1566259200<=1347580800
1566259200<=1348185600
1566259200<=1348790400
1566259200<=1349395200
1566259200<=1350000000
1566259200<=1350604800
1566259200<=1351209600
1566259200<=1351814400
1566259200<=1352419200
1566259200<=1353024000
1566259200<=1353628800
1566259200<=1354233600
1566259200<=1354838400
1566259200<=1355443200
1566259200<=1356048000
1566259200<=1356652800
1566259200<=1357257600
1566259200<=1357862400
1566259200<=1358467200
1566259200<=1359072000
1566259200<=1359676800
1566259200<=1360281600
1566259200<=1360886400
1566259200<=1361491200
1566259200<=1362096000
1566259200<=1362700800
1566259200<=1363305600
1566259200<=1363910400
1566259200<=1364515200
1566259200<=1365120000
1566259200<=1365724800
1566259200<=1303171200
1566259200<=1366934400
1566259200<=1367539200
1566259200<=1368144000
1566259200<=1368748800
1566259200<=1369353600
1566259200<=1369958400
1566259200<=1370563200
1566259200<=1371168000
1566259200<=1371772800
1566259200<=1372377600
1566259200<=1372982400
1566259200<=1373587200
1566259200<=1374192000
1566259200<=1374796800
1566259200<=1375401600
1566259200<=1376006400
1566259200<=1376611200
1566259200<=1377216000
1566259200<=1377820800
1566259200<=1378425600

Hamas? A Gaza non esiste

in: Medioriente | Pubblicato da: Dimitri Buffa

5 Commenti

Per Amnesty International (o forse andrebbe chiamata Amnesy) le violazioni dei diritti umani di palestinesi contro altri palestinesi semplicemente non avvengono

Nel rapporto 2012 di “Amnesty international” su Israele e i Territori occupati, leggi Gaza e Cisgiordania, c’è una bella amnesia, anzi “amnesy”, che difficilmente può trovare una spiegazione se non nel delirio politically e islamically correct che da un po’ di tempo a questa parte caratterizza la più nota e stimata ong che si occupa di diritti umani: Hamas non viene mai citata. Il rapporto infatti, opportunamente “ri – monitorato” dalla ong “Secondo Protocollo”, in un dettagliato contro rapporto dell’analista Miriam Bolaffi, è orientato al 100 per cento contro Israele.

Non fa ad esempio alcun cenno all’omicidio Arrigoni, ai blogger incarcerati da Hamas e dalla ANP, ai bambini e ai civili usati come scudi umani dai terroristi, al fatto che i terroristi non vestono una divisa e quindi si rendono irriconoscibili rispetto ai civili. Nomina appena le centinaia di missili sparati dai terroristi su Israele e sui civili israeliani (14 parole in tutto in otto pagine). “Sembra quasi un comunicato dell’Onu o di Catherine Ashton”, ironizza la analista di cui sopra. Il rapporto straparla di “blocco di Gaza e crisi umanitaria”. Parla di “restrizioni in Cisgiordania” citando posti di blocco e barriere protettive come se fossero “angherie” verso gli arabi quando invece sono misure di sicurezza e di legittima difesa che negli ultimi anni hanno azzerato gli atti di terrorismo in Israele.

Parla di “diritto all’alloggio” come se fossero gli israeliani a dover garantire gli alloggi agli arabi che occupano il territorio israeliano. Parla di “uso eccessivo della forza”, come se ci fosse un modo moderato di usare la forza senza mai nominare Hamas, gli scudi umani, gli atti di terrorismo, i tentativi di rapimento. Parla di “impunità israeliana” per l’operazione Piombo Fuso, ignorando i risultati della commissione Turkel. Condanna poi le detenzioni abbinate alla “detenzione amministrativa” e critica il fatto che ad alcuni prigionieri (leggi i peggiori terroristi) venga impedito di vedere i famigliari per ragioni di sicurezza.

Discetta inoltre di “torture e maltrattamenti” e di “processi iniqui”. Il tutto, scrive sempre la Bolaffi, “senza sapere bene dove abbia preso le quattro informazioni che dice di avere a riguardo (mai una volta che portassero un testimone o che provassero quello che dicono)”.

Un capitolo a parte della evidentemente pregiudiziale impostazione anti israeliana del rapporto di “Amnesty-Amnesy”, è raggiunto quando si parla di mancanza di “libertà di espressione in Israele”. Ovviamente, visto che non viene menzionata tale censura per i palestinesi, si deve dedurre che invece a Gaza e in West Bank esista il quarto potere. Ebbene, tale imputazione contro Israele è basata sul fatto che il Parlamento israeliano (la Knesset) ha approvato una legge che punisce quelle associazioni israeliane (e non) che propongono il boicottaggio di Israele o che collaborano con il nemico. Non sta bene ad “Amnesty” inoltre che ad alcune ong israeliane sia stato impedito di ricevere fondi dall’estero. Il tutto, come si legge nel contro rapporto, “quando è ampiamente dimostrato che proprio quei fondi finanziavano attività anti-israeliane, dimenticando (facendo finta di dimenticare) che Israele è un Paese in guerra”.

Vediamo allora cosa “non c’è” nel rapportino di otto pagine. Ad esempio non è spiegato perché i civili arabi vengano uccisi, perché Hamas si faccia scudo dei civili e si renda irriconoscibile mischiandosi a loro. “Di Hamas proprio non parla (in otto pagine di rapporto il gruppo terrorista non viene mai nominato). Non si spiega perché gli arabi vengano detenuti e perché ad alcuni (pochissimi) sia impedito di avere contatti con l’esterno”. Il rapporto di Amnesty non spiega proprio niente di tutto questo. Attacca semplicemente Israele tralasciando deliberatamente tutto il resto. E invece, e proprio il povero Vittorio Arrigoni ne sapeva qualcosa, c’erano tanti capitoli delle violazioni dei diritti umani compiute da Hamas e dai suoi sicari che potevano essere menzionate. Ad esempio il caso del gruppo GYBO (Gaza Youth Breaks Out). Quando diffusero per la prima volta il loro “manifesto” (in Italia fu il defunto Vittorio Arrigoni a farlo) attaccarono sia Israele, sia Hamas, sia Fatah. Da allora iniziarono le persecuzioni nei loro confronti. Uno dei loro leader (Abu Yazan) venne incarcerato da Hamas il 14 agosto 2011 al ritorno da una conferenza tenutasi in Francia dove parlò delle condizioni di vita dei giovani di Gaza sotto l’occupazione di Hamas e sotto quello che lui chiamava l’assedio israeliano. Di lui non si è saputo più niente. Negli ultimi mesi decine di attivisti del gruppo GYBO sono stati arrestati solo perché contestavano Hamas oltre a Israele. “Amnesty International” non ha speso una sola parola nel suo rapporto sulle persecuzioni alle quali è sottoposto questo gruppo pacifista palestinese, forse perché oltre ad attaccare Israele se la prendono pure con Hamas?

Altra grave omissione nel rapporto di “Amnesy”, è la mancata menzione degli arresti indiscriminati di membri di Fatah effettuati nei mesi scorsi a Gaza da Hamas (51 arrestati solo il 24 marzo 2012). Secondo il portavoce di Fatah, Fayez Abu Eita, anche lui arrestato il 25 marzo, Hamas sta eseguendo gli ordini di Teheran che non vuole un riavvicinamento tra i due gruppi palestinesi.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , ,