1568505600<=1347580800
1568505600<=1348185600
1568505600<=1348790400
1568505600<=1349395200
1568505600<=1350000000
1568505600<=1350604800
1568505600<=1351209600
1568505600<=1351814400
1568505600<=1352419200
1568505600<=1353024000
1568505600<=1353628800
1568505600<=1354233600
1568505600<=1354838400
1568505600<=1355443200
1568505600<=1356048000
1568505600<=1356652800
1568505600<=1357257600
1568505600<=1357862400
1568505600<=1358467200
1568505600<=1359072000
1568505600<=1359676800
1568505600<=1360281600
1568505600<=1360886400
1568505600<=1361491200
1568505600<=1362096000
1568505600<=1362700800
1568505600<=1363305600
1568505600<=1363910400
1568505600<=1364515200
1568505600<=1365120000
1568505600<=1365724800
1568505600<=1303171200
1568505600<=1366934400
1568505600<=1367539200
1568505600<=1368144000
1568505600<=1368748800
1568505600<=1369353600
1568505600<=1369958400
1568505600<=1370563200
1568505600<=1371168000
1568505600<=1371772800
1568505600<=1372377600
1568505600<=1372982400
1568505600<=1373587200
1568505600<=1374192000
1568505600<=1374796800
1568505600<=1375401600
1568505600<=1376006400
1568505600<=1376611200
1568505600<=1377216000
1568505600<=1377820800
1568505600<=1378425600

Domenica 27 gennaio, la testimonianza di Piero e Sami

in: Giornata della Memoria | Pubblicato da: Redazione

3 Commenti

Speciale Tg1 Rai alle 23.23 dedicato al Giorno della Memoria, a cura di Roberto Olla e con la collaborazione di Donatella Di Cesare. Parlano i sopravvissuti ad Auschwitz Piero Terracina e Sami Modiano

Il lager è follia geometrica. Un sistema spaventosamente pianificato e razionalizzato. Ogni elemento è studiato, così come la volontà di distruggere i valori fondanti dell’umanità, pilastri di qualunque società civile.

Perciò, domenica 27 Gennaio, i sopravvissuti alla Shoah Piero Terracina e Sami Modiano rivivranno le loro terribili esperienze e scaveranno nelle loro memorie alla ricerca di quei principi fondamentali, dalla dignità al credo, messi in discussione nei campi di sterminio.

Con il documentario “Auschwitz: Una sfida per la filosofia” daranno vita ad uno studio sui valori e diritti umani per la prima volta in Italia. Il servizio andrà in onda alle ore 23.25 su Speciale Tg1, canale Rai uno a cura di Roberto Olla e con la collaborazione di Donatella Di Cesare, professore ordinario di Filosofia teoretica presso il Dipartimento di Filosofia della Sapienza.

Ricordare diviene, dunque, un modo per apprezzare quei diritti inviolabili dell’uomo su cui si fondano le nostre vite, che all’interno di quello spazio delimitato dal filo spinato costituivano un bene inestimabile. Era difficile, se non impossibile, riuscire a mantenere una propria identità, essere sordi e ciechi di fronte a tanta crudeltà. Eppure le convinzioni dei prigionieri erano gli unici strumenti per conservare la speranza, poiché nella condizione funesta del lager, erano i piccoli dettagli a fare la differenza.

Piero e Sami ricorderanno l’amicizia, che non solo li ha avvicinati, ma gli ha dato la forza per continuare a sopravvivere e nutrire, in fondo, un po’ di speranza, di fede, presente ad intermittenza data la condizione di emergenza, ma mai del tutto scomparsa. Infine la dignità del singolo e della morte, offuscata dalla fame, dai soprusi e dalla lotta alla sopravvivenza.

Piero Terracina e Sami Modiano parlano della loro esperienza personale, della loro storia, ma anche delle loro riflessioni. In che modo la loro amicizia li ha aiutati a sopravvivere? Era allora possibile l’amicizia ad Auschwitz? E che ne è oggi dell’amicizia? Qual è il rapporto con la fede, dopo Auschwitz? Che cosa ha significato perdere la dignità? E la morte era ancora morte? Ad Auschwitz non si poteva più distinguere tra la morte e il decesso, tra il morire e l’essere liquidati. Lo sterminio è stato una produzione in serie, una fabbricazione di cadaveri ai quali era stata sottratta la dignità della morte. L’ebreo ridotto a non-persona, respinto in una zona in cui di umano non c’è più nulla, è stato il luogo di un esperimento, mai compiuto prima, forse il più terribile, in cui l’umanità stessa è stata messa in questione. Non abbiamo ancora davvero riflettuto su questo esperimento in cui l’uomo è stato trasformato in non-uomo. Soprattutto intorno a questa domanda, che rappresenta una sfida per la filosofia, si incentra il programma televisivo diretto da Roberto Olla e commentato da Donatella Di Cesare.

Micol Debash

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: ,