1566259200<=1347580800
1566259200<=1348185600
1566259200<=1348790400
1566259200<=1349395200
1566259200<=1350000000
1566259200<=1350604800
1566259200<=1351209600
1566259200<=1351814400
1566259200<=1352419200
1566259200<=1353024000
1566259200<=1353628800
1566259200<=1354233600
1566259200<=1354838400
1566259200<=1355443200
1566259200<=1356048000
1566259200<=1356652800
1566259200<=1357257600
1566259200<=1357862400
1566259200<=1358467200
1566259200<=1359072000
1566259200<=1359676800
1566259200<=1360281600
1566259200<=1360886400
1566259200<=1361491200
1566259200<=1362096000
1566259200<=1362700800
1566259200<=1363305600
1566259200<=1363910400
1566259200<=1364515200
1566259200<=1365120000
1566259200<=1365724800
1566259200<=1303171200
1566259200<=1366934400
1566259200<=1367539200
1566259200<=1368144000
1566259200<=1368748800
1566259200<=1369353600
1566259200<=1369958400
1566259200<=1370563200
1566259200<=1371168000
1566259200<=1371772800
1566259200<=1372377600
1566259200<=1372982400
1566259200<=1373587200
1566259200<=1374192000
1566259200<=1374796800
1566259200<=1375401600
1566259200<=1376006400
1566259200<=1376611200
1566259200<=1377216000
1566259200<=1377820800
1566259200<=1378425600

“Se costretti entreremo nella Striscia”: lo spiega l’ambasciatore di Israele in Italia Naor Gilon

in: Blog/News | Pubblicato da: Redazione

Nessun Commento

“Abbiamo reagito perché provocati, non vogliamo l’intervento dell’Onù”

”Se non usciamo da questa fase con un impegno e garanzie di Hamas che non si ritorni a un crescente lancio di razzi dopo pochi mesi dal conflitto, allora saremo costretti, malvolentieri, a entrare a Gaza anche via terra’. Lo afferma l’ambasciatore di Israele a Roma, Naor Gilon, in un’intervista al Tempo.

”Entrare con i soldati nel posto più densamente popolato del mondo comporta un rischio molto alto, ma Israele non può più vivere con l’esistenza di oltre un milione di cittadini minacciata continuamente”, osserva Gilon.

”Anche se Hamas ha vinto le elezioni, noi ricordiamo come prese il potere: con la forza”, sottolinea Gilon. ”Da allora è partita un’escalation di lanci di razzi e missili per renderci la vita impossibile. Nessun Paese potrebbe tollerare una cosa del genere”.

L’ambasciatore esclude l’utilizzo di una forza di pace dell’Onu nella Striscia di Gaza. ”Israele non affida la sua sicurezza all’Onu, almeno nell’immediato. Neanche Hamas accetterebbe una soluzione simile”, dice. ”Non succederà perché l’Onu non riesce a fare quel che deve, lo vediamo in Siria dove solo l’altro ieri ci sono state 75 vittime civili in un bombardamento. E quei morti non si trovano sui giornali perchésono siriani e non palestinesi”. Quanto alla stampa, ”ci sono dei giornali che hanno coperto i fatti in modo parziale – accusa – e non hanno fornito i precedenti storici che hanno portato all’attuale soluzione militare”.

”Uno dei motivi per cui abbiamo attaccato è che avevamo notizie di intelligence sia sulla posizione del terrorista di Hamas, al-Jabari, sia sui depositi dei Fajr-5”, prosegue Gilon. ”Gli obiettivi sono stati centrati e ora Hamas è in possesso di pochi Fajr-5, ma finché avranno questo tipo di missile ci saranno tre milioni di israeliani sotto tiro”.

In merito all’Iran, ”non so se Israele colpirà o no, ma è certo che non si può consentire al Paese di avere armi nucleari’, dichiara l’ambasciatore. Quanto all’Egitto, ”da lì passano le armi per Gaza, ma loro potranno mediare per la fine del conflitto. Napolitano e Monti – aggiunge – hanno fatto da ponte tra Israele e l’Egitto per le mediazionì’.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , , ,