1566259200<=1347580800
1566259200<=1348185600
1566259200<=1348790400
1566259200<=1349395200
1566259200<=1350000000
1566259200<=1350604800
1566259200<=1351209600
1566259200<=1351814400
1566259200<=1352419200
1566259200<=1353024000
1566259200<=1353628800
1566259200<=1354233600
1566259200<=1354838400
1566259200<=1355443200
1566259200<=1356048000
1566259200<=1356652800
1566259200<=1357257600
1566259200<=1357862400
1566259200<=1358467200
1566259200<=1359072000
1566259200<=1359676800
1566259200<=1360281600
1566259200<=1360886400
1566259200<=1361491200
1566259200<=1362096000
1566259200<=1362700800
1566259200<=1363305600
1566259200<=1363910400
1566259200<=1364515200
1566259200<=1365120000
1566259200<=1365724800
1566259200<=1303171200
1566259200<=1366934400
1566259200<=1367539200
1566259200<=1368144000
1566259200<=1368748800
1566259200<=1369353600
1566259200<=1369958400
1566259200<=1370563200
1566259200<=1371168000
1566259200<=1371772800
1566259200<=1372377600
1566259200<=1372982400
1566259200<=1373587200
1566259200<=1374192000
1566259200<=1374796800
1566259200<=1375401600
1566259200<=1376006400
1566259200<=1376611200
1566259200<=1377216000
1566259200<=1377820800
1566259200<=1378425600

Genocidio armeno, Pacifici: “Si segua l’esempio del popolo ebraico e di quello tedesco”

in: Blog/News | Pubblicato da: Redazione

Nessun Commento

“In occasione del centesimo anniversario del genocidio armeno vogliamo esprimere il nostro cordoglio per una delle pagine più buie della storia. Il genocidio armeno si è purtroppo consumato tra l’indifferenza dei popoli, dando modo ad altre menti tiranne di pensare nuovi genocidi. La Shoah, lo sterminio compiuto per mano nazista e fascista, è succeduto a quello armeno ed ha trovato spazio proprio in quell’indifferenza. Ancora oggi, purtroppo, il mondo libero non è ancora pienamente in grado di esprimere una reazione decisa di fronte a fenomeni simili.

Lo scorso anno, durante l’anniversario del genocidio armeno, abbiamo onorato le vittime ospitando l’Ambasciatore in Italia, Sargis Ghazaryan, nella Scuola Ebraica di Roma per trasmettere agli studenti quanto la Memoria di ciò che è stato sia fondamentale affinché ciò non accada mai più a nessun altro popolo. E’ fondamentale che i giovani ricordino il passato e che siano coscienti della storia per essere loro stessi, in futuro, protettori del diritto a vivere le proprie libertà fondamentali. Era la prima volta che l’Ambasciatore entrava in una scuola italiana per ricordare il genocidio e ci siamo tutti profondamente commossi.

Vogliamo immaginare che questo centenario possa aprire la strada alla riconciliazione tra il popolo armeno e quello turco, magari prendendo esempio dal percorso effettuato dal popolo ebraico e quello tedesco. Oggi in Germania il 27 gennaio si celebra la “Giornata del Pentimento”. Questo modello di coscienza collettiva e istituzionale speriamo venga adottato dalla società turca e dai suoi leader, dentro uno spirito di riavvicinamento che apra la strada all’integrazione in quell’Unione Europea che rigetta ogni sentimento xenofobo, razzista e antisemita”.

Lo dichiara il Presidente della Comunità Ebraica di Roma Riccardo Pacifici.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS