1563321600<=1347580800
1563321600<=1348185600
1563321600<=1348790400
1563321600<=1349395200
1563321600<=1350000000
1563321600<=1350604800
1563321600<=1351209600
1563321600<=1351814400
1563321600<=1352419200
1563321600<=1353024000
1563321600<=1353628800
1563321600<=1354233600
1563321600<=1354838400
1563321600<=1355443200
1563321600<=1356048000
1563321600<=1356652800
1563321600<=1357257600
1563321600<=1357862400
1563321600<=1358467200
1563321600<=1359072000
1563321600<=1359676800
1563321600<=1360281600
1563321600<=1360886400
1563321600<=1361491200
1563321600<=1362096000
1563321600<=1362700800
1563321600<=1363305600
1563321600<=1363910400
1563321600<=1364515200
1563321600<=1365120000
1563321600<=1365724800
1563321600<=1303171200
1563321600<=1366934400
1563321600<=1367539200
1563321600<=1368144000
1563321600<=1368748800
1563321600<=1369353600
1563321600<=1369958400
1563321600<=1370563200
1563321600<=1371168000
1563321600<=1371772800
1563321600<=1372377600
1563321600<=1372982400
1563321600<=1373587200
1563321600<=1374192000
1563321600<=1374796800
1563321600<=1375401600
1563321600<=1376006400
1563321600<=1376611200
1563321600<=1377216000
1563321600<=1377820800
1563321600<=1378425600

Egitto, Ruben: “Pericolo non solo per Israele, ma per tutto l’Occidente”

in: Medioriente | Pubblicato da: Redazione

2 Commenti

Se la situazione in Egitto dovesse esplodere, a correre rischi non sarebbe solo Israele, ma l’intero Occidente“.

A dirlo all’ADNKRONOS è il deputato del Pdl Alessandro Ruben, secondo il quale “l’Europa deve avere una linea comune e deve porsi come interlocutore serio, anche perché sembrano essersi indeboliti i rapporti degli Usa non solo con l’Egitto ma anche con altri Paesi di quell’area“.

L’esponente del centrodestra fotografa così le conseguenze che potrebbero scaturire dalla situazione in Egitto:

E’chiaro che, data anche la vicinanza geografica, Israele sarebbe tra i primi Paesi colpiti dal precipitare della situazione egiziana. Basti ricordare le parole pronunciate da Ahmadinejad subito dopo l’apertura della crisi in Egitto. Ma il problema riguarda tutto l’Occidente, che dovrebbe sopportare conseguenze negative da una soluzione ‘radicale’ alla crisi egiziana.
L’Europa deve assumere una posizione seria e porsi come interlocutore credibile. Non si può far finta di niente, come hanno fatto in questi giorni alcuni Paesi. E’ indispensabile trovare una linea comune e farsi promotori di un dialogo che coinvolga, ovviamente, anche gli Stati Uniti. Ci sono anche, e non vanno sottovalutati gli aspetti legati all’immigrazione, un problema che riguarderebbe in primo luogo proprio il nostro Paese.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , , ,