1558483200<=1347580800
1558483200<=1348185600
1558483200<=1348790400
1558483200<=1349395200
1558483200<=1350000000
1558483200<=1350604800
1558483200<=1351209600
1558483200<=1351814400
1558483200<=1352419200
1558483200<=1353024000
1558483200<=1353628800
1558483200<=1354233600
1558483200<=1354838400
1558483200<=1355443200
1558483200<=1356048000
1558483200<=1356652800
1558483200<=1357257600
1558483200<=1357862400
1558483200<=1358467200
1558483200<=1359072000
1558483200<=1359676800
1558483200<=1360281600
1558483200<=1360886400
1558483200<=1361491200
1558483200<=1362096000
1558483200<=1362700800
1558483200<=1363305600
1558483200<=1363910400
1558483200<=1364515200
1558483200<=1365120000
1558483200<=1365724800
1558483200<=1303171200
1558483200<=1366934400
1558483200<=1367539200
1558483200<=1368144000
1558483200<=1368748800
1558483200<=1369353600
1558483200<=1369958400
1558483200<=1370563200
1558483200<=1371168000
1558483200<=1371772800
1558483200<=1372377600
1558483200<=1372982400
1558483200<=1373587200
1558483200<=1374192000
1558483200<=1374796800
1558483200<=1375401600
1558483200<=1376006400
1558483200<=1376611200
1558483200<=1377216000
1558483200<=1377820800
1558483200<=1378425600

Attentato Chiesa in Egitto, Pacifici e Di Segni: “Preoccupati per i cristiani”

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Le notizie che ci arrivano da Alessandria d’Egitto ci impongono a non rimanere indifferenti di fronte ad una tragedia che colpisce i cristiani in paesi che vanno dal Sudan alla Nigeria, dall’Iraq e fino a Gaza”.

Lo affermano, in un comunicato congiunto, Riccardo Pacifici e Riccardo Di Segni in merito all’attentato di pochi giorni fa nella seconda città egiziana, in cui sono state uccise 21 persone e ferite 80. Il presidente e il capo rabbino della nostra Comunità esprimono preoccupazione per “le atroci condizioni di violenze che alcune comunità cristiane nel mondo sono costrette a vivere”. Leggi tutto l’articolo


Nucleare Iran: 007 Israele, Usa e GB dietro sabotaggio

in: Israele | Scritto da: Redazione

Un Commento


Nucleare Iran
. I servizi d’intelligence di Stati Uniti e Gran Bretagna stanno collaborando con Israele per sabotare il programma nucleare del paese degli Ayatollah, in cambio della rinuncia dello Stato ebraico di attaccare l’Iran.

Lo si legge sul settimanale francese “Le Canard Enchaine”, ripreso dal quotidiano “Jerusalem Post“, secondo cui le azioni comprendono lo Stuxnet, il virus che ha già infettato trenta mila computer attivi nei reattori nulerari iraniani e esplosioni in una fabbrica di missili Shihab, che due mesi fa hanno causato la morte di 18 tecnici della Repubblica islamica. Leggi tutto l’articolo


Capodanno, Israele: Tel Aviv si veste a festa, Gerusalemme più sobria

in: Israele | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Capodanno in Israele, ecco come le più importanti città accoglieranno il 2011. Tel Aviv conferma la sua fama di città mondana, offrendo decine di eventi privati e pubblici per abbracciare il nuovo anno.

Nel quartiere di Neve’ Tzedek tutti gli abitanti scenderanno in piazza per salutare l’anno passato e festeggiare quello nuovo. I ristoranti alla moda hanno rivisto i propri menù in vista dei “cenoni” e nei locali notturni si esibiranno cantanti del calibro di Shalom Hanoch e di Ivri Lider e musicisti emergenti come “Hank and Cupcakes”. Leggi tutto l’articolo


Israele: nel 2010 il terrorismo palestinese ha toccato livelli minimi

in: Israele | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Nell’ultimo decennio, quello che sta per terminare è stato l’anno in cui il terrorismo palestinese, contro obiettivi israeliani, ha toccato il livello più basso. Lo annuncia lo Shin Bet, il servizio di sicurezza dello Stato ebraico, che in un rapporto diffuso attraverso la stampa locale, rivela che nel 2010 nove israeliani sono stati uccisi dai palestinesi, rispetto ai quindici del 2009. Oltre a quello dei decessi è calato sensibilmente anche il numero dei feriti, che passa dai 28 di quest’anno ai 234 dell’anno passato.

Un altro dato tranquillizzante è quello relativo agli attentati suicidi sul suolo israeliano, che negli ultimi due anni non sono mai avvenuti. Lo Shin Bet, però, punta l’indice contro la Striscia di Gaza, da cui nell’anno in corso sono stati lanciati 150 razzi verso Israele. Il servizio di sicurezza sottolinea che un notevole traffico di armi “parte dall’Iran, passa dal Sudan e dal Sinai” per arrivare a Gaza dove negli ultimi dodici mesi sono entrati “per lo piu’ ordigni capaci di colpire a 20-40 chilometri di distanza”.


Scritte antisemite sui muri di una scuola a Sanremo

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Frasi antisemite e scritte con insulti contro le forze dell’ordine sono state scritte la notte scorsa sui muri della scuola cattolica “Mater Misericordiae” a Sanremo, in via Roma. La firma è “Matutia 1904, Ultras liberi”, realizzata con uno spray e blu e azzurro, che sembrerebbe rimandare a un gruppo di tifosi della squadra di calcio della città ligure.

Usiamo il condizionale, perché è al vaglio degli inquirenti la possibilità che si tratti di un tentativo per gettare fango su questo gruppo di sostenitori della Sanremese. Gli investigatori hanno invitato un’indagine per gettare luce sull’accaduto e capire chi siano stati gli esecutori materiali e, eventualmente, gli organizzatori di questo brutto gesto.


Furto scritta Auschwitz: due anni e mezzo di carcere per l’ideatore

in: Blog/News | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Furto scritta Auschwitz Arbeit macht frei” (il lavoro rende liberi). E’ stato condannato a due anni e mezzo di reclusione l’ex neonazista svedese Anders Hoegstroem, che aveva organizzato e commissionato il furto (fatto materialmente da cinque ragazzi polacchi immediatamente arrestati) della scritta che campeggiava sul campo di sterminio di Auschwitz. Il reo-confesso “sconterà la sua pena in patria in virtù di un accordo con la magistratura svedese”, spiega un portavoce del tribunale di Cracovia.


Israele: scoperto giacimento gas naturale del valore di 45 miliardi di dollari

in: Israele | Scritto da: Redazione

Un Commento

Israele-gas naturale. Esiste la concreta possibilità che lo Stato ebraico oltre a soddisfare interamente il suo fabbisogno energetico, diventi, fra diversi anni, un paese esportatore di gas.

Questo grazie al Leviatan, un giacimento di gas naturale di ben 453 miliardi di metri cubi, per un valore stimato in almeno 45 miliardi di dollari, scoperto da un consorzio di imprese a largo di Haifa.

Leggi tutto l’articolo


IPhone-Muro del Pianto: un’applicazione permette la “visita”

in: Israele | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

IPhone-Muro del Pianto. Gli utenti dell’Apple iPhone ora hanno la possibilità di “visitare” virtualmente il luogo sacro di Gerusalemme grazie a una applicazione sviluppata dalla fondazione israeliana che gestisce il sito, che permette di collegarsi a uno streaming in tempo reale.

Ma non solo perché l’applet permette di inviare e-mail da inserire nelle pietre de Kotel ed è dotato di una bussola che consente di pregare verso la Capitale religiosa d’Israele. La trasmissione, ovviamente, non è consentita durante lo Shabbat e nelle ricorrenze religiose.


Wikileaks, ADL: “Su web teorie anti-Israele”

in: Anti-Semitismo, Israele | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

Israele ha giocato un ruolo fondamentale della vicenda Wikileaks e ha “stretto un patto” con Julian Assange per non svelare i segreti che potrebbero metterlo in difficoltà. C’è di più, il fondatore del sito sarebbe una “spia” dello Stato ebraico. E’ l’ennesima teoria sul “complotto giudaico”, che in questi giorni sta proliferando su Internet.

Leggi tutto l’articolo


Anp, riconoscimento stato palestinese: a gennaio la richiesta all’Onu

in: Israele | Scritto da: Redazione

Nessun Commento

E’ ormai prossima la richiesta della leadership dell’Anp di riconoscere uno Stato palestinese indipendente al Consiglio di sicurezza della Nazioni Unite. Ad annunciarlo è il capo dei negoziatori palestinesi Saeb Erekat, che da Gerico, in Cisgiordania, precisa che sarà chiesto il riconoscimento nei Territori occupati da Israele nel 1967.

Il 2 ottobre scorso, giorno in cui sono falliti i colloqui di pace diretti con lo Stato ebraico, i dirigenti palestinesi, che chiedevano come precondizione per la ripresa dei negoziati il congelamento della costruzione di nuovi insediamenti, avevano avvertito di voler considerare “altre opzioni diplomatiche”. Altre opzioni diplomatiche che si tramutano oggi nelle parole di Erekat “siamo aspettando che la Bosnia assuma la presidenza del Consiglio di sicurezza” per la richiesta formale e “il governo israeliano è testimone di un isolamento internazionale che non ha mai subito in passato. E questo e’ dovuto agli sforzi esercitati dalla leadership palestinese e dal presidente Mahmoud Abbas”. Leggi tutto l’articolo