1558569600<=1347580800
1558569600<=1348185600
1558569600<=1348790400
1558569600<=1349395200
1558569600<=1350000000
1558569600<=1350604800
1558569600<=1351209600
1558569600<=1351814400
1558569600<=1352419200
1558569600<=1353024000
1558569600<=1353628800
1558569600<=1354233600
1558569600<=1354838400
1558569600<=1355443200
1558569600<=1356048000
1558569600<=1356652800
1558569600<=1357257600
1558569600<=1357862400
1558569600<=1358467200
1558569600<=1359072000
1558569600<=1359676800
1558569600<=1360281600
1558569600<=1360886400
1558569600<=1361491200
1558569600<=1362096000
1558569600<=1362700800
1558569600<=1363305600
1558569600<=1363910400
1558569600<=1364515200
1558569600<=1365120000
1558569600<=1365724800
1558569600<=1303171200
1558569600<=1366934400
1558569600<=1367539200
1558569600<=1368144000
1558569600<=1368748800
1558569600<=1369353600
1558569600<=1369958400
1558569600<=1370563200
1558569600<=1371168000
1558569600<=1371772800
1558569600<=1372377600
1558569600<=1372982400
1558569600<=1373587200
1558569600<=1374192000
1558569600<=1374796800
1558569600<=1375401600
1558569600<=1376006400
1558569600<=1376611200
1558569600<=1377216000
1558569600<=1377820800
1558569600<=1378425600

Domani La Russa ricorderà il sacrificio dei soldati ebrei italiani nella Grande Guerra

in: Eventi | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Si terrà domani mercoledì 9 novembre, alle ore 10,00 la cerimonia di commemorazione dei soldati ebrei italiani che perirono durante la Prima Guerra Mondiale.

Alla cerimonia parteciperà il Ministro della Difesa Ignazio La Russa che apporrà una corona di fiori davanti alla lapide posta sul lato della sinagoga Maggiore a ricordo del sacrificio di questi patrioti.

Così scriveva il maggior giornale ebraico dell’epoca, “Il Vessillo Israelitico” del 31 maggio 1915, all’indomani dell’entrata in guerra dell’Italia: “Tutto l’Italia ha il diritto di pretendere da noi e tutto noi le daremo … unica volontà essendo che la bandiera italiana sventoli sulle terre irredente … (perché è l’ora) di dimostrare che il sentimento di gratitudine è in noi profondamente radicato…”.

Il tributo ebraico alla Grande Guerra costò il sacrificio di 261 giovani caduti, due medaglie d’oro, 207 d’argento, 238 di bronzo e 28 encomi solenni.


La “Degustazione dei vini Kosher” è stato una grande successo

in: Eventi | di: Jonatan Della Rocca

Nessun Commento

Grande partecipazione di pubblico, ieri, al Palazzo della Cultura per la XI edizione della “Degustazione dei vini Kosher”, tradizionale appuntamento annuale con l’enologia ebraica.

Un appuntamento che quest’anno – grazie all’entusiasmo e alla professionalità dell’ideatore della manifestazione, Giovanni Terracina della Le Bon Ton Catering – ha offerto la degustazione di più di trenta etichette d’eccellenza, sia italiane che israeliane, con il marchio kosher.

Il vino kosher é quello consentito dalla tradizione ebraica, grazie a un controllo rigoroso dell’intero processo vinicolo, dalla coltivazione all’imbottigliamento. Leggi tutto l’articolo


San Severino: conferita la cittadinanza ai fratelli Di Segni

in: Eventi | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Si è svolta oggi la cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria di San Severino Marche ai fratelli Frida, Elio e Riccardo Di Segni, figli del medico Mosé Di Segni che si rifugiò fra il 1943 e il 1944 con la sua famiglia nella frazione di Serripola per fuggire alla persecuzione nazista.

Nella sua permanenza a San Severino, Mosè Di Segni si arruolò come medico con i partigiani del battaglione Mario. Leggi tutto l’articolo


Viaggio della Memoria, Pacifici: “Contro l’indifferenza per non dimenticare”

in: Eventi | Scritto da: Redazione

3 Commenti

Vogliamo combattere l’indifferenza. I veri criminali sono stati quelli che hanno visto gli ebrei essere deportati dalla loro città e non hanno fatto nulla”.

L’ha detto il presidente della nostra Comunità, Riccardo Pacifici, parlando agli studenti e ai loro insegnanti riuniti nella Sinagoga di Cracovia, nel primo giorno del “Viaggio della memoria” nei luoghi-simbolo della Shoah. Studenti che Pacifici ha definito “giovani sui quali l’Italia deve investire”.

Leggi tutto l’articolo


Museo della Shoah, Pezzetti: “E’ un’opportunità di lavoro per i giovani”

in: Eventi | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Non so quando partiranno i lavori del Museo, non è solo la preparazione di un percorso espositivo, ma delle attività. Il primo compito è creare uno staff. Adesso ho uno staff formato da 11 persone, tutte giovani, tutte trentenni e di altissima qualità. Ci sono due tedeschi, dei ragazzi di Roma e fuori Roma, metà ebrei e metà no. Sono storici o archivisti“.

Lo ha detto il direttore della Fondazione Museo della Shoah Marcello Pezzetti, che in questi giorni è a Cracovia per accompagnare i ragazzi del Viaggio della Memoria promosso dalla Regione Lazio assieme alla Comunità ebraica di Roma.

Pezzetti ha aggiunto che il lavoro della Fondazione è impegnata su più fronti: dalla ricerca archivistica alla preparazione dei viaggio passando per la formazione degli insegnanti delle scuole in collaborazione con Roma Capitale, provincia di Roma e Regione Lazio, coinvolgendo anche professori internazionali della Shoah. Leggi tutto l’articolo


Napolitano: “Il ricordo della Shoah deve far apprezzare la pace in Europa”

in: Eventi | Scritto da: Redazione

Un Commento

Il ricordo della deportazione degli ebrei di Roma del 16 ottobre 1943 deve ”consentire alle giovani generazioni di apprezzare pienamente il valore dell’Europa di pace in cui hanno il privilegio di vivere”.

Lo afferma il Capo dello Stato, Giorgio Napolitano nel messaggio inviato in occasione dell’iniziativa ”La memoria e l’immagine: 16 ottobre 1943′‘. ‘

‘Ricordare la razzia nazista nell’antico ghetto di Roma che portò, con la complicità delle autorità fasciste, alla deportazione di più di duemila ebrei, pochissimi di loro sopravvissuti all’orrore della Shoah – sottolinea Napolitano – , vuol dire riportare alla mente gli odi e i conflitti del Novecento e consentire alle giovani generazioni di apprezzare quindi pienamente il valore di quell’Europa di pace in cui hanno il privilegio di vivere”.

Toccherà a loro – conclude il Presidente della Repubblicacompletare la costruzione delle istituzioni europee, esempio di civiltà tutti i popoli”.


Shoah, Schifani: “La memoria serve per combattere la xenofobia”

in: Eventi | Scritto da: Redazione

Un Commento

L’antipatia per la diversità, l’odio razziale, la xenofobia, avvelenano l’aria e turbano le coscienze, determinando a volte episodi di violenza inaccettabile. Occorre pertanto conoscere la storia, conoscere il passato, senza il quale non esiste né presente né futuro”.

Lo ha detto il presidente del Senato Renato Schifani intervenendo all’incontro ”La memoria e l’immagine, 16 ottobre 1943 così vicino, così lontano”, in occasione delle celebrazioni che ricordano la deportazione degli ebrei dal ghetto di Roma (16 ottobre 1943), promosso dall’Osservatorio della fotografia, con l’ assessorato scuola della Provincia di Roma in collaborazione con il Senato.

Nel corso dell’iniziativa è stato presentato il progetto dell’artista tedesco Gunter DemnigPietre d’Inciampo“, piccole targhette d’ottone della dimensione di un sampietrino sui cui sono stati incisi i nomi dei deportati e collocate nel tempo davanti le loro case. Leggi tutto l’articolo


Il Viaggio della Memoria 2011 parte da Cracovia

in: Eventi, Foto gallery | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Dal ghetto ebraico di Cracovia è partito il Viaggio della Memoria promosso dalla Regione Lazio insieme alla nostra Comunità che si concluderà nei luoghi simbolo della Shoah.

Luoghi che verranno visitati da 38 giovani calciatrici e calciatori del Lazio, che hanno vinto il Trofeo della Memoria e 35 studenti dell’Istituto professionale “Carlo Cattaneo” di Roma.

Il presidente della Regione Lazio Renata Polverini, gli assessori regionali all’Istruzione alla Cultura, Gabriella Sentinelli e Fabiana Santini, il presidente della nostra Comunità Riccardo Pacifici e il direttore del museo della Shoah Marcello Pezzetti accompagneranno i ragazzi nel loro viaggio-studio. Leggi tutto l’articolo


Israeliani e Palestinesi: per l’Italia la strada è solo quella del negoziato diretto

in: Eventi | di: Jonatan Della Rocca

Nessun Commento

I palestinesi hanno bisogno di uno Stato che non nasca monco, ma abbia i suoi apparati, le sue funzioni e la sua sicurezza, che non sia naturalmente rivolta contro Israele: bisogna evitare una nuova Gaza in Cisgiordania”.

Con queste parole il Ministro degli Affari Esteri italiano, Franco Frattini, è intervenuto al convegno “Israeliani e Palestinesi, La battaglia dell’Onu e il processo di pace” promosso da Summit insieme alla Fondazione Magna Carta, organizzato dall’On. Fiamma Nirenstein, Vicepresidente della Commissione Affari Esteri e Comunitari.

A cui hanno partecipato Enrico Pianetta, Presidente Associazione parlamentare di Amicizia Italia–Israele, Giancarlo Loquenzi, Direttore de l’Occidentale, Riccardo Pacifici, Presidente della Comunità Ebraica di Roma, Barry Rubin, Direttore del Global Research in International Affairs (GLORIA) Center e Mario Sechi, Direttore de Il Tempo.

L’incontro è servito per fare il punto della situazione dopo la richiesta del Presidente Abu Mazen alle Nazioni Unite di riconoscere come Stato membro l’ANP. Frattini ha ricordato il ruolo importante dell’Europa che è riuscita a ”rimanere unita” durante il dibattito all’Onu evitando così una ”perdita di credibilità che sarebbe stata irreparabile” e una rottura interna all’Ue di Paesi spaccati sul voto. Leggi tutto l’articolo


Il convegno di Torino: “Gli ebrei e l’orgoglio di essere italiani”

in: Eventi | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Si è tenuto oggi a Torino, presso l’Archivio di Stato e nell’ambito delle celebrazioni per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, il convegno: “Gli ebrei e l’orgoglio di essere italiani”, il cui titolo è tratto dal libro curato da Fabio Levi (Silvio Zamorani Editore) che raccoglie le cinque letture commentate di scritti di personaggi ebrei del Risorgimento.

Al convegno ha partecipato il vice presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, Claudia De Benedetti, di cui riportiamo integralmente il discorso.

Poche parole per ricordare Angelo Fortunato Formiggini che in una mattina densa di nebbia del 29 novembre 1938 si buttò dalla Ghirlandina, la storica torre della città di Modena, gridando «Italia, Italia, Italia». Leggi tutto l’articolo