1566259200<=1347580800
1566259200<=1348185600
1566259200<=1348790400
1566259200<=1349395200
1566259200<=1350000000
1566259200<=1350604800
1566259200<=1351209600
1566259200<=1351814400
1566259200<=1352419200
1566259200<=1353024000
1566259200<=1353628800
1566259200<=1354233600
1566259200<=1354838400
1566259200<=1355443200
1566259200<=1356048000
1566259200<=1356652800
1566259200<=1357257600
1566259200<=1357862400
1566259200<=1358467200
1566259200<=1359072000
1566259200<=1359676800
1566259200<=1360281600
1566259200<=1360886400
1566259200<=1361491200
1566259200<=1362096000
1566259200<=1362700800
1566259200<=1363305600
1566259200<=1363910400
1566259200<=1364515200
1566259200<=1365120000
1566259200<=1365724800
1566259200<=1303171200
1566259200<=1366934400
1566259200<=1367539200
1566259200<=1368144000
1566259200<=1368748800
1566259200<=1369353600
1566259200<=1369958400
1566259200<=1370563200
1566259200<=1371168000
1566259200<=1371772800
1566259200<=1372377600
1566259200<=1372982400
1566259200<=1373587200
1566259200<=1374192000
1566259200<=1374796800
1566259200<=1375401600
1566259200<=1376006400
1566259200<=1376611200
1566259200<=1377216000
1566259200<=1377820800
1566259200<=1378425600

La scuola ebraica commemora il genocidio armeno

in: Blog/News | Pubblicato da: Redazione

Nessun Commento

Pacifici - ArmeniaQuesta mattina il liceo Renzi Levi della Comunità Ebraica di Roma ha commemorato l’anniversario del genocidio armeno. All’interno dell’edificio che sorge proprio a Portico d’Ottavia dove gli ebrei romani furono radunati per la deportazione nei campi di sterminio nazzisti, i ragazzi hanno ascoltato la storia di un altro massacro, quello della popolazione armena, avvenuto agli inizi del Novecento. Così, per la prima volta, la Comunità Ebraica di Roma e l’Ambasciata della Repubblica di Armenia hanno sottolineato insieme l’importanza della Memoria.

Nell’aula magna del liceo, di fronte a decine di alunni, il Presidente della Cer Riccardo Pacifici ha ricordato che “occuparsi degli stranieri è da sempre un precetto ebraico, un compito, un comandamento. Ricordare quello che è successo alla popolazione armena è un dovere come cittadini italiani e come ebrei sensibili agli angoli più bui della storia del Novecento. Anche noi, come Comunità, dobbiamo essere portatori della memoria del genocidio armeno e questo spero sia di esempio anche per altri”. L’ambasciatore della Repubblica d’Armenia in Italia, Sargis Ghazaryan, ha spiegato che “oggi stiamo dando una prova di universalismo. Non contro qualcuno ma contro ogni forma di relativismo e revisionismo storico, nonché di negazionismo. So che sto toccando dei nervi sensibili in questa Comunità – ha detto ai giovani presenti – ma questi sono anche i nostri nervi sensibili. Noi eredi dei sopravvissuti abbiamo un messaggio in più da portare avanti, proprio perché sopravvissuti. Nel marzo del 1915 nessuno degli intellettuali armeni di Istanbul avrebbe mai pensato che nel giro di sei-otto mesi un milione e mezzo di sudditi dell’Impero Ottomano, armeni cristiani, sarebbe stato annientato. Oggi noi abbiamo il compito di combattere ogni accenno di relativismo. Il Novecento è stato un susseguirsi di crimini e di silenzi che hanno causato altri crimini. Se siamo qui è perché vogliamo rompere questo circolo vizioso ed essere testimoni mai indifferenti”.

Per dimostrare solidarietà alla popolazione armena la Comunità Ebraica di Roma, in collaborazione con il Keren Kayemet LeIsrael (KKL), ha fatto piantare degli alberi nella terra di Israele in ricordo delle vittime armene. Una studentessa ha consegnato l’attestato del KKL all’ambasciatore, poco prima dell’inizio di una lezione di storia sul genocidio tenuta dal professor Marcello Flores, docente all’Università di Siena. “La Memoria è un valore universale – spiega l’assessore alle Scuole della Cer, Ruth Dureghello – perché il genocidio non è mai contro un solo popolo ma è sempre contro l’umanità. Oggi abbiamo arricchito la cultura dei ragazzi portando la testimonianza degli armeni e questa cerimonia continueremo a proporla ogni anno affinché nessuno possa dimenticare”.

 

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS