1561420800<=1347580800
1561420800<=1348185600
1561420800<=1348790400
1561420800<=1349395200
1561420800<=1350000000
1561420800<=1350604800
1561420800<=1351209600
1561420800<=1351814400
1561420800<=1352419200
1561420800<=1353024000
1561420800<=1353628800
1561420800<=1354233600
1561420800<=1354838400
1561420800<=1355443200
1561420800<=1356048000
1561420800<=1356652800
1561420800<=1357257600
1561420800<=1357862400
1561420800<=1358467200
1561420800<=1359072000
1561420800<=1359676800
1561420800<=1360281600
1561420800<=1360886400
1561420800<=1361491200
1561420800<=1362096000
1561420800<=1362700800
1561420800<=1363305600
1561420800<=1363910400
1561420800<=1364515200
1561420800<=1365120000
1561420800<=1365724800
1561420800<=1303171200
1561420800<=1366934400
1561420800<=1367539200
1561420800<=1368144000
1561420800<=1368748800
1561420800<=1369353600
1561420800<=1369958400
1561420800<=1370563200
1561420800<=1371168000
1561420800<=1371772800
1561420800<=1372377600
1561420800<=1372982400
1561420800<=1373587200
1561420800<=1374192000
1561420800<=1374796800
1561420800<=1375401600
1561420800<=1376006400
1561420800<=1376611200
1561420800<=1377216000
1561420800<=1377820800
1561420800<=1378425600

Shoah: il libro “Parole chiare” presentato alle ore 18 alla Biblioteca Romana

in: Cultura | Pubblicato da: Redazione

Nessun Commento

Nato da un’idea di Sira Fatucci e Lia Tagliacozzo per l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, “Parole chiare” è il libro con cui si vuole raccontare la Shoah e la persecuzione nazista ai danni degli ebrei italiani.

Il volume, che verrà presentato oggi alle 18 alla Biblioteca Romana, ripercorre sette luoghi della Memoria (Ferramonti, Fossoli, la Risiera di San Sabba, le Isole Tremiti, Meina, Via Tasso e le Fosse Ardeatine, Agnone), a cui è stato dedicato da sette autori e un fotografo, ognuno per proprio conto, un reportage letterario e fotografico.

“Parole chiare” è un percorso della Memoria che abbraccia gran parte dell’Italia, in cui vengono ricordate le atrocità subite dagli ebrei durante l’occupazione nazista. Sira Fatucci e Lia Tagliacozzo hanno dichiarato:

Siamo certe anche che non tutto possa o debba essere conservato: la vita impone i suoi prezzi e una misura di smemoratezza è, forse, una tassa obbligata.
Ma se si lascia che la natura riaffermi il proprio corso senza interrogarci sui luoghi tanto segnati non è la vita a vincere ma l’oblio. Si tratta solo di luoghi simbolo, ma rappresentano molte delle categorie in cui gli esseri umani sono stati ridotti e la cui vita è stata sconvolta dalle persecuzioni.
Qui in Italia, nel paese delle viole e dei mandolini e del mito del “bravo italiano”. Ebrei zingari, omosessuali, antifascisti e gente qualsiasi, finita in carcere per errore. Destini segnati su cui e’ necessario interrogarsi.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , , , ,