1568505600<=1347580800
1568505600<=1348185600
1568505600<=1348790400
1568505600<=1349395200
1568505600<=1350000000
1568505600<=1350604800
1568505600<=1351209600
1568505600<=1351814400
1568505600<=1352419200
1568505600<=1353024000
1568505600<=1353628800
1568505600<=1354233600
1568505600<=1354838400
1568505600<=1355443200
1568505600<=1356048000
1568505600<=1356652800
1568505600<=1357257600
1568505600<=1357862400
1568505600<=1358467200
1568505600<=1359072000
1568505600<=1359676800
1568505600<=1360281600
1568505600<=1360886400
1568505600<=1361491200
1568505600<=1362096000
1568505600<=1362700800
1568505600<=1363305600
1568505600<=1363910400
1568505600<=1364515200
1568505600<=1365120000
1568505600<=1365724800
1568505600<=1303171200
1568505600<=1366934400
1568505600<=1367539200
1568505600<=1368144000
1568505600<=1368748800
1568505600<=1369353600
1568505600<=1369958400
1568505600<=1370563200
1568505600<=1371168000
1568505600<=1371772800
1568505600<=1372377600
1568505600<=1372982400
1568505600<=1373587200
1568505600<=1374192000
1568505600<=1374796800
1568505600<=1375401600
1568505600<=1376006400
1568505600<=1376611200
1568505600<=1377216000
1568505600<=1377820800
1568505600<=1378425600

Cordoglio per la morte di Fabio Norsa, presidente della Comunità ebraica di Mantova

in: Ebraismo | Pubblicato da: Redazione

Un Commento

Lutto per Mantova e per la Comunità ebraica italiana: è morto Fabio Norsa, presidente della locale Comunità ebraica. Aveva 65 anni. Pur malato da tempo, era sempre stato attivissimo e pieno di entusiasmo sia nella conduzione di questa piccola comunità ebraica, sia come Presidente, negli ultimi cinque anni, dell’Osservatorio Articolo 3 contro il razzismo e le discriminazioni, organismo fondato insieme ad altre realtà mantovane, tra le quali la comunità sinti.

In questo ruolo, ma anche come valori di una intera vita, Norsa ha perseguito l’obiettivo di costruire una società più aperta, tollerante e accogliente, memore delle tragedie del passato che anche questa piccola realtà ebraica italiana aveva dovuto sopportare.

A Mantova la presenza ebraica è testimoniata dai primi documenti certi, fin dall’anno 1145. Successivamente, soprattutto con i Gonzaga, la città nel Cinquecento diventa una delle maggiori comunità ebraiche italiane del tempo: oltre 3.000 persone, ovvero il 7% della popolazione della città.

Di questa grande vivacità culturale e religiosa, ne erano testimonianze le sei sinagoghe del ghetto di Mantova, edificate tra il XVI e il XVII secolo, oggi scomparse con la demolizione del quartiere ebraico agli inizi del Novecento. Di una soltanto, la Norsa Torrazzo (costruita nel 1513 ma rifatta nel 1751), sono sopravvissuti gli arredi e le decorazioni perché si decise di ricostruirla così com’era in un altro edificio scelto come nuova sede della comunità ebraica di Mantova.

Con l’emancipazione e le opportunità che derivano dall’Unità d’Italia, inizia il lento declino demografico della Comunità mantovana che vede i giovani e interi nuclei familiari trasferirsi a Milano: dai circa 2.000 iscritti della metà dell’800, si passa ai 1.093 nel 1901.

Il nefasto periodo delle leggi razziali e delle persecuzioni nazi-fasciste incise ulteriormente sulla vita della Comunità: il 4 aprile 1944 ci fu la prima deportazione di 44 ebrei mantovani ad Auschwitz. Nel complesso furono 104 gli ebrei mantovani deportati nei campi di sterminio dell’Olocausto. Di questi, solamente 5 furono i sopravvissuti. Oggi la comunità conta solo poche decine di iscritti.

Fabio Norsa lascia la moglie, due figli e tre nipotini. A loro e alla Comunità ebraica di Mantova il cordoglio e le condoglianze della Comunità Ebraica di Roma.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , ,