1560643200<=1347580800
1560643200<=1348185600
1560643200<=1348790400
1560643200<=1349395200
1560643200<=1350000000
1560643200<=1350604800
1560643200<=1351209600
1560643200<=1351814400
1560643200<=1352419200
1560643200<=1353024000
1560643200<=1353628800
1560643200<=1354233600
1560643200<=1354838400
1560643200<=1355443200
1560643200<=1356048000
1560643200<=1356652800
1560643200<=1357257600
1560643200<=1357862400
1560643200<=1358467200
1560643200<=1359072000
1560643200<=1359676800
1560643200<=1360281600
1560643200<=1360886400
1560643200<=1361491200
1560643200<=1362096000
1560643200<=1362700800
1560643200<=1363305600
1560643200<=1363910400
1560643200<=1364515200
1560643200<=1365120000
1560643200<=1365724800
1560643200<=1303171200
1560643200<=1366934400
1560643200<=1367539200
1560643200<=1368144000
1560643200<=1368748800
1560643200<=1369353600
1560643200<=1369958400
1560643200<=1370563200
1560643200<=1371168000
1560643200<=1371772800
1560643200<=1372377600
1560643200<=1372982400
1560643200<=1373587200
1560643200<=1374192000
1560643200<=1374796800
1560643200<=1375401600
1560643200<=1376006400
1560643200<=1376611200
1560643200<=1377216000
1560643200<=1377820800
1560643200<=1378425600

Gli ebrei “in cammino” del Sud Italia

in: Ebraismo | Pubblicato da: Redazione

6 Commenti

Una intensa tre giorni di studio e incontri a Belvedere Marittimo in Calabria, per dare forza al progetto di ritorno all’ebraismo nel Meridione

La Calabria ha ospitato nei giorni tra il 20 ed il 23 dicembre scorso uno shabbaton organizzato dall’Ucei dal Dec con il supporto della Comunità Ebraica di Napoli e di Shavei Israel, una organizzazione no profit israeliana che da anni si occupa di ritorni all’Ebraismo di discendenti di ebrei in tutto il mondo, dalla Cina al Sud America, passando per India, Russia; Europa e da ieri anche Sud Italia.

Il programma di studio e degli interventi dello Shabbaton è stato intenso, denso e ha dato ampio spazio alla libera espressione di tutti coloro che dalla Calabria alla Sicilia ed alla Puglia hanno di fatto scelto di tornare al loro ancestrale ebraismo o di riscoprire origini sopite.

Lo Shabbaton quindi non è stato una semplice occasione di studio, sebbene lo studio della Torà sia stato il motivo che ha legato ogni momento dei tre giorni a Belvedere Marittimo, ma in realtà la presenza dell’Ucei e delle organizzazioni che con essa hanno collaborato, ha segnato in maniera ufficiale l’impegno istituzionale dell’Ebraismo italiano verso una realtà, quella degli ebrei in cammino che merita risposte a tutte le domande sul tavolo.

I rabbini Birnbaum e Punturello di Shavei Israel, rav Bahbout della Comunità di Napoli ed il maskil Gadi Piperno del Dec non hanno solo risposto a domande halachiche o insegnato Torà, hanno anche segnato l’inizio di un progetto, quello dedicato al Sud, che non poteva essere lasciato all’istinto organizzativo di un singolo rav o di volontari, ma che proprio per la serietà del tema e la serietà numerica dei soggetti coinvolti sul territorio ha bisogno di risposte chiare e responsabili da parte degli ebrei italiani.

La presenza istituzionale nel territorio Calabrese in quei giorni è stata anche segnata dal Presidente dell’Ucei, Renzo Gattegna, che ha ricevuto la cittadinanza onoraria da parte del Comune di S. Maria del Cedro, uno dei luoghi simbolo della coltura degli etroghim per Sukkot.

Stabilita quindi senza dubbio alcuno il legame tra Ucei e territorio del Sud Italia, il progetto Sud a nome di tutti gli ebrei italiani va a riempire i vuoti culturali e spirituali che non possono essere più ignorati e che richiamano a responsabili azioni tutti i soggetti coinvolti nello sviluppo dell’Ebraismo italiano anche in luoghi che fino a ieri apparivano come frontiere ebraiche rispetto alla geografia delle nostre comunità.

Le emozioni dei ritorni ed i racconti antichi e persi nella memoria storica delle origini ebraiche in Sicilia, Campania, Puglie e Calabria non devono essere però gli unici motivi che spingono le forze in campo, le emozioni infatti devono lasciare spazio alle azioni, a shabbaton come quello organizzato a Belvedere, a cooperazioni armoniose tra tutte le forze disponibili: rabbini, educatori, amministratori.

Possiamo affermare con consapevolezza storica che se oggi il viaggiatore ebreo Biniamin di Tudela, dovesse tornare per miracolo a visitare il Sud Italia come fece nel 1165 recandosi da Saragoza a Gerusalemme, non potrebbe ignorare la Calabria come allora e dopo essere andato, allora come oggi, a Lucca, Pisa, Roma, Napoli, Salerno, Trani Taranto, Brindisi ed Otranto, dovrebbe andare anche a Palmi, Reggio Calabria, Cosenza, Catanzaro, Catania, Palermo…dovrebbe insomma riprendere i fili di questa nuova frontiera ebraica di Italia, fili che dai quali potrebbero essere tessute realtà interessanti.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: ,