1563321600<=1347580800
1563321600<=1348185600
1563321600<=1348790400
1563321600<=1349395200
1563321600<=1350000000
1563321600<=1350604800
1563321600<=1351209600
1563321600<=1351814400
1563321600<=1352419200
1563321600<=1353024000
1563321600<=1353628800
1563321600<=1354233600
1563321600<=1354838400
1563321600<=1355443200
1563321600<=1356048000
1563321600<=1356652800
1563321600<=1357257600
1563321600<=1357862400
1563321600<=1358467200
1563321600<=1359072000
1563321600<=1359676800
1563321600<=1360281600
1563321600<=1360886400
1563321600<=1361491200
1563321600<=1362096000
1563321600<=1362700800
1563321600<=1363305600
1563321600<=1363910400
1563321600<=1364515200
1563321600<=1365120000
1563321600<=1365724800
1563321600<=1303171200
1563321600<=1366934400
1563321600<=1367539200
1563321600<=1368144000
1563321600<=1368748800
1563321600<=1369353600
1563321600<=1369958400
1563321600<=1370563200
1563321600<=1371168000
1563321600<=1371772800
1563321600<=1372377600
1563321600<=1372982400
1563321600<=1373587200
1563321600<=1374192000
1563321600<=1374796800
1563321600<=1375401600
1563321600<=1376006400
1563321600<=1376611200
1563321600<=1377216000
1563321600<=1377820800
1563321600<=1378425600

Libertà di stampa e il problema della diffamazione

in: Blog/News | Pubblicato da: Paola Abbina

Nessun Commento

Eppure succede anche in Israele: migliaia di manifestanti hanno sfilato a fine mese per le strade di Tel Aviv a sostegno della democrazia del Paese. Si gridava alla libertà di stampa e di espressione in seguito a una serie di progetti di legge passati alla Knesset definiti come draconiani e anti-democratici.

Il disegno di legge rappresenta un emendamento alla legge sulla diffamazione già esistente in Israele, che permetterebbe di citare in giudizio un giornale per diffamazione, non solo chiedendo il risarcimento commisurato per eventuali danni tangibile provocato dalla pubblicazione, ma perfino un importo supplementare di NIS 300.000 – senza dover dimostrare danni.

I più feroci oppositori a questa legge sono infatti convinti che essa rappresenti un serio ostacolo alla libertà di espressione e alla stampa indipendente. Questa volta la manifestazione non è stata pacifica e la polizia ha disperso i manifestanti con spray urticanti e ha arrestato diverse persone.

L’avvocato Talia Sasson, che nel 2005 ha scritto una relazione su avamposti illegali, parlando dal palco ha affermato che “forze oscure si sono sollevate su Israele” e ha proseguito dicendo che le recenti modifiche approvate alla Knesset trasformano Israele da Paese “democratico” a Paese “soggetto a regime”. “Dobbiamo gridare alla democrazia e non mollare”.

Anche il deputato del Meretz Nitzan Horowitz ha parlato al raduno dicendo che “noi ci troviamo di fronte a un governo che non può sopportare una voce fuori dal coro, e non perché la voce sia pericolosa, ma perché diversa. Perché intimidire i media? Perché ridurli al silenzio? Per coprire le donne, farle sparire?”. E citando Geroge Orwell nel suo famoso 1984 ha concluso: “l’obiettivo della persecuzione è la persecuzione”.

Ma il premier Netanyahu continua a difendersi dicendo che di aver “accantonato già in passato legislazioni che potrebbero danneggiare la democrazia, anche quando avevo una maggioranza schiacciante”, alludendo ad una recente normativa che ha chiesto un’audizione pubblica per i candidati della Corte Suprema. E ha concluso sostenendo che finché rimarrà in carica “Israele continuerà ad essere una democrazia esemplare e resistente. Nessuno oserà imporre cosa pensare, cosa scrivere, cosa indagare, e cosa trasmettere.”

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , , ,