1511308800<=1347580800
1511308800<=1348185600
1511308800<=1348790400
1511308800<=1349395200
1511308800<=1350000000
1511308800<=1350604800
1511308800<=1351209600
1511308800<=1351814400
1511308800<=1352419200
1511308800<=1353024000
1511308800<=1353628800
1511308800<=1354233600
1511308800<=1354838400
1511308800<=1355443200
1511308800<=1356048000
1511308800<=1356652800
1511308800<=1357257600
1511308800<=1357862400
1511308800<=1358467200
1511308800<=1359072000
1511308800<=1359676800
1511308800<=1360281600
1511308800<=1360886400
1511308800<=1361491200
1511308800<=1362096000
1511308800<=1362700800
1511308800<=1363305600
1511308800<=1363910400
1511308800<=1364515200
1511308800<=1365120000
1511308800<=1365724800
1511308800<=1303171200
1511308800<=1366934400
1511308800<=1367539200
1511308800<=1368144000
1511308800<=1368748800
1511308800<=1369353600
1511308800<=1369958400
1511308800<=1370563200
1511308800<=1371168000
1511308800<=1371772800
1511308800<=1372377600
1511308800<=1372982400
1511308800<=1373587200
1511308800<=1374192000
1511308800<=1374796800
1511308800<=1375401600
1511308800<=1376006400
1511308800<=1376611200
1511308800<=1377216000
1511308800<=1377820800
1511308800<=1378425600

Gli alunni della Vittorio Polacco a “Scuola di Tifo” con Anotnio Rudiger

in: Blog/News | Pubblicato da: Redazione

Nessun Commento

Ieri pomeriggio Antonio Rüdiger ha fatto visita alla scuola elementare Vittorio Polacco per un appuntamento speciale con ‘A Scuola di Tifo’, dedicato alla lotta al razzismo e promosso da AS Roma e Roma Cares. Il giocatore tedesco, dopo i saluti istituzionali e l’abbraccio dei numerosi alunni presenti in Aula Magna, decorata per l’occasione con degli striscioni contro le discriminazioni, ha risposto alle domande di alcuni dei presenti. “La tua vita è identica alla mia, anche io ero attaccante da piccolo (risate dei presenti ndr) ed ora sono difensore. Quando hai affrontato Messi, Neymar e Suarez hai avuto paura?” Chiede un ragazzo della 5 C. “Sono tre grandi giocatori. Rispetto sempre, ma paura mai”, risponde il difensore della Roma. L’evento è proseguito con la firma di alcuni palloni e la consegna di diplomi per tutti gli studenti. Tra risate e battute, il calciatore ha voluto esprimere un concetto alla base della sua vita. “E’ un grande esempio quello che dobbiamo dare: non importa se sei di colore, bianco, musulmano o ebreo, alla fine della giornata sei sempre un essere umano, ha affermato Rüdiger ai microfoni di Roma TV. “E’ molto importante il rispetto. Il mio pensiero non va mai a chi è razzista, queste persone non sono corrette. Gira tutto intorno al rispetto”.

La direttrice della scuola, Milena Pavoncello, ha voluto ringraziare gli organizzatori ed il calciatore per aver partecipato a questa splendida iniziativa. Se riuscirete a crescere con ben impressi questi valori, sicuramente riusciremo a sconfiggere tutte le intolleranze”, ha dichiarato all’inizio dell’evento. Le fa eco Ruth Dureghello, presidente della Comunità Ebraica di Roma: “Non sono tifosa, ma mi sono emozionata. Sono orgogliosa di avere così tanti bravi bambini davanti a me oggi. Grazie”

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , ,