1537401600<=1347580800
1537401600<=1348185600
1537401600<=1348790400
1537401600<=1349395200
1537401600<=1350000000
1537401600<=1350604800
1537401600<=1351209600
1537401600<=1351814400
1537401600<=1352419200
1537401600<=1353024000
1537401600<=1353628800
1537401600<=1354233600
1537401600<=1354838400
1537401600<=1355443200
1537401600<=1356048000
1537401600<=1356652800
1537401600<=1357257600
1537401600<=1357862400
1537401600<=1358467200
1537401600<=1359072000
1537401600<=1359676800
1537401600<=1360281600
1537401600<=1360886400
1537401600<=1361491200
1537401600<=1362096000
1537401600<=1362700800
1537401600<=1363305600
1537401600<=1363910400
1537401600<=1364515200
1537401600<=1365120000
1537401600<=1365724800
1537401600<=1303171200
1537401600<=1366934400
1537401600<=1367539200
1537401600<=1368144000
1537401600<=1368748800
1537401600<=1369353600
1537401600<=1369958400
1537401600<=1370563200
1537401600<=1371168000
1537401600<=1371772800
1537401600<=1372377600
1537401600<=1372982400
1537401600<=1373587200
1537401600<=1374192000
1537401600<=1374796800
1537401600<=1375401600
1537401600<=1376006400
1537401600<=1376611200
1537401600<=1377216000
1537401600<=1377820800
1537401600<=1378425600

La Comunità Ebraica di Roma dedica degli alberi alla memoria del Giusto Bruno Fantera

in: Blog/News | Pubblicato da: Ufficio Stampa

Nessun Commento

Il 16 ottobre 1943, giorno della retata nazifascista al Ghetto di Portico d’Ottavia, la famiglia Moscati riesce a sfuggire al rastrellamento. Gino, dopo aver sistemato le figlie femmine presso il convento al Foro Romano, bussa con sua moglie e i figli Mino e Renato alla porta di casa di Bruno Fantera e sua madre a San Saba. Questi non esitano ad accoglierli: i Moscati si accampano in una stanza e i Fantera nell’altra. Vivranno in questo modo per i restanti nove mesi di occupazione, fino al 4 giugno 1944, l’entrata degli alleati a Roma. Da quel giorno, il silenzio per 65 anni. Nel 2007, Mino, il più grande dei fratelli Moscati, invita Bruno a testimoniare quanto accaduto. Viene riconosciuto come Giusto tra le Nazioni e lo Stato di Israele gli consegna l’onorificenza.

Il Signor Fantera ci ha lasciati lo scorso 23 giugno. La Comunità Ebraica di Roma ieri ha voluto rinnovare la sua gratitudine e suggellare ulteriormente il riconoscimento di quest’uomo come Giusto, consegnando al figlio Fabrizio un certificato con cui si attesta che la Comunità ha dedicato, come vuole la tradizione ebraica, degli alberi in Israele alla sua memoria. Durante l’affettuoso incontro, tramite le parole della presidente Ruth Dureghello, è stato espresso l’augurio che Roma, la nostra città, e il paese intero si impegnino a riconoscere, anche attraverso delle onoreficenze, il coraggio e il valore di gesti come quelli di Bruno, che hanno permesso a tanti ebrei di salvarsi dall’orrore della Shoah.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS