1568505600<=1347580800
1568505600<=1348185600
1568505600<=1348790400
1568505600<=1349395200
1568505600<=1350000000
1568505600<=1350604800
1568505600<=1351209600
1568505600<=1351814400
1568505600<=1352419200
1568505600<=1353024000
1568505600<=1353628800
1568505600<=1354233600
1568505600<=1354838400
1568505600<=1355443200
1568505600<=1356048000
1568505600<=1356652800
1568505600<=1357257600
1568505600<=1357862400
1568505600<=1358467200
1568505600<=1359072000
1568505600<=1359676800
1568505600<=1360281600
1568505600<=1360886400
1568505600<=1361491200
1568505600<=1362096000
1568505600<=1362700800
1568505600<=1363305600
1568505600<=1363910400
1568505600<=1364515200
1568505600<=1365120000
1568505600<=1365724800
1568505600<=1303171200
1568505600<=1366934400
1568505600<=1367539200
1568505600<=1368144000
1568505600<=1368748800
1568505600<=1369353600
1568505600<=1369958400
1568505600<=1370563200
1568505600<=1371168000
1568505600<=1371772800
1568505600<=1372377600
1568505600<=1372982400
1568505600<=1373587200
1568505600<=1374192000
1568505600<=1374796800
1568505600<=1375401600
1568505600<=1376006400
1568505600<=1376611200
1568505600<=1377216000
1568505600<=1377820800
1568505600<=1378425600

L’Ebraismo latino-americano viene ricevuto in Vaticano dal Pontefice

in: Ebraismo | Pubblicato da: Claudia De Benedetti

Un Commento

Un lungo viaggio porterà i responsabili del Congresso Ebraico Latino Americano – CJL – di Cile, Costarica, Argentina, Bolivia, Ecuador, Brazile, Venezuela, Uruguay, Paraguay a vivere a Roma una serie di incontri intensi prima di essere ricevuti in udienza da Benedetto XVI e presentargli un cammino di pace e dialogo cominciato da quaranta anni in Sud America.

Un gesto importante che il CJL ha voluto sottolineare invitando il Presidente del Congresso Ebraico Mondiale Ronald S. Lauder ad essere parte della delegazione.

Il 10 maggio il Congresso Ebraico Latino Americano (CJL) sarà ricevuto in udienza privata da S.S. Benedetto XVI, una folta delegazione di rappresentanti delle comunità guidata dal suo presidente, il braziliano Jack Terpins.

E’ importante per il Congresso Ebraico Latino Americano questa udienza per la sua dimensione continentale ma anche per la vita delle sue comunità nazionali che vivono in un continente a forte presenza cattolica, dove la Chiesa cattolica ha una presenza importante non solo nella vita religiosa, ma anche in quella sociale, culturale e politica. Un continente dove le comunità ebraiche pur conservando vivo il ricordo e il legame con le radici europee, hanno sviluppato oramai un proprio modello di convivenza con le culture e le comunità del continente latino-americano.

È importante perché il messaggio che dal continente Sud americano sarà consegnato al Papa sarà in primo luogo un messaggio di testimonianza di quaranta anni di relazioni fra comunità ebraica e chiesa cattolica, costruito sul dialogo e la collaborazione a tutti i livelli, dal legame istituzionale con la Conferenza Episcopale Latino Americana, il Celam, fino alle parrocchie.

Importante da ricordare qui a Roma nell’anno che celebra i cinquanta anni del Concilio Vaticano II e la nascita del documento Nostra Aetate che ha visto cambiare i rapporti fra Chiesa ed ebraismo, e che il CJL come tutte le comunità ebraiche considera non un punto di arrivo ma un punto di partenza per continuare nel difficile e faticoso esercizio del rispetto.

Un momento importante per l’Ebraismo latino-americano che viene ricevuto in Vaticano dal Pontefice, confrontato quindi con le massime autorità del magistero cattolico in quanto rappresentati delle comunità locali latinoamericane e non come semplici partecipanti di una delegazione internazionale.

E’ infatti la prima volta che viene riconosciuto ad una delegazione latino-americana il privilegio di essere ricevuta in quanto tale dalle autorità ecclesiali e lo fa ricevendo i responsabili, presidenti e rabbini delle sue comunità locali, coloro che hanno fatto la scelta di vivere come un servizio le sfide che la società pone alla vita di ogni comunità.

Ma come essere a Roma e non incontrare chi in Italia vive e si confronta col magistero cattolico e con sfide magari simili a quelle latinoamericane? Magari le risposte sono diverse, ed è proprio questo che rende ogni confronto interessante, perciò una tappa importante di questo viaggio sarà l’incontro del 9 maggio, con alcuni rappresentanti dell’UCEI e il Rabbino Capo della Comunità Ebraica di Roma Riccardo Di Segni.

Didascalie fotografie

(Foto 1)

5 giugno 2007 il presidente del Congresso Latino Americano Jack Terpins incontra Benedetto XVI appena eletto Pontefice, come membro della delegazione delle organizzazioni ebraiche dell’IJCIC.

(Foto 2)

Incontro di Benedetto XVI con le organizzazioni ebraiche nel quadro di uno dei suo viaggi in America Latina in particolare ad Aparecida (Brazile) nel 2008 ed è Claudio Epelman direttore del Congresso Ebraico Latino Americano.

(Foto 3)

Incontro fra CELAM (Conferenza Episcopale Latino Americana) e Congresso Ebraico Latino Americano nel 2009 in Messico.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , ,