1493424000<=1347580800
1493424000<=1348185600
1493424000<=1348790400
1493424000<=1349395200
1493424000<=1350000000
1493424000<=1350604800
1493424000<=1351209600
1493424000<=1351814400
1493424000<=1352419200
1493424000<=1353024000
1493424000<=1353628800
1493424000<=1354233600
1493424000<=1354838400
1493424000<=1355443200
1493424000<=1356048000
1493424000<=1356652800
1493424000<=1357257600
1493424000<=1357862400
1493424000<=1358467200
1493424000<=1359072000
1493424000<=1359676800
1493424000<=1360281600
1493424000<=1360886400
1493424000<=1361491200
1493424000<=1362096000
1493424000<=1362700800
1493424000<=1363305600
1493424000<=1363910400
1493424000<=1364515200
1493424000<=1365120000
1493424000<=1365724800
1493424000<=1303171200
1493424000<=1366934400
1493424000<=1367539200
1493424000<=1368144000
1493424000<=1368748800
1493424000<=1369353600
1493424000<=1369958400
1493424000<=1370563200
1493424000<=1371168000
1493424000<=1371772800
1493424000<=1372377600
1493424000<=1372982400
1493424000<=1373587200
1493424000<=1374192000
1493424000<=1374796800
1493424000<=1375401600
1493424000<=1376006400
1493424000<=1376611200
1493424000<=1377216000
1493424000<=1377820800
1493424000<=1378425600

L’Avelut (il lutto)

1- Quando una persona entra in agonia, sarà cura dei familiari recitare le preghiere prescritte prima del decesso. I familiari possono chiedere l’assistenza di un rabbino. L’Ufficio Rabbinico è a disposizione per consultazione e assistenza 24 ore su 24, sabato e festività esclusi. Tel.: 3664539734 – 3396599710 – 066840061 Chesed Ve Emete 3312303181.

Qualora il decesso avvenga di Shabbat o di Moed, si contatti attraverso un non ebreo un’agenzia funebre di fiducia, anche per accelerare i tempi della sepoltura.

2- Avvenuto il decesso, i parenti che si trovano presso il morto, (genitori, figli, fratelli, coniuge) dovranno fare la Kerià, che consiste, in caso di decesso di un genitore, nella lacerazione delle vesti dalla parte sinistra in corrispondenza del cuore, pronunciando ognuno la formula “Baruch … Dayan Ha Emet” (Benedetto … il Giudice di Verità). In caso di decesso di un altro parente stretto, la lacerazione verrà effettuata a destra. Se è presente un rabbino sarà suo compito aiutare i familiari a provvedere a questa triste cerimonia. E’ possibile altrimenti fare la Kerià al cimitero subito dopo la sepoltura. Gli abiti con la Kerià dovranno essere tenuti fino al termine del 7° giorno di Avelut (Shiv’à). La Kerià non si fa di Shabbat e Moed. Il decesso deve essere subito notificato alla Comunità (Tel.: 066840061 – non di Shabbat e di Moed).

3- La salma dovrà essere coperta, avvolta in un lenzuolo e deposta a terra. Si accenderanno (non di Shabbat) delle candele attorno alla salma e un lume che dovrà ardere ininterrottamente fino al compimento del 7° giorno della sepoltura nella stanza in cui è avvenuto il trapasso.

4- Nella stanza in cui si trova la salma verranno coperti gli specchi.

5- Da questo momento ha inizio la veglia del morto da parte dei familiari i quali, come prescrive la tradizione, leggeranno i Salmi (in ebraico o in qualsiasi altra lingua) fino al momento del funerale. I parenti potranno chiedere alla Comunità i libri per fare essi stessi la veglia o chiedere la presenza di un vegliante autorizzato. E’ evidente che il valore delle preghiere recitate dai familiari è assai più grande di quanto non sia quello delle preghiere dette da un’altra persona.

6- Per tutto il periodo che va dalla morte alla sepoltura i parenti sono Onenìm e possono occuparsi soltanto di ciò che è necessario per i funerali, mentre sono esonerati dall’osservanza dei precetti (Tefillà, Tefillin, Birkat ha Mazon ecc.) e non contano per Minian.

7- La salma viene sottoposta a Rechizà (lavaggio rituale) e vestita con Tachrichin (indumento di tela bianca che viene fornito dalla Comunità). La Rechizà viene fatta di regola al cimitero, nell’apposito locale da personale specializzato della Comunità (Chevrà Kaddishà). In casi particolari può essere effettuata altrove, previa consultazione con l’Ufficio Rabbinico.

8- Dopo il funerale inizia l’Avelut che dura 7 giorni (il giorno della sepoltura è già considerato il primo giorno e il settimo giorno termina dopo la preghiera del mattino). Agli Avelim (genitori, figli, fratelli o coniuge del defunto) non è permesso lavorare durante i sette giorni Avelut. Al ritorno dal cimitero essi dovranno consumare il pasti di Avelut che sarà portato in dono da un’altra famiglia ebrea, stando seduti in terra o su bassi panchetti. Questo pasto è composto da pane, uova sode, sale e caffè; alcuni aggiungono olive e biscotti, gli Avelim non possono sedersi a tavola, ma debbono mangiare seduti sui loro sgabelli per tutti i sette giorni ad eccezione di Shabbat, nel quale possono sedersi regolarmente a mensa. Se il decesso è avvenuto nell’imminenza di Pesach, Shavuot, Sukkot, Rosh Ha-Shanah e Kippur, il conteggio dei giorni di Avelut cambia: bisogna quindi rivolgersi all’Ufficio Rabbinico per conoscere le variazioni previste.

9- Gli Avelim non mettono i Tefillin il primo giorno di lutto.

10- Gli Avelim non possono farsi la barba durante i 30 giorni successivi alla sepoltura; per i genitori, la barba potrà essere fatta a partite dal 31° giorno e solo su invito pressante di un compagno. Il periodo di 31 giorni non si riduce anche se c’è una festa.

11- Al settimo giorno, al trentesimo e ai dodici mesi dalla sepoltura, gli Avelim si recheranno al cimitero per recitare le preghiere di rito sulla tomba del parente scomparso. E’ bene che al cimitero ci sia un Minian, in modo che sia possibile dire il Kaddish.

12- Il Kaddish deve essere recitato dagli Avelim nell’anno di lutto, durante le preghiere del mattino e della sera. La recitazione del Kaddish si interrompe le prime tre settimane del 12° mese. Si può chiedere alla Comunità di ricordare il nome del defunto per tutta la durata dell’anno di lutto durante le preghiere quotidiane.

13- La sepoltura ebraica è in terra.

E’ severamente vietata dalla legge ebraica l’apposizione sulle lapidi di fotografie, sculture ed altre immagini.

14- Durante l’anno non si debbono fare né si deve partecipare a riunioni mondane o di divertimento. In caso di feste di famiglia o di amici, è bene rivolgersi all’Ufficio Rabbinico per sapere come comportarsi.

15- Chi segue il funerale e visita le tombe al cimitero deve avere il capo coperto. Nei giorni di Sabato, Feste solenne, di mezza festa, Rosh Chodesh, Chanukah e Purim, il cimitero resta chiuso ai visitatori.

La Comunità è a disposizione delle famiglie per fornire ogni aiuto ed ogni spiegazione, per confortarle ed essere a loro vicina. La Comunità ha pubblicato un libro “Regole ebraiche di lutto” che viene dato alle famiglie in lutto e che può essere anche richiesto all’Ufficio Rabbinico.

Anniversari:

Il primo anniversario cade 12 mesi ebraici esatti dal giorno del seppellimento. Quelli successivi cadono il giorno della morte sempre secondo il lunario ebraico. Se il decesso è avvenuto nel mese di Adar in un anno embolismico (con due Adar), l’anniversario cadrà, in un anno embolismico, in quello dei due Adar in cui il decesso è avvenuto e nell’anno normale nell’unico Adar; se è avvenuto in un anno normale cadrà sempre di Adar Shenì o nell’unico Adar. E’ consuetudine fare un limud (studio) in occasione dell’anniversario.

Cimitero Verano

Indirizzo: Piazzale del Verano 1 (quartiere Tiburtino)

Telefono: +39 06 492361

Orari: Dal 1° ottobre al 31 marzo, dalle 7.30 alle 18.00. Dal 1° aprile al 30 settembre, dalle 7.30 alle 19.00. L’ingresso è consentito sino a un’ora prima della chiusura

Trasporti: linee 3-19-71-93-163-443-448-490-492-495-649-C2 C3


Cimitero Flaminio (Prima Porta)

Indirizzo: Via Flaminia Km 14, 400

Telefono: +39 06 3361 3362

Orari: Dal 1° ottobre al 31 marzo, dalle 7.30 alle 18.00. Dal 1° aprile al 30 settembre, dalle 7.30 alle 19.00. L’ingresso è consentito sino a un’ora prima della chiusura

Trasporti: linee  C1 – C2 – C3 – C4 – C5 – C6 – C7 (C3 – C4 – C5 – C6 – C7 domenica sevizio all’interno del Cimitero)

Tag:, , , , , ,


Delega vendita Chametz
Pesach 5777 lista prodotti
Visita Papa Francesco in Sinagoga
Virtual Tour Itinerari ebraici italiani