1561420800<=1347580800
1561420800<=1348185600
1561420800<=1348790400
1561420800<=1349395200
1561420800<=1350000000
1561420800<=1350604800
1561420800<=1351209600
1561420800<=1351814400
1561420800<=1352419200
1561420800<=1353024000
1561420800<=1353628800
1561420800<=1354233600
1561420800<=1354838400
1561420800<=1355443200
1561420800<=1356048000
1561420800<=1356652800
1561420800<=1357257600
1561420800<=1357862400
1561420800<=1358467200
1561420800<=1359072000
1561420800<=1359676800
1561420800<=1360281600
1561420800<=1360886400
1561420800<=1361491200
1561420800<=1362096000
1561420800<=1362700800
1561420800<=1363305600
1561420800<=1363910400
1561420800<=1364515200
1561420800<=1365120000
1561420800<=1365724800
1561420800<=1303171200
1561420800<=1366934400
1561420800<=1367539200
1561420800<=1368144000
1561420800<=1368748800
1561420800<=1369353600
1561420800<=1369958400
1561420800<=1370563200
1561420800<=1371168000
1561420800<=1371772800
1561420800<=1372377600
1561420800<=1372982400
1561420800<=1373587200
1561420800<=1374192000
1561420800<=1374796800
1561420800<=1375401600
1561420800<=1376006400
1561420800<=1376611200
1561420800<=1377216000
1561420800<=1377820800
1561420800<=1378425600

Iran: innalzato stato di allerta, Teheran si prepara alla guerra

in: Medioriente | Pubblicato da: Redazione

Un Commento

La Guardia rivoluzionaria iraniana ha innalzato il suo stato di allerta per il timore di un attacco militare da parte di Stati Uniti o Israele. Stando a quanto riferito al quotidiano britannico Telegraph da fonti dell’intelligence occidentale, Teheran avrebbe infatti iniziato a posizionare missili a lungo raggio, esplosivi, artiglieria e unità di guardia in punti strategici per la difesa del Paese.

Il comandante della Guardia rivoluzionaria, Mohammed Ali Jaafari, ha dato infatti l’ordine di prepararsi a possibili raid e attacchi sotto copertura a causa delle crescenti pressioni internazionali sul programma nucleare iraniano.

Teheran teme che il Paese possa essere obiettivo di un attacco dell’intelligence occidentale, volto a distruggere siti cruciali della sua infrastruttura nucleare, anche se il capo del Pentagono, Leon Panetta, ha dichiarato di recente che un raid contro Teheran rischierebbe di innescare “un’escalation che potrebbe trascinare il Medio Oriente in un conflitto di cui poi potremmo pentirci”.

Sarebbe stata la stessa guida suprema iraniana, l’ayatollah Ali Khamenei, a inviare una direttiva ai comandanti di esercito, intelligence e sicurezza per ordinare l’adozione di tutte le misure necessarie per proteggere il regime.

Il comandante della Guardia repubblicana ha quindi risposto ordinando anche lo spostamento in siti segreti dei missili a lungo raggio Shabab, per evitare che siano colpiti e per poterli usare in caso di attacco; da parte sua, la forza aerea ha dato vita a diverse “unità di risposta rapida”, pronte a intervenire in caso di attacco aereo.

Lo scorso fine settimana, Teheran ha dichiarato di aver abbattuto un drone americano nell’est del Paese; al momento non è giunta alcuna conferma. Un portavoce della forza Nato in Afghanistan ha solo dichiarato che le forze Usa hanno “perso il controllo” di un drone, senza però precisarne il modello e poter quindi verificare se si tratta dello stesso velivolo.

Tuttavia sono le continue esplosioni avvenute in Iran negli ultimi due anni in siti militari e nucleari ad alimentare il sospetto di Teheran: dalla deflagrazione in una base che ospitava missili a medio raggio, avvenuta nell’ottobre 2010, fino a quella del 28 novembre scorso al sito nucleare iraniano di Isfahan.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , , , ,