1566086400<=1347580800
1566086400<=1348185600
1566086400<=1348790400
1566086400<=1349395200
1566086400<=1350000000
1566086400<=1350604800
1566086400<=1351209600
1566086400<=1351814400
1566086400<=1352419200
1566086400<=1353024000
1566086400<=1353628800
1566086400<=1354233600
1566086400<=1354838400
1566086400<=1355443200
1566086400<=1356048000
1566086400<=1356652800
1566086400<=1357257600
1566086400<=1357862400
1566086400<=1358467200
1566086400<=1359072000
1566086400<=1359676800
1566086400<=1360281600
1566086400<=1360886400
1566086400<=1361491200
1566086400<=1362096000
1566086400<=1362700800
1566086400<=1363305600
1566086400<=1363910400
1566086400<=1364515200
1566086400<=1365120000
1566086400<=1365724800
1566086400<=1303171200
1566086400<=1366934400
1566086400<=1367539200
1566086400<=1368144000
1566086400<=1368748800
1566086400<=1369353600
1566086400<=1369958400
1566086400<=1370563200
1566086400<=1371168000
1566086400<=1371772800
1566086400<=1372377600
1566086400<=1372982400
1566086400<=1373587200
1566086400<=1374192000
1566086400<=1374796800
1566086400<=1375401600
1566086400<=1376006400
1566086400<=1376611200
1566086400<=1377216000
1566086400<=1377820800
1566086400<=1378425600

Vertici Hamas: è scontro sul dialogo con Israele

in: Israele, Medioriente | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Botta e risposta fra i vertici di Hamas sul possibile dialogo con Israele.

Khaled Meshaal, il capo del movimento palestinese in esilio a Damasco, in un’intervista al quotidiano libanese al-Kahbar, ha aperto uno spiraglio al negoziato con lo Stato ebraico, sottolineando di essere intenzionato a “dare un’occasione” al governo di Tel Aviv.

In una conferenza stampa, Mahmoud Zahar, responsabile del movimento a Gaza, ha detto di “ignorare questa posizione che Meshaal ha preso unilateralmente e senza concertazione. Hamas non ha affidato a nessuno il mandato per trattare con chicchessia“. Leggi tutto l’articolo


Stampa Egitto, fornitura gas a Israele: ripresa difficile

in: Israele, Medioriente | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

La ripresa delle forniture di gas dall’Egitto a Israele difficilmente si concretizzerà.

A scriverlo è il quotidiano al-Masry al-Youm, secondo cui in merito al prezzo, la forbice che divide il Cairo da Tel Aviv è ancora troppo ampia.

Il quotidiano riporta le parole del ministro egiziano del Petrolio, Abdallah Ghorab, che ha riferito il disappunto dello Stato ebraico per l’intenzione del paese nordafricano di alzare i prezzi del gas. Leggi tutto l’articolo


Naqba: scontro Netanyahu-Abu Mazen

in: Israele, Medioriente | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Scoppia la polemica riguardo la ”Naqba” (il ”Disastro”, come i palestinesi chiamano la costituzione di Israele).

La causa è da ricercare in un articolo pubblicato ieri sul New York Times da Abu Mazen.

Il presidente dell’Autorità nazionale palestinese, dopo aver ricordato che nel 1947 l’Onu decise la spartizione della Terra Santa fra israeliani e palestinesi, ha scritto:

Poco dopo, le forze sioniste espulsero arabi palestinesi allo scopo di garantire una maggioranza ebraica decisiva nel futuro stato di Israele, ed eserciti arabi intervennero. Un guerra ed ulteriori espulsioni sarebbero giunte in seguito”.

Affermazioni che hanno scatenato la reazione del premier dello Stato eb Leggi tutto l’articolo


Vice ministro Israele incontra gli oppositori siriani

in: Israele, Medioriente | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Il viceministro israeliano incaricato dello sviluppo del Negev e della Galilea, Ayoob Kara, incontrerà stasera a Vienna gli oppositori del regime siriano del presidente Bashir al Assad, sottola supervisione del Partito della libertà austriaco di estrema destra (FPÖ).

Ad annunciarlo è stato un portavoce del FPÖ, Karl-Heinz Grünsteidl. Gli oppositori, di cui non si conoscono le generalità, saranno presenti domani mattina a una conferenza stampa con il presidente del FPÖ, Heinz-Christian Strache.


Flottiglia, Turchia: convocato ambasciatore israeliano

in: Israele, Medioriente | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

L’ambasciatore israeliano ad Ankara è stato convocato dal ministero degli Esteri turco, Ahmet Davutoglu, per comunicarli “messaggi” e “seri avvertimenti” per far sì che non si ripetano le vicende relative l’arrembaggio israeliano dell’anno scorso contro la flottiglia di attivisti filo-palestinesi della Mavi Marmara.

Flottiglia che cercava di interrompere l’isolamento navale contro la Striscia di Gaza.

A riferirlo in tv è stato lo stesso Capo della diplomazia turco, che ha detto: ”Il vicesottosegretario Halit Cevik ha richiamato l’ambasciatore israeliano, su mia direttiva, e gli ha dato seri avvertimenti sui recenti sviluppi, e trasmesso messaggi. E’ stato trasmesso all’ambasciatore ciò che la Turchia si aspetta”, affinché ”si eviti la ripetizione di incidenti simili all’attacco della Mavi Marmara”.


Yedioth Ahronoth: Obama, no a riconoscimento Onu dello Stato palestinese

in: Israele, Medioriente | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Barack Obama è contro il riconoscimento dello Stato palestinese da parte dell’Onu.

A scriverlo è l’edizione online del quotidiano Yedioth Ahronoth, che si basa su una bozza del testo del discorso che il presidente americano farà sul Medio Oriente giovedì prossimo. Bozza di cui il giornale è venuto in possesso.

Obama pronuncerà l’atteso discorso a Washington poco prima dell’arrivo nella Capitale statunitense del primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu. Leggi tutto l’articolo


Naqba, Egitto: misure per difendere obiettivi israeliani

in: Medioriente | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Venerdì in Egitto, si terrà la “Naqba” (catastrofe), nome dato dal mondo arabo alla nascita dello Stato d’Israele.

In occasione della marcia, l’esercito egiziano adotterà delle misure di sicurezza per proteggere il quartiere di Maadi, dove è ubicata la residenza dell’ambasciatore israeliano al Cairo. Il timore è quello che i manifestanti possano assaltare l’edificio dello Stato ebraico. Leggi tutto l’articolo


Mubarak: interrogato su forniture gas a Israele

in: Medioriente | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

L’ex presidente egiziano, Hosni Mubarak, è stato interrogato questa mattina dalla procura generale del suo paese, nell’ospedale di Sharm el-Sheikh, dove è ricoverato.

A scriverlo è sito internet Wafd, secondo cui l’interrogatorio si è concentrato sugli accordi siglati dall’ex raìs con Israele riguardo l’esportazione di gas.

Per la procura, Mubarak avrebbe venduto gas allo Stato ebraico a prezzi più bassi rispetto a quelli di mercarto in cambio di “commissioni” finite direttamente nei conti dei suoi figli.


Al-Jazira: Hamas potrebbe liberare Shalit

in: Israele, Medioriente | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Hamas avrebbe accettato di liberare Gilad Shalit, il militare israeliano rapito dal gruppo islamico-radicale il 26 giugno 2006 nei pressi di Gaza.

A dare la notizia è stata l’emittente al-Jazira, secondo cui il piano, ideato dall’Egitto, prevede lo scambio fra il caporal maggior e diversi prigionieri palestinesi.

Il giornale israeliano Haaretz ha sottolineato, riportando fonti egiziane, che non è iniziata alcuna trattativa, anche se il nuovo governo del Cairo starebbe esercitando forti pressioni su Hamas per liberare Shalit. Leggi tutto l’articolo


Hamas: “La nostra unica lotta è contro Israele”

in: Israele, Medioriente | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

La nostra unica lotta è contro Israele”. Parole di Khaled Meshal, capo di Hamas in esilio, alla cerimonia per celebrare la riconciliazione tra il suo gruppo e al-Fatah, a cui non è stata invitata la stampa israeliana.

L’accordo del Cairo è stato giudicato così dal dell’intelligence israeliana, Yuval Diskin: “Credo che, nei prossimi due o tre anni, le possibilità che una vera riconciliazione tra Fatah e Hamas porti a una riunione tra Gaza e la Giudea e Samaria (la Cisgiordania) siano pari a zero”. Leggi tutto l’articolo