1568505600<=1347580800
1568505600<=1348185600
1568505600<=1348790400
1568505600<=1349395200
1568505600<=1350000000
1568505600<=1350604800
1568505600<=1351209600
1568505600<=1351814400
1568505600<=1352419200
1568505600<=1353024000
1568505600<=1353628800
1568505600<=1354233600
1568505600<=1354838400
1568505600<=1355443200
1568505600<=1356048000
1568505600<=1356652800
1568505600<=1357257600
1568505600<=1357862400
1568505600<=1358467200
1568505600<=1359072000
1568505600<=1359676800
1568505600<=1360281600
1568505600<=1360886400
1568505600<=1361491200
1568505600<=1362096000
1568505600<=1362700800
1568505600<=1363305600
1568505600<=1363910400
1568505600<=1364515200
1568505600<=1365120000
1568505600<=1365724800
1568505600<=1303171200
1568505600<=1366934400
1568505600<=1367539200
1568505600<=1368144000
1568505600<=1368748800
1568505600<=1369353600
1568505600<=1369958400
1568505600<=1370563200
1568505600<=1371168000
1568505600<=1371772800
1568505600<=1372377600
1568505600<=1372982400
1568505600<=1373587200
1568505600<=1374192000
1568505600<=1374796800
1568505600<=1375401600
1568505600<=1376006400
1568505600<=1376611200
1568505600<=1377216000
1568505600<=1377820800
1568505600<=1378425600

Lettere per la Prossima Generazione 2 – Riflessioni sulla vita ebraica

in: Blog/News | Pubblicato da: Claudia De Benedetti

2 Commenti

Il libro scritto dal Rabbino capo del Commonwealth, rav Jonathan Sacks

Domenica 23 settembre alle 20.30 al Palazzo della Cultura di Roma e in contemporanea a Milano nell’Aula Magna della Scuola Ebraica si svolgerà l’attesissima presentazione del volume Lettere per la Prossima Generazione 2 – Riflessioni sulla vita ebraica di Lord Jonathan Sacks, Rabbino Capo delle Congregazioni Ebraiche Unite del Commonwealth con la prefazione per l’edizione italiana di Rav Riccardo Di Segni.

La pubblicazione che ha potuto vedere la luce grazie al sostegno delle Comunità di Milano e Roma e del Bené Berith Giovani Roma che ha voluto dedicare l’opera in memoria del trentesimo anniversario del piccolo Stefano Gay Taché, ucciso all’età di due anni durante l’attentato terroristico perpetrato davanti alla Sinagoga di Roma il giorno di Simchà Torà 5743, il 9 ottobre 1982.

Nel corso della serata interverranno in diretta i rabbini capo e i presidenti delle due maggiori comunità italiane: Riccardo Di Segni e Alfonso Arbib, Riccardo Pacifici e Walker Meghnagi, verrà proiettato un video di Rav Sacks, realizzato espressamente per le i giovani ebrei italiani, Myriam Camerini leggerà brani particolarmente significativi di alcune lettere contenute nel volume, Rav Roberto Colombo, Rav Benedetto Carucci e la professoressa Dina Brawer offriranno, con le loro riflessioni, chiavi di lettura, spunti e risposte alle domande dei presenti.

Scrive Rav Sacks nella presentazione del libro “L’ebraismo è una religione fatta di domande. Abramo, Mosè, Geremia e Giobbe si posero domande riguardo Dio. Il Seder di Pesach inizia con le domande di un bambino. Ogni domanda è l’inizio di un viaggio e anche l’ebraismo è una religione itinerante. Gli Ebrei raramente si fermano. Noi cerchiamo. Noi poniamo delle sfide. Noi cresciamo. Magari non abbiamo tutte le risposte, ma non smettiamo mai di interrogarciLe sfide che i giovani ebrei affrontano oggi sono di molti tipi. Viviamo in un’epoca secolare. Esiste ancora un ruolo essenziale per la fede? Viviamo in una cultura proiettata verso il futuro. Abbiamo bisogno della saggezza del passato? Viviamo in un mondo di grande diversità. E’ ancora importante rimanere ebrei, costruire famiglie ebree e vivere ebraicamente? Queste sono le sfide che, in generale, oggi tutte le fedi sono chiamate ad affrontare. Ma esistono delle specificità per gli Ebrei. Quasi incredibilmente, pur essendo la memoria dell’Olocausto ancora viva, l’antisemitismo è tornato in Europa. Allo stesso modo incredibilmente, lo Stato d’Israele, che ha 64 anni, deve ancora lottare per la legittimità ed è ancora circondato da nemici che negano il suo diritto ad esistere. Questi sono problemi seri che richiedono attivismo e vigilanza. Ma sarebbe un errore inserirli nel cuore dell’identità ebraica. C’è una regola nella vita: non lasciare mai che siano i tuoi nemici a definire chi sei. Non siamo noi il popolo condannato ad essere odiato. Noi siamo il popolo che ha portato il messaggio di Dio più a lungo di chiunque altro, e dovremmo essere orgogliosi di continuare a farlo. Il mondo ha bisogno di un messaggio ebraico: tanto più oggi di qualsiasi periodo del passato. Il mondo ha bisogno che noi si continui ad essere ebrei. Il popolo ebraico ha bisogno che noi si continui ad essere ebrei. Dio ha bisogno che noi si continui ad essere ebrei. Noi siamo, dopo tutto, i Suoi più vecchi amici.”

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , , , ,