1566691200<=1347580800
1566691200<=1348185600
1566691200<=1348790400
1566691200<=1349395200
1566691200<=1350000000
1566691200<=1350604800
1566691200<=1351209600
1566691200<=1351814400
1566691200<=1352419200
1566691200<=1353024000
1566691200<=1353628800
1566691200<=1354233600
1566691200<=1354838400
1566691200<=1355443200
1566691200<=1356048000
1566691200<=1356652800
1566691200<=1357257600
1566691200<=1357862400
1566691200<=1358467200
1566691200<=1359072000
1566691200<=1359676800
1566691200<=1360281600
1566691200<=1360886400
1566691200<=1361491200
1566691200<=1362096000
1566691200<=1362700800
1566691200<=1363305600
1566691200<=1363910400
1566691200<=1364515200
1566691200<=1365120000
1566691200<=1365724800
1566691200<=1303171200
1566691200<=1366934400
1566691200<=1367539200
1566691200<=1368144000
1566691200<=1368748800
1566691200<=1369353600
1566691200<=1369958400
1566691200<=1370563200
1566691200<=1371168000
1566691200<=1371772800
1566691200<=1372377600
1566691200<=1372982400
1566691200<=1373587200
1566691200<=1374192000
1566691200<=1374796800
1566691200<=1375401600
1566691200<=1376006400
1566691200<=1376611200
1566691200<=1377216000
1566691200<=1377820800
1566691200<=1378425600

Giorno della Memoria: cerimonia al Quirinale

in: Giornata della Memoria | Pubblicato da: Redazione

Nessun Commento

 LEGGI RAZZIALI, LA CERIMONIA PER IL 70° ANNIVERSARIO - FOTO 2

“L’antisemitismo” introdotto “in Italia dal fascismo” fu “un’aberrazione”. Lo dice il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, al Quirinale per la Giornata della memoria, dove denuncia “l’infamia delle leggi razziali”.

“E necessario tenere alta la guarda, vigilare e reagire contro persistenti e nuove insidie di negazionismo e revisionismo magari canalizzate attraverso la Rete”. “C’e’ da fare della memoria della Shoah l’asse di una chiarificazione costante e diffusa e di una battaglia ideale e politica non di parte, che vadano al di la’ degli stessi confini storici della persecuzione, fino allo sterminio, contro gli ebrei”.

“Da noi, in Italia – aggiunge – propagande aberranti si traducono in diverse citta’ in fatti di violenza e contestazione eversiva da parte di gruppi organizzati, come quelli su cui e’ intervenuta nei giorni scorsi, con provvedimenti motivati, la Procura di Napoli”. “Ventilati progetti di distruzione di un negozio ebreo o di aggressione e stupro di una studentessa ebrea a Napoli – ricorda Napolitano – sono mostruosità che se solo enunciate sollecitano la più dura risposta dello Stato e la più forte mobilitazione di energie nelle scuole, nella politica, nell’informazione a sostegno degli ideali democratici”.

Per il capo dello Stato “c’e’ da interrogarsi con sgomento sia sul circolare, tra giovani e giovanissimi, di una miserabile paccottiglia ideologica apertamente neonazista, sia sul fondersi di violenze di diversa matrice, da quella del fanatismo calcistico a quella del razzismo ancora una volta innanzitutto antiebraico”.

E’ necessario – prosegue Napolitano – ribadire il ”rifiuto intransigente e totale dell’antisemitismo in ogni suo travestimento ideologico come l’antisionismo”. ”In gioco – ha aggiunto – non e’ solo il rispetto della religione e cultura ebraica”, ma anche il riconoscimento delle ragioni ”della nascita dello Stato di Israele e del suo diritto all’esistenza e alla sicurezza”. Il “diritto all’esistenza e alla sicurezza dello Stato di Israele” e’ un “punto fermo da non mettere mai in forse”.

“Italia e Europa – ha concluso Napolitano – possono e debbono fare la loro parte perche’ si apra la strada della pace in Medioriente, con la soluzione del conflitto israelo-palestinese sulla base della collaborazione tra due popoli e due Stati”.

 

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS