1563321600<=1347580800
1563321600<=1348185600
1563321600<=1348790400
1563321600<=1349395200
1563321600<=1350000000
1563321600<=1350604800
1563321600<=1351209600
1563321600<=1351814400
1563321600<=1352419200
1563321600<=1353024000
1563321600<=1353628800
1563321600<=1354233600
1563321600<=1354838400
1563321600<=1355443200
1563321600<=1356048000
1563321600<=1356652800
1563321600<=1357257600
1563321600<=1357862400
1563321600<=1358467200
1563321600<=1359072000
1563321600<=1359676800
1563321600<=1360281600
1563321600<=1360886400
1563321600<=1361491200
1563321600<=1362096000
1563321600<=1362700800
1563321600<=1363305600
1563321600<=1363910400
1563321600<=1364515200
1563321600<=1365120000
1563321600<=1365724800
1563321600<=1303171200
1563321600<=1366934400
1563321600<=1367539200
1563321600<=1368144000
1563321600<=1368748800
1563321600<=1369353600
1563321600<=1369958400
1563321600<=1370563200
1563321600<=1371168000
1563321600<=1371772800
1563321600<=1372377600
1563321600<=1372982400
1563321600<=1373587200
1563321600<=1374192000
1563321600<=1374796800
1563321600<=1375401600
1563321600<=1376006400
1563321600<=1376611200
1563321600<=1377216000
1563321600<=1377820800
1563321600<=1378425600

Wikileaks: “Israele ha distrutto un reattore nucleare in Siria”

in: Israele | Pubblicato da: Redazione

Nessun Commento

Il 6 settembre 2007, Israele ha distrutto il reattore nucleare costruito segretamente dalla Siria, apparentemente con l’aiuto della Corea del Nord”. Nota scritta il 25 aprile 2008 dall’allora segretario di stato statunitense, Condoleezza Rice, ai rappresentati del suo paese all’estero, almeno secondo Wikileaks, che da settimane sta svelando i segreti di tutti gli stati del mondo. Secondo il sito internet il cablo conterebbe anche altri scottanti rivelazioni: “I nostri esperti in intelligence sono convinti – aggiungerebbe la Rice – che l’attacco ha preso di mira un reattore dello stesso tipo di quello costruito dalla Corea del Nord a Yongbyon. Abbiamo tutta la ragione di credere che il reattore non sia stato costruito per uno scopo pacifico”.

L’esponente del governo americano era convinto che il reattore nucleare siriano non potesse fornire l’elettricità e che “quando Israele ha attaccato, non mancavano che poche settimane prima che il reattore diventasse operativo”. Questa nota getterebbe luce sul rifiuto della Siria di invitare ispettori dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) sul luogo dell’attacco. Pur senza mai rivendicarla ufficialmente, Israele non ha mai negato l’operazione al reattore in questione che le autorità di Damasco hanno sempre definito “sito militare in costruzione”.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: ,