1563321600<=1347580800
1563321600<=1348185600
1563321600<=1348790400
1563321600<=1349395200
1563321600<=1350000000
1563321600<=1350604800
1563321600<=1351209600
1563321600<=1351814400
1563321600<=1352419200
1563321600<=1353024000
1563321600<=1353628800
1563321600<=1354233600
1563321600<=1354838400
1563321600<=1355443200
1563321600<=1356048000
1563321600<=1356652800
1563321600<=1357257600
1563321600<=1357862400
1563321600<=1358467200
1563321600<=1359072000
1563321600<=1359676800
1563321600<=1360281600
1563321600<=1360886400
1563321600<=1361491200
1563321600<=1362096000
1563321600<=1362700800
1563321600<=1363305600
1563321600<=1363910400
1563321600<=1364515200
1563321600<=1365120000
1563321600<=1365724800
1563321600<=1303171200
1563321600<=1366934400
1563321600<=1367539200
1563321600<=1368144000
1563321600<=1368748800
1563321600<=1369353600
1563321600<=1369958400
1563321600<=1370563200
1563321600<=1371168000
1563321600<=1371772800
1563321600<=1372377600
1563321600<=1372982400
1563321600<=1373587200
1563321600<=1374192000
1563321600<=1374796800
1563321600<=1375401600
1563321600<=1376006400
1563321600<=1376611200
1563321600<=1377216000
1563321600<=1377820800
1563321600<=1378425600

Tesori della cultura ebraica scoperti in grotte dell’Afganistan

in: Ebraismo, Foto gallery | Pubblicato da: Redazione

Nessun Commento

Si tratta di documenti che risalgono ad oltre 1000 anni fa

La Libreria nazionale di Gerusalemme ha reso pubblici una trentina di documenti ebraici, vecchi di mille anni, che sono stati scoperti casualmente in alcune grotte dell’Afghanistan orientale in aree controllate dai Talebani. Sono stati venduti di recente a quell’Istituto ”per una cifra considerevole” da commercianti di nazionalità imprecisata e fanno parte di un ”vero tesoro”, ancora all’estero.

Esso comprende centinaia di documenti provenienti dalla stessa zona che attorno all’anno Mille aveva forte rilevanza commerciale trovandosi lungo la storica ‘Via della Seta’.

Un esperto della Libreria nazionale, il professor Haggai Ben Shammai, ha precisato alla stampa che parte di quei documenti sono scritti in ‘arabo ebraico’ (parole arabe riportate con lettere ebraiche) e in ‘persiano ebraico’ (parole farsi in caratteri ebraici). Altri ancora sono in scritti in una forma di ebraico che all’epoca era in uso a Baghdad. Dai testi si comprende che gli autori provenivano da comunità lontane fra cui Aleppo (Siria) ed Egitto.

Lo scritto più importante è attribuito al rabbino di origine egiziana Saadia Gaon, passato alla storia per aver tradotto in arabo i principali testi ebraici e per aver diretto una importante scuola rabbinica di Babilonia.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: ,