1568505600<=1347580800
1568505600<=1348185600
1568505600<=1348790400
1568505600<=1349395200
1568505600<=1350000000
1568505600<=1350604800
1568505600<=1351209600
1568505600<=1351814400
1568505600<=1352419200
1568505600<=1353024000
1568505600<=1353628800
1568505600<=1354233600
1568505600<=1354838400
1568505600<=1355443200
1568505600<=1356048000
1568505600<=1356652800
1568505600<=1357257600
1568505600<=1357862400
1568505600<=1358467200
1568505600<=1359072000
1568505600<=1359676800
1568505600<=1360281600
1568505600<=1360886400
1568505600<=1361491200
1568505600<=1362096000
1568505600<=1362700800
1568505600<=1363305600
1568505600<=1363910400
1568505600<=1364515200
1568505600<=1365120000
1568505600<=1365724800
1568505600<=1303171200
1568505600<=1366934400
1568505600<=1367539200
1568505600<=1368144000
1568505600<=1368748800
1568505600<=1369353600
1568505600<=1369958400
1568505600<=1370563200
1568505600<=1371168000
1568505600<=1371772800
1568505600<=1372377600
1568505600<=1372982400
1568505600<=1373587200
1568505600<=1374192000
1568505600<=1374796800
1568505600<=1375401600
1568505600<=1376006400
1568505600<=1376611200
1568505600<=1377216000
1568505600<=1377820800
1568505600<=1378425600

Giorno Memoria: “Spegnere le luci al Colosseo? È stata una iniziativa tragicomica”

in: Giornata della Memoria | Pubblicato da: Redazione

Nessun Commento

IMG_7359Lo ha dichiarato il presidente del partito neonazista ungherese Jobbik

Una iniziativa tragicomica: così Gabor Vona, presidente del partito dell’estrema destra xenofoba ungherese Jobbik, ha definito oggi la decisione di spegnere, nella Giornata della Memoria, il Colosseo a Roma per denunciare in particolare il rafforzamento delle forze neonaziste e antisemite in Ungheria.

Jobbik si e’ distinto negli ultimi tempi per prese di posizione e iniziative di carattere apertamente xenofobo e razzista, da ultimo la proposta di una schedatura degli ebrei di Ungheria.

In un discorso davanti ai suoi sostenitori, il leader di Jobbik ha detto che la democrazia liberale e il capitalismo globale sono finiti, ed e’ giunto il tempo delle forze tradizionaliste e nazionaliste, come il suo partito. Ha quindi ribadito l’accusa ai rom di essere ‘criminali’, proponendo di privarli degli assegni sociali, ”costringendoli cosi’ a lavorare”. E ha definito un ”traditore della patria” il premier conservatore populista Viktor Orban che, ha osservato, con la sua politica ha reso est e ovest ostili all’Ungheria. Jobbik – ha sottolineato Gabor Vona – difendera’ le terre agricole ungheresi contro gli investitori stranieri.

Il partito Jobbik e’ la terza forza politica nel parlamento di Budapest con 43 deputati, alle spalle del partito di governo Fidesz e dei socialisti. I sondaggi lo accreditano di un 14%-15% dei consensi a livello nazionale.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: ,