1566259200<=1347580800
1566259200<=1348185600
1566259200<=1348790400
1566259200<=1349395200
1566259200<=1350000000
1566259200<=1350604800
1566259200<=1351209600
1566259200<=1351814400
1566259200<=1352419200
1566259200<=1353024000
1566259200<=1353628800
1566259200<=1354233600
1566259200<=1354838400
1566259200<=1355443200
1566259200<=1356048000
1566259200<=1356652800
1566259200<=1357257600
1566259200<=1357862400
1566259200<=1358467200
1566259200<=1359072000
1566259200<=1359676800
1566259200<=1360281600
1566259200<=1360886400
1566259200<=1361491200
1566259200<=1362096000
1566259200<=1362700800
1566259200<=1363305600
1566259200<=1363910400
1566259200<=1364515200
1566259200<=1365120000
1566259200<=1365724800
1566259200<=1303171200
1566259200<=1366934400
1566259200<=1367539200
1566259200<=1368144000
1566259200<=1368748800
1566259200<=1369353600
1566259200<=1369958400
1566259200<=1370563200
1566259200<=1371168000
1566259200<=1371772800
1566259200<=1372377600
1566259200<=1372982400
1566259200<=1373587200
1566259200<=1374192000
1566259200<=1374796800
1566259200<=1375401600
1566259200<=1376006400
1566259200<=1376611200
1566259200<=1377216000
1566259200<=1377820800
1566259200<=1378425600

Dalla “Belle Epoque” al “secolo degli orrori”

in: Blog/News | Pubblicato da: Redazione

Nessun Commento

‘Generazioni’ è un romanzo corale, prima opera letteraria di Gabriele Rubini, che ricostruisce le grandi e straordinarie vicende che hanno accompagnato la nascita del sionismo

Domenica 24 giugno alle 16.30 nel Cortile delle Api della Comunità Ebraica di Casale Monferrato Gabriele Rubini presenterà il suo libro Generazioni 1881-1907 (Phasar Edizioni – World Hub Press).

Generazioni 1881-1907 è un romanzo corale che segue le vicende di cinque famiglie ebree in Russia, Italia, Francia, Stati Uniti e Palestina Ottomana. Le famiglie protagoniste e le loro vicissitudini sono state concepite esclusivamente dalla fantasia dell’autore ma lo sfondo storico sul quale le vicende si dipanano è accuratamente documentato e la Storia viene fatta emergere attraverso le storie.

La narrazione si apre in Russia, con i pogrom seguiti all’assassinio dello zar Alessandro II e si interrompe con la partenza di uno dei protagonisti da Jaffa, nell’estate del 1907. In mezzo succede un po’ di tutto: dalla grande emigrazione ebraica verso gli Stati Uniti alla Prima Aliyah, dalle convulsioni dell’Italia post-unitaria, all’Affaire Dreyfus, dall’inizio del movimento nazionale ebraico ai primi contrasti tra sionisti e arabi in Palestina. Oltre che tra loro, poi, i protagonisti interagiscono anche con figure storiche reali, conducendoci in tempi e luoghi lontani, eppure così vicini.

Una bella frase merita di essere qui ripresa “Si rovistò nelle tasche e trovò quattro biglietti da visita. Si alzò e raggiunse il quartetto: “Signori, permettete che mi presenti. Sono il capitano Antoine Lanzmann, ebreo. Quello non c’è scritto sul biglietto da visita.”

Nato a Nuoro quarantatre anni fa, Gabriele Rubini vive e lavora a Bologna. Appassionato studioso di storia del Medio Oriente, ha vissuto per qualche tempo in Israele prima di laurearsi e intraprendere la carriera di Export Manager. Questo è il suo primo romanzo.

Claudia De Benedetti


Un romanzo che è un grande affresco storico

Un romanzo storico dal taglio cinematografico e al tempo stesso in linea con la miglior tradizione del settore, da Manzoni a Tolstoj (non a caso ricordato da uno dei protagonisti, Benyamin Jacobi, giovane soldato russo della guerra di Crimea del 1853: che si trova ad  avere come comandante, all’assedio di Sebastopoli, proprio il futuro autore di “Guerra e pace”). Una sorta di “Guerra e pace” o di “Mulino del Po” tra Otto e Novecento che, partendo dalle vicende parallele di cinque famiglie ebraiche di cittadinanza russa, italiana, francese  – tra cui spiccano gli ucraini Zylbersytein e Jacobi – traccia un grande affresco della storia mondiale: dal 1881, anno dell’assassinio dello zar Alessandro II e dei primi sanguinosi pogrom in Russia, al 1907, anno chiave nella storia del sionismo.

L’anno prima, infatti, a Gerusalemme, l’artista d’origine lituana Boris Schatz ha fondato quella Scuola d’arte “Bezalel” che avrà un ruolo decisivo nella nascita dell’arte e, piu’ in generale, della cultura della nuova nazione israeliana. E proprio l’adeguata focalizzazione del sionismo, come movimento di risveglio nazionale con profondi legami con la cultura europea degli ultimi secoli, contro le mistificazioni che continuano a fungere da facile humus ai deliri razzisti, e’ uno dei temi centrali del libro di Rubini. Che trasporta il lettore dalla Russia degli “ultimi zar e primo Olocausto” alla Bologna del 1887, percorsa dalle polemiche per il triste “caso Mortara” di trent’anni prima; sino alla Francia del 1895, dove il caso Dreyfus preannuncia i delirii antisemiti del Novecento. L’azione si sposta poi in Asia, teatro della guerra russo-giapponese del 1904, che per la prima volta farà scricchiolare il colosso zarista scatenando la rivoluzione del 1905; e nell’America delle prime massicce immigrazioni ebraiche, descritta con accenti che ricordano singolarmente l’“America” di Franz Kafka. E nelle ultime pagine del romanzo, a Gerusalemme, nella Palestina ancora turca oggetto delle prime “Aliyot”, ritroviamo proprio Boris Schatz, personaggio simbolo di tutto il romanzo, con un decisivo incontro con uno dei protagonisti. Intanto, l’irrigidirsi dei contrapposti blocchi di potenze prepara il primo grande incendio mondiale del 1914, coi suoi rovinosi corollari: la Belle Epoque si chiude prefigurando sinistramente il “Secolo degli orrori”.

Fabrizio Federici

(Shalom, maggio 2012)

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , ,