1560643200<=1347580800
1560643200<=1348185600
1560643200<=1348790400
1560643200<=1349395200
1560643200<=1350000000
1560643200<=1350604800
1560643200<=1351209600
1560643200<=1351814400
1560643200<=1352419200
1560643200<=1353024000
1560643200<=1353628800
1560643200<=1354233600
1560643200<=1354838400
1560643200<=1355443200
1560643200<=1356048000
1560643200<=1356652800
1560643200<=1357257600
1560643200<=1357862400
1560643200<=1358467200
1560643200<=1359072000
1560643200<=1359676800
1560643200<=1360281600
1560643200<=1360886400
1560643200<=1361491200
1560643200<=1362096000
1560643200<=1362700800
1560643200<=1363305600
1560643200<=1363910400
1560643200<=1364515200
1560643200<=1365120000
1560643200<=1365724800
1560643200<=1303171200
1560643200<=1366934400
1560643200<=1367539200
1560643200<=1368144000
1560643200<=1368748800
1560643200<=1369353600
1560643200<=1369958400
1560643200<=1370563200
1560643200<=1371168000
1560643200<=1371772800
1560643200<=1372377600
1560643200<=1372982400
1560643200<=1373587200
1560643200<=1374192000
1560643200<=1374796800
1560643200<=1375401600
1560643200<=1376006400
1560643200<=1376611200
1560643200<=1377216000
1560643200<=1377820800
1560643200<=1378425600

La vita, tra realtà e metafora

in: Giornata della Memoria | Pubblicato da: Redazione

Nessun Commento

L’opera letteraria di Marta Ottolenghi Minerbi

Domenica 20 gennaio alle 15.30 nella Sala Carmi della Comunità Ebraica di Casale Monferrato si svolgerà il prologo del Giorno della Memoria 2013 con la presentazione delle ristampe di due opere di Marta Ottolenghi Minerbi: ‘La colpa di essere nati’ del 1954 e ‘Non è giorno ancora’ del 1956.

Grazie all’impegno della casa editrice Devanzis, la nipote Adriana Torre Ottolenghi e l’antiquario Giorgio Vanzella parleranno della figura straordinaria della scrittrice trevigiana di adozione Marta Ottolenghi Minerbi (Quarto di Genova 1895-1974) che, all’alba delle leggi razziali del 1938 fu costretta a fuggire da Treviso in compagnia del marito Alessandro Ottolenghi, il quale fu poi catturato in un paesino del trevigiano e deportato ad Auschwitz, dove morì.

‘La colpa di essere nati’, titolo divenuto il simbolo della Shoah italiana, è un romanzo autobiografico in cui l’autrice narra della sua fuga dalla normalità, vissuta in una esistenza serena e impreziosita dalla sua pienamente coinvolgente professione di insegnante. Sarà un esodo dove imperverseranno terrore ed angoscia, ma che Marta Ottolenghi Minerbi saprà raccontare con grande senso di umanità, cercando di illuminare soprattutto le figure dei giusti che l’aiuteranno a occultarsi, più che le tragiche maschere degli aguzzini alla sua caccia.

La protagonista, inizialmente fuggiasca in un’accogliente Venezia, riuscirà, attraversando tutto il nord Italia tra mille peripezie e colpi di fortuna, a raggiungere un paesino sui monti che fanno cerchia al lago Maggiore dove, riunitasi ad alcuni famigliari, avrà la gioia di rivedere la luce al di là della fine del terribile conflitto mondiale.

L’incisivo accavallarsi delle sue ansie e delle paure, nel continuo riaffacciarsi delle emozioni che scaturiranno da sporadici incontri e poi via via da sempre più vaghe e sintetiche informazioni sull’amato compagno della sua vita, riusciranno a coinvolgere il lettore, che comprenderà e si farà partecipe degli stenti e delle peripezie che una donna semplice e gentile dovrà patire per non essere travolta dai tragici eventi susseguenti all’emissione delle Leggi razziali fasciste. Il volume porta una presentazione di Sergio Minerbi, scrittore e diplomatico, che è stato ambasciatore di Israele presso la Comunità europea.

‘Non è ancora giorno’, invece, è lo struggente diario di una donna, scritto in forma di lettere che avrebbero dovuto essere inviate al marito, ufficiale degli Alpini nella campagna italiana di Russia, lettere mai spedite e chiuse in un cassetto, nella vana attesa di chi, disperso nelle lande ghiacciate della steppa russa nell’incommensurabile disfatta dell’esercito italiano, mai tornerà alla propria casa.

Lettere nelle quali è facile leggere la metafora dell’esperienza personale della Ottolenghi Minerbi che, solo diversi anni dopo la conclusione della guerra, saprà con certezza del tragico destino che accumunò il marito Alessandro alle tante vittime della Shoah. Una grande storia d’amore che, attraversando indenne il tempo e le avversità, saprà coinvolgere e affascinare le anime sensibili. Il volume è aperto da una prefazione dello storico Daniele Ceschin, autorevole biografo di Marta Ottolenghi Minerbi.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , ,