinge i complessi rapporti all’interno di una famiglia di ebrei ortodossi. La protagonista, Shira, è fidanzata con un promettente studente di yeshiva. Il matrimonio verrà però rimandato a causa della morte della sorella maggiore di Shira, e in seguito la situazione si complicherà quando la famiglia chiederà a Shira di rinunciare al suo fidanzato per sposare il vedovo della sorella e tenere quindi in famiglia il nipote (http://www.moviecamp.it/venezia-2012-fill-the-void-di-rama-burshtein).

WATER di Nir Sa’ar, Maya Sarfaty, Mohammad Fuad: documentario e finzione, dramma e commedia, autoironia e denuncia. Otto registi israeliani e palestinesi, e sette opere compongono Water, opera collettiva nata da un’idea di Yael Perlov. Il film, nel suo insieme, vuole documentare, attraverso un tema universale come quello dell’acqua, i diversi punti di vista e gli elementi di conflitto ma anche di possibile comunicazione tra israeliani e palestinesi. Un progetto di evidente valore politico che offre straordinari spunti di riflessione e alcuni momenti di cinema puro (http://www.taufilmfest.com/en/events/water#).

HAYUTA VE BERL (EPILOGUE) di Amir Manor: una coppia di anziani, si confronta con i cambiamenti di carattere socio-economico della società israeliana di oggi, e una dolorosa notte decide di porre fine alle sue sofferenze (http://www.israelfilmcenter.org/israeli-film-database/films/hayuta-and-berl).

HERITAGE (INHERITANCE) di Hiam Abbas: racconta la storia di una famiglia musulmana di un villaggio nel nord di Israele in lotta per l’eredità (http://www.alma-films.com/CatalogueFilms.asp?filmid=53&page=1&cat=1).

CARMELLULLABY TO MY FATHER di Amos Gitai: omaggio del grande regista israeliano ai suoi genitori attraverso le loro vicende che ripercorrono l’intera parabola del Novecento (http://www.amosgitai.com/html/film.asp?lang=1).

Per accedere alla sala virtuale online è possibile acquistare il biglietto digitale sul sitohttp://www.labiennale.org/it/cinema/mostra-69/69miac/orizzonti-streaming.html. Ciascun titolo (in versione originale con sottotitoli in inglese) sarà disponibile per la visione in streaming nell’arco delle 24 ore a partire dalle ore 21 (ora italiana) del giorno della presentazione ufficiale del film alla Mostra.


A Giovanni Maria Flick assegnato il riconoscimento della Menorah d’Oro 2012

in: Eventi | di: Giacomo Kahn

Un Commento

Giunta alla settima edizione, è una iniziativa del Benè Berith di Roma

Nella suggestiva ed originalissima sede dell’ex mattatoio di Tastaccio a Roma – oggi sede del Museo Macro – si è tenuta ieri la serata di gala per la consegna da parte dell’organizzazione umanitaria Benè Berith di Roma del Premio Menorah d’Oro al Prof. Giovanni Maria Flick.

Giunta alla settimana edizione, il premio Menorah d’Oro viene conferito come significativa onorificenza, a quelle personalità del mondo culturale, politico ed imprenditoriale che si sono distinte per la loro azione volta a rigettare e a contrastare ogni fenomeno di razzismo e di intolleranza o volta a diffondere la cultura dell’accoglienza, del confronto, della dignità umana, nonché a difendere il diritto di Israele a vivere e prosperare in pace con i suoi vicini arabi. Leggi tutto l’articolo


55° Edizione del Festival dei Due Mondi di Spoleto

in: Eventi | di: Claudia De Benedetti

Nessun Commento

In mostra le opere dell’artista israeliano Shay Frisch Peri

Si svolge, fino al 15 luglio 2012 la 55a edizione del Festival dei Due Mondi di Spoleto, storica manifestazione culturale che negli ultimi anni si è riaffermata quale evento di risonanza mondiale, appuntamento da non perdere dal punto di vista dell′eccellenza artistica e da quello della competitività sul mercato internazionale dello spettacolo. Leggi tutto l’articolo


Convegno sulla donazione del midollo osseo: tra Halahà, etica e clinica

in: Eventi | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Lunedì 9 luglio, a partire dalle ore 20.00, l’Associazione Medici Ebrei-Roma ha promosso un importante convegno sul tema “La donazione del midollo osseo: Halahà, Etica e Clinica”.

Intervengono esperti e medici: Dario Perugia, Riccardo Pacifici, Bruno Piperno, Mario Falconi, Renato Caviglia, rav Riccardo Di Segni, Giuseppe Avvisati, Roberto Foà. Leggi tutto l’articolo


Il Benè Berith di Roma assegna la “Menorah d’oro” a Giovanni Maria Flick

in: Eventi | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Il professor Giovanni Maria Flick riceverà il premio ‘La Menorah d’Oro’, prestigioso riconoscimento conferito dall’organizzazione umanitaria ebraica Benè Berith di Roma Elia Benamozegh. La cerimonia di premiazione si svolgerà giovedì 5 luglio, alle ore 20.30 con una cena di gala al Museo Macro di Testaccio, a Roma.

Il premio ènato nel 2004 e da allora viene assegnato a personalità del mondo politico e culturale che si sono distinte per la loro azione contro il razzismo e l’intolleranza e volta a diffondere la cultura dell’accoglienza e del confronto, oltre che a difendere il diritto di Israele a vivere in pace. Leggi tutto l’articolo


Ciceruacchio, Roma e gli ebrei

in: Eventi | di: Silvia Haia Antonucci

Nessun Commento

Presentato il libro di Claudio Modena dedicato all’eroe risorgimentale della Capitale

“Non nacque rivoluzionario, amava semplicemente la libertà”, con queste parole Claudio Modena descrive Angelo Brunetti nel suo libro, Ciceruacchio. Angelo Brunetti. Capopolo di Roma, pubblicato nel 2011 da Mursia.

Un testo accattivante e divulgativo, arricchito dalla prefazione di Giulio Andreotti e da un apparato iconografico interessante, che è stato presentato – a 130 anni dalla morte di Giuseppe Garibaldi e 150 dalla battaglia di Aspromonte – dalla Comunità ebraica di Roma e dall’Istituto Internazionale di studi “Giuseppe Garibaldi” presso il giardino della Sinagoga Maggiore di Roma. Leggi tutto l’articolo


Incontro in Comunità con il nuovo questore di Roma, Dr. Fulvio Della Rocca

in: Eventi | di: Angelo Di Porto

Nessun Commento

Ad accoglierlo il Capo rabbino rav Riccardo Di Segni e il presidente Riccardo Pacifici

Un incontro all’insegna della concretezza quello avvenuto tra i rappresentanti della Comunità ebraica di Roma e il nuovo questore capitolino, Fulvio Della Rocca, svoltosi ieri presso la sede della comunità. Un incontro – cui erano presenti, il capo rabbino Riccardo Di Segni, il presidente Pacifici e il responsabile della sicurezza Gianni Zarfati – che dimostra l’intensa collaborazione pluriennale tra le Forze di polizia e la Comunità e che è destinata a proseguire. Al centro dell’incontro molti temi, ma ovviamente soprattutto la sicurezza, nella comune consapevolezza che l’intera area del quartiere ebraico sia una zona – con le istituzioni ebraiche ma anche con tante attività turistiche – ad altissimo controllo e presidio. Leggi tutto l’articolo


Visita dell’Associazione Nazionale Magistrati al Museo e al tempio Maggiore

in: Eventi, Foto gallery | di: Daniele Toscano

2 Commenti

Accolti dal Rabbino capo e dal presidente

Gli stretti rapporti dell’ebraismo romano col mondo esterno hanno scritto una nuova importante pagina. Ieri infatti si è svolta la prima visita ufficiale che l’Associazione Nazionale Magistrati ha effettuato presso la Comunità Ebraica di Roma.

In occasione di un convegno in memoria del magistrato Pietro Saviotti, venuto a mancare lo scorso gennaio, i vertici della Comunità proposero questo incontro al Presidente dell’ANM Rodolfo Maria Sabelli, Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Roma. Questi non solo ha accettato, ma ha coinvolto l’intera giunta dell’Associazione.

Presenti per la Comunità ebraica il Presidente Riccardo Pacifici, il vicepresidente e Assessore alle Relazioni Internazionali Giacomo Moscati, il Rabbino Capo Riccardo Di Segni, l’Assessore alle Politiche Comunitarie Joseph Di Porto, l’Assessore alle relazioni esterne e rapporti istituzionali Ruben Della Rocca. Dopo un aperitivo offerto agli ospiti nei giardini del tempio, ha seguito la visita del museo ebraico e del Tempio maggiore di Roma con la guida del direttore del Dipartimento Cultura della Comunità Ebraica Claudio Procaccia. Leggi tutto l’articolo