1561420800<=1347580800
1561420800<=1348185600
1561420800<=1348790400
1561420800<=1349395200
1561420800<=1350000000
1561420800<=1350604800
1561420800<=1351209600
1561420800<=1351814400
1561420800<=1352419200
1561420800<=1353024000
1561420800<=1353628800
1561420800<=1354233600
1561420800<=1354838400
1561420800<=1355443200
1561420800<=1356048000
1561420800<=1356652800
1561420800<=1357257600
1561420800<=1357862400
1561420800<=1358467200
1561420800<=1359072000
1561420800<=1359676800
1561420800<=1360281600
1561420800<=1360886400
1561420800<=1361491200
1561420800<=1362096000
1561420800<=1362700800
1561420800<=1363305600
1561420800<=1363910400
1561420800<=1364515200
1561420800<=1365120000
1561420800<=1365724800
1561420800<=1303171200
1561420800<=1366934400
1561420800<=1367539200
1561420800<=1368144000
1561420800<=1368748800
1561420800<=1369353600
1561420800<=1369958400
1561420800<=1370563200
1561420800<=1371168000
1561420800<=1371772800
1561420800<=1372377600
1561420800<=1372982400
1561420800<=1373587200
1561420800<=1374192000
1561420800<=1374796800
1561420800<=1375401600
1561420800<=1376006400
1561420800<=1376611200
1561420800<=1377216000
1561420800<=1377820800
1561420800<=1378425600

Diplomazia in un mondo globalizzato: così il Sud America può influenzare il Medio Oriente

in: Medioriente | Pubblicato da: David Braha

Un Commento

Nelle ultime settimane, nel mondo sembra essersi improvvisamente risvegliato l’interesse nei confronti della minaccia nucleare iraniana.

Ma mentre Americani ed Europei discutono sulle sanzioni da imporre a Teheran, in Israele aumenta la preoccupazione per via dell’intensificarsi dei rapporti politici ed economici tra la Repubblica Islamica e diversi paesi del Sud America.

La strategia dell’Iran infatti sarebbe quella di sviluppare rotte commerciali alternative al fine di bilanciare, almeno parzialmente, le limitazioni imposte dall’Occidente. E ciò diminuirebbe notevolmente l’impatto delle sanzioni stesse sul regime degli Ayatollah.

Secondo il Ministero degli Esteri israeliano però, il fenomeno non sarebbe dovuto ad un effettivo allontanamento di queste nazioni – tra cui figurano anche il Brasile, il Venezuela, ma soprattutto l’Argentina – da Israele. Piuttosto, le ragioni si troverebbero nella volontà di condurre delle politiche opposte agli interessi statunitensi nel mondo.

Gran parte dei paesi dell’America Latina infatti accusano tutte le ultime Amministrazioni USA – sia democratiche che repubblicane quindi – di non essersi sufficientemente interessate al loro destino. Perciò un approccio “terzomondista” sembrerebbe rappresentare la soluzione ideale al problema: vista l’indifferenza da parte delle potenze economiche mondiali, meglio optare per una solidarietà reciproca tra nazioni più deboli.

Per far fronte all’avvicinamento tra questi paesi e l’Iran, la macchina diplomatica israeliana si è immediatamente messa in moto. Date le relazioni tutt’altro che idilliache però, nel caso di Brasile e Venezuela l’ascendente di Gerusalemme è comunque estremamente debole. Ma per ciò che concerne l’Argentina invece, la questione è diversa. Con Buenos Aires i rapporti sono migliori rispetto agli altri paesi dell’America Latina; ed in questo senso, Israele potrebbe proporsi di fare da ponte per favorire il riavvicinamento tra Argentina e Stati Uniti.

A questo punto quindi, tutto dipende da una sola variabile: la volontà del governo guidato da Cristina Kirchner. Avvicinarsi alla superpotenza mondiale alienandosi gli alleati sudamericani, o continuare per la via terzomondista entrando in rotta di collisione con Washington? Si tratta di un dilemma strategico non indifferente. Le cui conseguenze si faranno sentire, in un modo o nell’altro, anche qui nel “lontano” Medio Oriente.

Dav.braha@gmail.com

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , , , , , ,