1566259200<=1347580800
1566259200<=1348185600
1566259200<=1348790400
1566259200<=1349395200
1566259200<=1350000000
1566259200<=1350604800
1566259200<=1351209600
1566259200<=1351814400
1566259200<=1352419200
1566259200<=1353024000
1566259200<=1353628800
1566259200<=1354233600
1566259200<=1354838400
1566259200<=1355443200
1566259200<=1356048000
1566259200<=1356652800
1566259200<=1357257600
1566259200<=1357862400
1566259200<=1358467200
1566259200<=1359072000
1566259200<=1359676800
1566259200<=1360281600
1566259200<=1360886400
1566259200<=1361491200
1566259200<=1362096000
1566259200<=1362700800
1566259200<=1363305600
1566259200<=1363910400
1566259200<=1364515200
1566259200<=1365120000
1566259200<=1365724800
1566259200<=1303171200
1566259200<=1366934400
1566259200<=1367539200
1566259200<=1368144000
1566259200<=1368748800
1566259200<=1369353600
1566259200<=1369958400
1566259200<=1370563200
1566259200<=1371168000
1566259200<=1371772800
1566259200<=1372377600
1566259200<=1372982400
1566259200<=1373587200
1566259200<=1374192000
1566259200<=1374796800
1566259200<=1375401600
1566259200<=1376006400
1566259200<=1376611200
1566259200<=1377216000
1566259200<=1377820800
1566259200<=1378425600

Parte di un cimitero ebraico di Livorno torna alla luce

in: Ebraismo | Pubblicato da: Redazione

Nessun Commento

Pezzi di un antico cimitero ebraico di Livorno sono stati scoperti durante le operazioni di demolizione di due blocchi di case popolari in una zona periferica della città.

Secondo le prime analisi i frammenti di lapidi e arredi funebri farebbero parte di un cimtero smantellato dopo le leggi razziali. La scoperta è stata fatta dagli operai che stavano abbattendo i muri delle vecchie strutture fatiscenti, costruite all’inizio degli Anni 40.

Gli stessi operai hanno immediatamente avvertito Casalp (societa’ che gestisce le case popolari e appaltatrice dei lavori), Comune, Comunità ebraica e Soprintendenza.

Mario Tredici, l’assessore comunale alle culture, ha dichiarato:

E’ un ritrovamento di grande interesse. Lo smantellamento, con la distruzione di centinaia di lapidi e arredi funebri (solo una piccola parte fu salvata e trasferita nel nuovo cimitero) avvenne nel tragico periodo segnato dalle leggi razziali, che non consenti’ alcuna tutela del patrimonio storico e morale della Comunità ebraica. La possibilità di ricomporre oggi quanto fu distrutto allora è un preciso dovere che l’amministrazione comunale intende perseguire.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , ,