1566259200<=1347580800
1566259200<=1348185600
1566259200<=1348790400
1566259200<=1349395200
1566259200<=1350000000
1566259200<=1350604800
1566259200<=1351209600
1566259200<=1351814400
1566259200<=1352419200
1566259200<=1353024000
1566259200<=1353628800
1566259200<=1354233600
1566259200<=1354838400
1566259200<=1355443200
1566259200<=1356048000
1566259200<=1356652800
1566259200<=1357257600
1566259200<=1357862400
1566259200<=1358467200
1566259200<=1359072000
1566259200<=1359676800
1566259200<=1360281600
1566259200<=1360886400
1566259200<=1361491200
1566259200<=1362096000
1566259200<=1362700800
1566259200<=1363305600
1566259200<=1363910400
1566259200<=1364515200
1566259200<=1365120000
1566259200<=1365724800
1566259200<=1303171200
1566259200<=1366934400
1566259200<=1367539200
1566259200<=1368144000
1566259200<=1368748800
1566259200<=1369353600
1566259200<=1369958400
1566259200<=1370563200
1566259200<=1371168000
1566259200<=1371772800
1566259200<=1372377600
1566259200<=1372982400
1566259200<=1373587200
1566259200<=1374192000
1566259200<=1374796800
1566259200<=1375401600
1566259200<=1376006400
1566259200<=1376611200
1566259200<=1377216000
1566259200<=1377820800
1566259200<=1378425600

Shoah, ebrei internati a Cosenza: il nuovo libro di Falbo ne racconta la storia

in: Cultura | Pubblicato da: Redazione

Nessun Commento

Non solo Ferramonti. Ebrei internati in provincia di Cosenza (1940-1943)” è il nuovo libro di Leonardo Falbo e fa parte della “Collana di studi e ricerche dell’Istituto calabrese per la storia dell’antifascismo e dell’Italia contemporanea”.

Il libro, attraverso un’accurata ricostruzione, fa emergere al grande pubblico le vicende gli ebrei internati in provincia di Cosenza, colmando così una lacuna nella storia calabrese durante la Seconda Guerra Mondiale.

Di quello che è stato rinominato “internamento libero”, Falbo racconta la storia di venti località della Calabria, evidenziando come in piccoli comuni si possano ritrovare caratteristiche simili alla storia nazionale ed europea.

Nella prefazione del libro Vittorio Cappelli, docente di Storia Contemporanea all’Università della Calabria, osserva che:

Il quadro che risulta dalla ricerca mostra il carattere pervasivo e diffuso della persecuzione antiebraica anche in una remota periferia, dove le parole d’ordine del regime in termini di razzismo e antisemitismo giungono assai smorzate e sfumano infine fino a scomparire nella dimensione solidaristica delle comunità locali, dove il senso di territorialità derivante dall’antico isolamento aveva il suo reciproco nel culto dell’ospitalità.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , , ,