1566259200<=1347580800
1566259200<=1348185600
1566259200<=1348790400
1566259200<=1349395200
1566259200<=1350000000
1566259200<=1350604800
1566259200<=1351209600
1566259200<=1351814400
1566259200<=1352419200
1566259200<=1353024000
1566259200<=1353628800
1566259200<=1354233600
1566259200<=1354838400
1566259200<=1355443200
1566259200<=1356048000
1566259200<=1356652800
1566259200<=1357257600
1566259200<=1357862400
1566259200<=1358467200
1566259200<=1359072000
1566259200<=1359676800
1566259200<=1360281600
1566259200<=1360886400
1566259200<=1361491200
1566259200<=1362096000
1566259200<=1362700800
1566259200<=1363305600
1566259200<=1363910400
1566259200<=1364515200
1566259200<=1365120000
1566259200<=1365724800
1566259200<=1303171200
1566259200<=1366934400
1566259200<=1367539200
1566259200<=1368144000
1566259200<=1368748800
1566259200<=1369353600
1566259200<=1369958400
1566259200<=1370563200
1566259200<=1371168000
1566259200<=1371772800
1566259200<=1372377600
1566259200<=1372982400
1566259200<=1373587200
1566259200<=1374192000
1566259200<=1374796800
1566259200<=1375401600
1566259200<=1376006400
1566259200<=1376611200
1566259200<=1377216000
1566259200<=1377820800
1566259200<=1378425600

Il commento della settimana: parashà di ‘Eqev. Duemila anni fa: scuola ebraica gratuita per tutti

in: Ebraismo | Pubblicato da: Donato Grosser

Un Commento

La seconda parte dello Shema’ viene letta nella parashà di questa settimana. Una delle mitzwòt è quella di insegnare la Torà ai nostri figli:

E le insegnerete ai vostri figli, parlandone quando sarai a casa, quando andrai per strada, quando ti coricherai e quando ti alzerai (Devarìm, 11:19)

R. Dov Braunstein in un suo articolo in Segulat Israel (Sui doveri tra genitori e figli nella Torà, 5763) scrisse che i Maestri nel trattato Qiddushìn (29b) del Talmùd babilonese spiegano che da questo versetto deriva l’obbligo del padre di insegnare Torà ai figli. Nel resto dell’articolo riassunse le regole di questa mitzwà tratte dal Qitzùr Shulchàn ‘Arùkh e dallo Shulchàn ‘Arùkh di Rav Shneur Zalman di Liadi.

Se il padre non ha insegnato Torà ai figli, essi hanno il dovere di studiarla o di cercare qualcuno che la insegni loro. Il padre ha anche l’obbligo di insegnare ai figli a osservare le mitzwòt. Non appena il bambino comincia a parlare il padre gli deve insegnare il primo versetto dello Shemà’ Israel (Devarìm 6:4).

A tre anni si può iniziare a  insegnare l’alfabeto. L’insegnamento sistematico comincia a  cinque o sei anni, a seconda del livello di maturità del bambino.  In particolare  bisogna insegnare ai bambini più volte tutte la parashòt della Torà nelle quali sono incluse le mitzwòtspiegate nel Talmùd. Il padre deve anche insegnare Talmùd al figlio e metterlo in grado di comprenderlo e di conoscere la Halakhà. Una volta imparato il metodo, il figlio potrà studiare il resto da solo. Se il padre non può insegnare di persona, è obbligato a pagare un insegnante.

Rav Yishma’èl ha-Kohèn (Laudadio Sacerdote) di Modena (1723-1811), rispondendo a un quesito di un ebreo triestino (nei responsa Zera’ Emèt), scrisse che la scuola doveva insegnare ai bambini a leggere l’ebraico e i rudimenti della grammatica. Poi bisognava leggere con loro ogni settimana la parashà con la spiegazione in buon italiano. Successivamente si doveva introdurre i bambini allo studio della Mishnà e della Ghemarà e allo studio delleparashòt con il commento di Rashì. Per circa un’ora al giorno si insegnava ai bambini aritmetica e a leggere e a scrivere in buon italiano perché la priorità andava data agli studi ebraici. La maggior parte dell’orario di studio doveva essere dedicato a MishnàGhemarà che per la loro difficoltà richiedono più tempo.

Lo studio della Torà presso il popolo ebraico, è tanto importante da essere considerato interesse pubblico. Il Talmùd babilonese nel trattato Bavà Batrà (21 a) racconta:

Sia ricordato per il bene Yehoshua’ figlio di Gamla. Se non fosse stato per lui la Torà sarebbe stata dimenticata in Israele. … Egli istituì che venissero assunti insegnanti di Torà per i bambini in ogni provincia e in ogni città per insegnare ai bambini dall’età di sei o sette anni.

Il Talmùd Yevamòt (61a) racconta che Yehoshua’ figlio di Gamla fu uno dei Cohanim Ghedolim (Sommi Sacerdoti) che vissero durante il secondo Bet ha-Miqdàsh (santuario) a Gerusalemme. Giuseppe Flavio (37 – 100 E.V.) nella sua autobiografia racconta  che era un suo contemporaneo (Vita di Giuseppe Flavio, par. 38 e 41). Da quello che istituì  Yehoshua’ figlio di Gamla impariamo quanto sia importante insegnare Torà a tutti i bambini e fare sì che l’educazione ebraica sia disponibile a tutti.

Se l’educazione ebraica fu resa universale e gratuita  duemila anni fa nella Terra d’Israele è tanto più importante farlo oggi nella Diaspora dove è cosi diffusa l’ignoranza e l’assimilazione.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , ,