1566691200<=1347580800
1566691200<=1348185600
1566691200<=1348790400
1566691200<=1349395200
1566691200<=1350000000
1566691200<=1350604800
1566691200<=1351209600
1566691200<=1351814400
1566691200<=1352419200
1566691200<=1353024000
1566691200<=1353628800
1566691200<=1354233600
1566691200<=1354838400
1566691200<=1355443200
1566691200<=1356048000
1566691200<=1356652800
1566691200<=1357257600
1566691200<=1357862400
1566691200<=1358467200
1566691200<=1359072000
1566691200<=1359676800
1566691200<=1360281600
1566691200<=1360886400
1566691200<=1361491200
1566691200<=1362096000
1566691200<=1362700800
1566691200<=1363305600
1566691200<=1363910400
1566691200<=1364515200
1566691200<=1365120000
1566691200<=1365724800
1566691200<=1303171200
1566691200<=1366934400
1566691200<=1367539200
1566691200<=1368144000
1566691200<=1368748800
1566691200<=1369353600
1566691200<=1369958400
1566691200<=1370563200
1566691200<=1371168000
1566691200<=1371772800
1566691200<=1372377600
1566691200<=1372982400
1566691200<=1373587200
1566691200<=1374192000
1566691200<=1374796800
1566691200<=1375401600
1566691200<=1376006400
1566691200<=1376611200
1566691200<=1377216000
1566691200<=1377820800
1566691200<=1378425600

Giornata della Memoria: saranno poste 54 nuove “pietre d’inciampo”

in: Blog/News, Eventi | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Le “pietre d’inciampo” nascono dall’iniziativa dell’artista Guenter Demnig e sono sampietrini che servono a ricordare gli ebrei e gli oppositori politici deportati nei campi di sterminio nazisti.

Domani e dopodomani verranno apposte 54 pietre in cinque diversi municipi di Roma: Primo, Secondo, Terzo, Nono e Diciassettesimo. La superficie in ottone trasparente le distinguerà dal resto della pavimentazione. Sulle pietre verranno incisi il nome e cognome del deportato, l’anno di nascita, la data e il luogo della deportazione e, quando conosciuta, la data di morta. Leggi tutto l’articolo


“Even 1943”: l’eccidio nazista sul Lago Maggiore diventa un film

in: Eventi | Scritto da: Redazione

Un Commento

Fra il 13 settembre e l’11 ottobre 1943, 57 ebrei vennero trucidati dai nazisti sulle rive del Lago Maggiore.

L’eccidio è diventato un film grazie ai due registi di Verbania, Lorenzo Camocardi e Gianmaria Ottolini, che spiegano la scelta di intitolarlo “Even 1943”: “Even è il nome del sasso che gli ebrei posano sulle tombe dei loro morti, ma che nel caso non ha potuto essere posato perché ancora oggi non si sa dove siano finiti i corpi dei trucidati o i loro resti”. Leggi tutto l’articolo


Israele, cittadinanza: Knesset approva proposta di legge

in: Israele | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Legge-cittadinanza-Israele. Oggi è stata approvata dalla commissione affari interni della Knesset una proposta di legge di revoca della cittadinanza a individui condannati per terrorismo o spionaggio.

Lo Shin Bet, il servizio di sicurezza interna, che in un primo momento avevo sostenuto l’emendamento, ha ritenuto il testo proposto “troppo ampio e privo dei necessari contrappesi”, anche in considerazione del fatto che la legge attualmente in vigore “dà una risposta adeguata all’occasionale necessità di revocare la cittadinanza a un cittadino israeliano”. Leggi tutto l’articolo


Eichmann, Bild: “Servizi segreti tedeschi lo coprirono”

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Eichmann-Bild. Il giornale tedesco rivela che i servizi segreti della Germania ovest conoscevano già nel 1952 (8 anni prima dell’arresto) il nascondiglio segreto del gerarca nazista in Argentina.

A provarlo è un documento del servizio d’intelligence (Bnd): “EICHMANN non si trova in Egitto, ma vive sotto il nome falso di CLEMENS in Argentina. Il suo indirizzo è noto al direttore del giornale tedesco Der Weg, pubblicato in Argentina”. Leggi tutto l’articolo


Giornata della Memoria: la Glocal Project organizza una mostra di arte contemporanea

in: Eventi | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Nell’ambito delle iniziative per la Giornata della Memoria, la Glocal Project Consulting organizza un evento di arte contemporanea. Ecco il comunicato stampa dell’iniziativa:

Giovedì 13 gennaio 2011 alle ore 18:30 inaugura presso l’ Ex Gil di Roma (Largo Ascianghi 5) la mostra collettiva Acthung! Achtung!, evento di arte contemporanea, organizzato dalla Glocal Project Consulting a cura di Micol Di  Veroli e Barbara Collevecchio. Attraverso la carica creativa di 21 artisti sarà resa oggettiva la condivisione universale e sociale del dramma dell’Olocausto. Leggi tutto l’articolo


Gaza: protesta dei ragazzi contro Hamas, Israele, Fatah, Onu e Usa

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Hamas fottuto. Israele fottuto. Fatah Fottuto. Onu fottuta. Usa fottuti”. E’ il monito lanciato su internet da alcuni giovani di Gaza per “rompere il muro di silenzio” che secondo loro avvolge la Striscia.

I ragazzi sono convinti che il loro futuro sia appeso a un filo: “Noi, giovani di Gaza, siamo stufi di Israele, di Hamas, della occupazione, delle violazioni dei nostri diritti civili, della indifferenza della comunità internazionale”. Leggi tutto l’articolo


Nucleare Iran, Dagan: “Se condizioni rimangono queste non prima del 2015”

in: Israele | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Nucleare Iran. Secondo il capo uscente del Mossad, Meir Dagan, la Repubblica islamica non disporrà di un ordigno atomico prima del 2015, a patto che le attuali pressioni internazionali rimangano inalterate.

L’ex direttore del servizio d’intelligence sostiene che Israele potrebbe intraprendere una campagna militare contro il paese degli Ayatollah “solo se si trovasse con una spada al collo”. A riferirlo è il quotidiano Yediot Ahronot, che riporta i quattro punti di Dagan sulla difesa dello Stato ebraico.

  1. Il cospicuo numero di razzi in possesso degli Hezbollah,
  2. Il negoziato di pace con la Siria, a cui chiedere un disarmo degli Hezbollah e l’annullamento del patto di difesa con l’Iran,
  3. I rapporti con l’Egitto
  4. Il rischio che l’armamento nucleare del Pakistan possa finire nelle mani dei fondamentalisti islamici.

Documentario Sant’Egidio Auschwitz-Birkenau: in onda domenica su Rai1

in: Blog/News, Cultura | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Documentario Sant’Egidio Auschwitz-Birkenau. Andrà in onda domenica prossima su Ra1 alle ore 23.30 “Segni di pace ad Auschwitz (in un giorno di sole)“, il pelligrinaggio interreligioso promosso dalla Comunità di Sant’Egidio e realizzato da Mario Marazziti e Roberto Olla.

Il campo di sterminio-concentramento viene presentato dagli autori nelle letture di un vescovo cattolico, il biblista e presidente di Commissione Cei Ambrogio Spreafico, del rabbino capo David Rosen, direttore dell’American Jewish Comittee, e dello studioso musulmano Hassan Hanafi, dell’Universita’ del Cairo. Il documentario si basa su filmati russi e sugli quelli degli archivi di Washington poco conosciuti al pubblico italiano. Leggi tutto l’articolo


Nuovo capo Mossad: Dagan lascia la direzione a Pardo

in: Israele | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Nuovo capo Mossad. Il servizio di intelligence d’Israele cambia leadership e passa dalla guida di Meir Dagan a quella di Tamir Pardo. Dagan lascia dopo 8 anni di direzione e 43 anni complessivi al servizio dello Stato.

Ecco cosa scrive di lui Ron Bergman, esperto dei servizi segreti del paese, sul giornale israeliano Yedioth Aharonoth: ”Dagan ha guidato il Mossad ad una serie di successi straordinari che hanno colpito duramente il ‘Fronte radicale’: Iran, Hezbollah, Siria, Hamas e Jihad islamica”.

Bergaman sottolinea la bravura di Dagan, che aveva trovato un Mossad compassato e pigro e l’ha trasformato in un servizio “col coltello fra i denti“, come da richiesta dell’allora primo ministro Ariel Sharon. Elogio unamime quello all’ormai ex capo del Mossad.

Dopo i complimenti ricevuti dal premier Benyamin Netanyahu, ecco l’encomio del ministro della Difesa Ehud Barak: ”Dagan ha impresso una svolta senza precedenti nel temperamento operativo del servizio, nella sua fantasia e ardire, in particolare nella disponibilita’ a prendere iniziative e ad assumerne la responsabilita. Meir puoi essere fiero del tuo operato”.


Wikileaks: “Israele nel 2009 si preparava a una guerra su larga scala”

in: Israele | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Wikileaks-Israele. Secondo il sito internet alla fine del 2009 lo Stato ebraico era pronto “a una guerra su larga scala” in Medio Oriente, probabilmente contro Hamas e Hezbollah.

La notizia, riportata da alcuni giornali scandinavi, riferisce di un incontro, citato in un documento dell’ambasciata americana a Tel Aviv, fra una delegazione del congresso americano e il capo di stato maggiore israeliano, Gabi Ashkenazi. Leggi tutto l’articolo