1568505600<=1347580800
1568505600<=1348185600
1568505600<=1348790400
1568505600<=1349395200
1568505600<=1350000000
1568505600<=1350604800
1568505600<=1351209600
1568505600<=1351814400
1568505600<=1352419200
1568505600<=1353024000
1568505600<=1353628800
1568505600<=1354233600
1568505600<=1354838400
1568505600<=1355443200
1568505600<=1356048000
1568505600<=1356652800
1568505600<=1357257600
1568505600<=1357862400
1568505600<=1358467200
1568505600<=1359072000
1568505600<=1359676800
1568505600<=1360281600
1568505600<=1360886400
1568505600<=1361491200
1568505600<=1362096000
1568505600<=1362700800
1568505600<=1363305600
1568505600<=1363910400
1568505600<=1364515200
1568505600<=1365120000
1568505600<=1365724800
1568505600<=1303171200
1568505600<=1366934400
1568505600<=1367539200
1568505600<=1368144000
1568505600<=1368748800
1568505600<=1369353600
1568505600<=1369958400
1568505600<=1370563200
1568505600<=1371168000
1568505600<=1371772800
1568505600<=1372377600
1568505600<=1372982400
1568505600<=1373587200
1568505600<=1374192000
1568505600<=1374796800
1568505600<=1375401600
1568505600<=1376006400
1568505600<=1376611200
1568505600<=1377216000
1568505600<=1377820800
1568505600<=1378425600

Giorno della Memoria, la televisione ricorda

in: Giornata della Memoria | Pubblicato da: Redazione

4 Commenti

Tutte le reti, pubbliche e private, dedicheranno al ricordo della Shoà un ricco palinsesto

Iniziato ieri con un documentario su Auschwitz, trasmesso su Rai2, prende avvio a partire da oggi un lungo palinsesto televisivo, sia sulle reti pubbliche che private, dedicato al ricordo della Shoà.

Giovedì 24 gennaio

Tgcom24 – Il sistema integrato all news di Mediaset, propone un ciclo di appuntamenti in prima serata curati da Gabriella Simoni per ripercorrere il fiume dei ricordi di chi è stato testimone delle atrocità naziste. Partendo dalla testimonianza diretta dei sopravvissuti come Nedo Fiano e Shlomo Venezia, le puntate speciali si presenteranno come un racconto corale attraverso citazioni cinematografiche, musicali e filmati storici. Attenzione particolare al ruolo della musica come via di salvezza, come accaduto a Wladislaw Szpilman, la cui vicenda e’ stata raccontata nel ‘Pianista’ di Roman Polanski.

Rai Storia (digitale terrestre e Tivu’Sat) – Alle 23.00, un documentario inedito dal titolo «Dachau – Baracca 8 numero 123343 – L’ultimo Sonderkommando italiano», la storia di Enrico Vanzini che oggi ha 90 anni. La sua vita nel campo di concentramento di Dachau è durata 7 mesi, lì ha lasciato 56 kg e l’innocenza di ragazzo. Ricorda lucidamente le fasi più crudeli di quella prigionia: il morto con cui dormi’ abbracciato tutta la notte, le bastonate sulle ferite inferte dagli stessi infermieri che dovevano curarlo, il congelamento dei piedi, le cavie umane degli esperimenti, i carri di morti che trasportò, i compagni che uscivano per sempre da quell’inferno lanciandosi contro i fili spinati elettrificati. Enrico era un ventunenne dell’esercito italiano catturato ad Atene dopo l’8 settembre; evase dalla prigionia tedesca e fu ripreso in Germania per colpa di una ragazza milanese, spia dei nazisti. Solo sessant’anni dopo quegli eventi i figli e la moglie di Enrico Vanzini hanno saputo la sua storia da Internet, una storia sempre taciuta a tutti per il troppo dolore che gli procurava. Enrico nel 2005 ha iniziato a raccontare quella tragedia nelle scuole, perché i giovani sappiano quanto fragile è la distanza che separa umanità e ferocia.

Venerdì 25 gennaio

Rai Storia – Alle 23 il documentario «76847 Giuliana Tedeschi», di Daniele Segre. La protagonista, Giuliana Fiorentino Tedeschi, deportata nel lager nazista di Auschwitz/Birkenau ha rilasciato a Daniele Segre nell’inverno del 1998 una testimonianza filmata di grande importanza per la memoria della Shoah. Il racconto si sviluppa anche con l’incontro che Giuliana Tedeschi ha avuto con gli allievi della scuola media ”Emanuele Artom” di Torino. Una storia intensa, drammatica, necessaria per poter trattenere nella memoria la grande tragedia che hanno vissuto il popolo ebraico e altri popoli nel secolo scorso a causa del nazismo.

Sabato 26 gennaio

Rai Premium – Alle 21.10 trasmette ‘Perlasca, un eroe italiano’, la miniserie tv con Luca Zingaretti nei panni di Giorgio Perlasca, il padovano che strappo’ alla morte oltre 5 mila ebrei ungheresi.

Rai3 sceglie il film documentario firmato da Lavina Lubin ‘La pianista bambina’, liberamente ispirato all’omonimo bestseller di Greg Dawson.

Rai Storia – Alle 20 «Fatti» sul processo del 1976 ai responsabili dell’unico campo di sterminio italiano, la Risiera di San Sabba di Trieste.

Domenica 27 gennaio

Rai 1 – Trasmette in serata il film evento ‘La vita e’ bella’ di Roberto Benigni, che agli Oscar del 1999 si aggiudico’ ben tre statuette (miglior attore protagonista, miglior colonna sonora, miglior film straniero) e al primo passaggio tv (il 22 ottobre 2001) segno’ un record 16 milioni 80 mila telespettatori. E’ la storia di un padre (Benigni) e del figlio che vengono deportati assieme ad altri ebrei italiani in un campo di sterminio. Per non spaventare il piccolo, suo padre finge che si tratti di un grande gioco a premi, dove in palio c’e’ un carro armato. L’orrore dei campi di concentramento si trasforma cosi’ in una finzione fiabesca per salvare l’innocenza del bambino e fargli superare il trauma.

Rai Speciale TG 1 – Alle 23,25 documentario: “Auschwitz. Una sfida per la filosofia”, con Piero Terracina e Sami Modiano e la collaborazione di Donatella Di Cesare.

Rai Movie – Inizia in mattinata alle ore 10.20 con il film biografico ‘Arrivederci ragazzi’ di Louis Malle. A seguire la ricostruzione storica Hotel Meina (alle 12.10) di Carlo Lizzani. Poi alle 14.10 ‘Il Generale della Rovere’, il capolavoro di Roberto Rossellini e con Vittorio De Sica. In serata (alle 19.10) il film ‘Amen’ di Costa-Gavras. All’1.55 il film ‘Vincitori e vinti’ di Stanley Kramer.

Rai Storia – Paolo Mieli proporrà dalle 9 alle 15 una selezione di filmati tra cui lo speciale di «Correva l’anno» Il fascismo e gli ebrei e l’inchiesta di Sergio Zavoli del 1963 che rievoca il rastrellamento del 16 ottobre 1943 nel Ghetto. Alle 23 «Il canto del popolo ebraico massacrato» di e con Moni Ovadia.

Rete 4 – Alle 15.25 manda in onda la fiction ‘Mafalda di Savoia il coraggio di una principessa’.

La7 – Alle ore 14.04 il kolossal Exodus di Otto Preminger e con Paul Newman, che racconta il lungo viaggio di migliaia di ebrei da Cipro verso la Palestina, due anni dopo la fine della Seconda guerra mondiale. A seguire la fedele ricostruzione ‘Fuga da Sobibor’ di Jack Gold (Luka e Sasha, rinchiusi nel campo di concentramento in Polonia, organizzano la fuga insieme ad altri prigionieri). All’1.30 il documentario ‘Io non vi ho dimenticato’ di Richard Trank con la narrazione di Nicole Kidman; incentrato sul processo di Norimberga.

Iris (Canale Mediaset) – Alle 21.08 trasmette il film capolavoro di Steven Spielberg, vincitore di sette premi Oscar, ‘Schindler’s List’ con Liam Neeson e Ben Kingsley che racconta la vera storia di Oscar Schindler, industriale tedesco che durante la guerra salvo’ dai campi di sterminio quasi 1200 ebrei facendoli lavorare nella sua fabbrica. Alle 23.25 il film ‘Senza destino – Fateless’, tratto dall’omonimo romanzo del Nobel Imre Kertesz.

Sky Cinema 1 – Alle 21.10 trasmette in prima visione ‘La chiave di Sara’ con Kristin Scott Thomas che fa luce sul rastrellamento degli ebrei parigini, stipati in condizioni disumane nel famigerato Velodrome d’Hiver e poi deportati nei campi di concentramento.

Diva Universal (Canale 128 sky) – Alle 12.40 documentario su Ada Ascarelli Sereni, che insieme al marito Enzo salvò moltissimi ebrei dalle persecuzioni nazifasciste, contribuendo alla fondazione dello Stato di Israele. Alle 20.50 ‘Donne nel mito: Anna Frank’: uno speciale dedicato alla giovane ebrea morta a 15 anni in un lager nazista e autrice di uno dei più famosi diari del mondo.

Lunedì 28 gennaio

Rai 3 – Alle 21.05 va in onda “Vento di primavera”, il primo film su un evento che per tanti anni e stato tabù per i francesi. Il 16 luglio 1942, durante l’occupazione tedesca, la polizia francese sequestra nelle loro case 13.151 ebrei, per due giorni li ammassa in un velodromo prima di trasferirli in un campo di concentramento da dove, divisi in tre gruppi (uomini, donne e bambini) partiranno per i lager dell’Est. Torneranno solo in 25, nessuno fra i 4.051 bambini. Nel cast, Jean Reno, nei panni di un medico ebreo e Melanie Laurent, che interpreta un personaggio realmente esistito, la crocerossina Annette Monod.

Martedì 29 gennaio

Canale 5 – Alle 21.10 “L’aviatore”, film Tv che racconta la storia vera di Massimo Teglio (Sergio Castellitto), pilota ebreo che a Genova fra il 1943 e il 1944 con l’aiuto di un sacerdote salvò molte vite dalla deportazione. Nel cast, Anna Valle e Marco Giallini.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , , , ,