1563321600<=1347580800
1563321600<=1348185600
1563321600<=1348790400
1563321600<=1349395200
1563321600<=1350000000
1563321600<=1350604800
1563321600<=1351209600
1563321600<=1351814400
1563321600<=1352419200
1563321600<=1353024000
1563321600<=1353628800
1563321600<=1354233600
1563321600<=1354838400
1563321600<=1355443200
1563321600<=1356048000
1563321600<=1356652800
1563321600<=1357257600
1563321600<=1357862400
1563321600<=1358467200
1563321600<=1359072000
1563321600<=1359676800
1563321600<=1360281600
1563321600<=1360886400
1563321600<=1361491200
1563321600<=1362096000
1563321600<=1362700800
1563321600<=1363305600
1563321600<=1363910400
1563321600<=1364515200
1563321600<=1365120000
1563321600<=1365724800
1563321600<=1303171200
1563321600<=1366934400
1563321600<=1367539200
1563321600<=1368144000
1563321600<=1368748800
1563321600<=1369353600
1563321600<=1369958400
1563321600<=1370563200
1563321600<=1371168000
1563321600<=1371772800
1563321600<=1372377600
1563321600<=1372982400
1563321600<=1373587200
1563321600<=1374192000
1563321600<=1374796800
1563321600<=1375401600
1563321600<=1376006400
1563321600<=1376611200
1563321600<=1377216000
1563321600<=1377820800
1563321600<=1378425600

Più dell’arma nucleare iraniana, Israele ha paura dei missili

in: Medioriente | Scritto da: Redazione

Un Commento

Non è la minaccia nucleare iraniana la grande preoccupazione di Israele, quando l’ingente capacità offensiva attraverso l’uso massiccio di armamenti convenzionali.

Se nel corso del 2012 dovesse scoppiare una guerra globale tra lo stato ebraico e i suoi nemici dell’area (Iran, Siria, Hezbollah nel sud del Libano e Hamas a Gaza) lo Stato di Israele sarebbe colpito da 8.000 tra razzi e missili.

Ciò causerebbe, nonostante l’utilizzo dei rifugi e del sistema antiaereo, la morte di un migliaio di israeliani, oltre ad ingenti danni alle infrastrutture. Leggi tutto l’articolo


Rai, a “Mediterraneo” reportage sul Medio Oriente

in: Medioriente | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Imponenti manifestazioni per chiedere diritti e libertà. In Medio Oriente, Israele compreso, il vento della protesta sta soffiando con forza. Le tende in strada sono uno dei simboli della protesta sociale a Gerusalemme, come a Tel Aviv, come a piazza Tahrir in Egitto.

Gli slogan dei giovani israeliani sono simili a quelli ascoltati durante la protesta araba. Dicono: ”Il popolo vuole giustizia sociale”. Leggi tutto l’articolo


Si riattiva l’Olp, potrebbero entrarvi Hamas e Jihad Islamica

in: Medioriente | Scritto da: Redazione

Un Commento

Si riattiva l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (Olp), con la possibilità che entrino a farne parte Hamas e Jihad Islamica.

Il presidente dell’Autorità Nazionale Palestinese Mahmoud Abbas, che è anche il leader dell’Olp, presiederà oggi al Cairo il primo incontro di un comitato temporaneo per riattivare l’organizzazione. All’incontro parteciperanno anche esponenti dei due movimenti islamisti. Leggi tutto l’articolo


Diplomazia in un mondo globalizzato: così il Sud America può influenzare il Medio Oriente

in: Medioriente | di: David Braha

Un Commento

Nelle ultime settimane, nel mondo sembra essersi improvvisamente risvegliato l’interesse nei confronti della minaccia nucleare iraniana.

Ma mentre Americani ed Europei discutono sulle sanzioni da imporre a Teheran, in Israele aumenta la preoccupazione per via dell’intensificarsi dei rapporti politici ed economici tra la Repubblica Islamica e diversi paesi del Sud America.

La strategia dell’Iran infatti sarebbe quella di sviluppare rotte commerciali alternative al fine di bilanciare, almeno parzialmente, le limitazioni imposte dall’Occidente. E ciò diminuirebbe notevolmente l’impatto delle sanzioni stesse sul regime degli Ayatollah. Leggi tutto l’articolo


Accordi Israele-Hamas per liberazione di Shalit, inizia la seconda fase del rilascio dei detenuti palestinesi

in: Medioriente | Scritto da: Redazione

2 Commenti

Sono stati depositati oggi alla Corte suprema di Gerusalemme i primi ricorsi contro le scarcerazioni della seconda fase dello scambio di prigionieri fra Israele e Hamas.

L’operazione era stata avviata due mesi fa sotto l’ombrello della mediazione egiziana con il rilascio del militare israeliano Gilad Shalit – dopo oltre cinque anni di cattività nella Striscia di Gaza – in cambio di 477 detenuti palestinesi. Leggi tutto l’articolo


Egitto, giunto al Cairo il nuovo ambasciatore Israele

in: Medioriente | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Yaakov Amitai prende il posto di Yitzhak Levanon che aveva lasciato il paese a settembre dopo l’assalto all’ambasciata israeliana.

Yaakov Amitai, è il nuovo ambasciatore israeliano in Egitto. Amitai sostituisce Yitzhak Levanon che aveva lasciato la capitale egiziana a settembre dopo che decine di manifestanti avevano preso d’assalto l’ambasciata israeliana in risposta all’uccisione di sei guardie egiziane. Leggi tutto l’articolo


Iran: innalzato stato di allerta, Teheran si prepara alla guerra

in: Medioriente | Scritto da: Redazione

Un Commento

La Guardia rivoluzionaria iraniana ha innalzato il suo stato di allerta per il timore di un attacco militare da parte di Stati Uniti o Israele. Stando a quanto riferito al quotidiano britannico Telegraph da fonti dell’intelligence occidentale, Teheran avrebbe infatti iniziato a posizionare missili a lungo raggio, esplosivi, artiglieria e unità di guardia in punti strategici per la difesa del Paese.

Il comandante della Guardia rivoluzionaria, Mohammed Ali Jaafari, ha dato infatti l’ordine di prepararsi a possibili raid e attacchi sotto copertura a causa delle crescenti pressioni internazionali sul programma nucleare iraniano. Leggi tutto l’articolo


Ruben: “Egitto? Violenze favoriscono fazioni islamiste”

in: Medioriente | Scritto da: Redazione

Un Commento

Le violenze indiscriminate ai danni dei manifestanti di piazza Tahrir non sono solo intollerabili, ma doppiamente pericolose. Perché rischiano di pregiudicare il processo di transizione democratica e di favorire le fazioni islamiste che teorizzano, in modo esplicito, che il dopo Mubarak debba comportare la rottamazione di una politica estera ispirata, se non altro, ai principi di buon vicinato con Israele e di collaborazione con le democrazie occidentali. Dalla violenza traggono vantaggio solo quanti sono disposti a reagire con la violenza“.

Lo afferma in una nota Alessandro Ruben, deputato di Fli e componente della commissione Difesa della Camera. “Quello della transizione pacifica e ordinata alla democrazia e dei limiti all’esercizio del potere di quanti saranno democraticamente chiamati alla guida dei Paesi usciti dalla primavera araba – aggiunge Ruben – è il primo punto del dossier euro-mediterraneo, che il nostro Paese e le istituzioni dell’Unione sono tenute ad affrontare con alto senso della vigilanza e responsabilità“.


Siria, Frattini: “Assad deve lasciare il potere”

in: Medioriente | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Ormai la situazione non si tiene più. Tutti hanno espresso questa opinione in modo chiaro, ma purtroppo il Consiglio di Sicurezza dell’Onu non riesce a trovare l’accordo su un pacchetto di sanzioni effettive“.

Così l’ex ministro degli Esteri, Franco Frattini, a margine del convegno “The development of Israel-Russia-EU relations“, in corso a Tel Aviv.

Io mi auguro – ha detto Frattini – che la pressione continui e che vi sia un’opposizione bene organizzata, un’opposizione che io ho incontrato quando ero ministro degli Esteri e che potrebbe essere capace di proporre una valida alternativa“. Leggi tutto l’articolo


Teheran addestra militarmente i palestinesi di Gaza all’uso di missili anti tank

in: Medioriente | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Un gruppo selezionato di militanti palestinesi della Striscia di Gaza ha partecipato ad un intensivo addestramento militare in Iran per imparare ad usare sofisticati missili anti tank. Lo afferma il giornale israeliano Jerusalem Post, citando fonti dell’esercito.

Secondo i militari, Hamas e Jihad Islamica hanno ottenuto diverse centinaia di missili anti tank di fabbricazione russa del tipo Kornet e Fagot, con una gittata di 4 chilometri e la capacità di penetrare veicoli blindati e alcuni carri armati.

Un piccolo numeri di questi missili era già presente nella Striscia prima dell’invasione militare dell’operazione “piombo fuso” a cavallo fra il 2008 e il 2009. Leggi tutto l’articolo