1568505600<=1347580800
1568505600<=1348185600
1568505600<=1348790400
1568505600<=1349395200
1568505600<=1350000000
1568505600<=1350604800
1568505600<=1351209600
1568505600<=1351814400
1568505600<=1352419200
1568505600<=1353024000
1568505600<=1353628800
1568505600<=1354233600
1568505600<=1354838400
1568505600<=1355443200
1568505600<=1356048000
1568505600<=1356652800
1568505600<=1357257600
1568505600<=1357862400
1568505600<=1358467200
1568505600<=1359072000
1568505600<=1359676800
1568505600<=1360281600
1568505600<=1360886400
1568505600<=1361491200
1568505600<=1362096000
1568505600<=1362700800
1568505600<=1363305600
1568505600<=1363910400
1568505600<=1364515200
1568505600<=1365120000
1568505600<=1365724800
1568505600<=1303171200
1568505600<=1366934400
1568505600<=1367539200
1568505600<=1368144000
1568505600<=1368748800
1568505600<=1369353600
1568505600<=1369958400
1568505600<=1370563200
1568505600<=1371168000
1568505600<=1371772800
1568505600<=1372377600
1568505600<=1372982400
1568505600<=1373587200
1568505600<=1374192000
1568505600<=1374796800
1568505600<=1375401600
1568505600<=1376006400
1568505600<=1376611200
1568505600<=1377216000
1568505600<=1377820800
1568505600<=1378425600

Londra: a Roma un minuto di silenzio per ricordare gli atleti israeliani

in: Foto gallery | Pubblicato da: Redazione

Un Commento

Evento organizzato ieri sera dalla Comunità ebraica di Roma

Se il CIO non ha il coraggio di fare un minuto di silenzio per onorare gli undici atleti israeliani uccisi durante le Olimpiadi di Monaco ’72, ci ha pensato la Comunità ebraica romana ha ricordare quelle, come tutte le altre vittime del terrorismo.

Ieri sera, in centinaia sono accorsi nella piazza intitolata a Stefano Gay Tachè, il bambino ucciso nel 1982 dai palestinesi in un attentato davanti al Tempio, con le bandiere italiane e israeliane a ricordare Moshe Weinberg, Jossef Romano Zee’v Friedman, David Berger, Yakov Springer, Eliezer Halfin, Jossef Gutfreund, Kehat Shorr, Mark Slavin, Andre Spitzer, Amitzur Shapira.

“A 40 anni da quegli avvenimenti – ha ricordato il presidente della Comunità, Riccardo Pacifici – purtroppo non cessano le vittime del terrorismo. Questa iniziativa non e’ solo a Roma, non solo in Italia ma in tutto il mondo. Dovunque c’e’ una comunità ebraica stasera saranno ricordati gli atleti israeliani. Non si può più tollerare – ha sottolineato – che anche nel campo sportivo Israele sia isolata e discriminata”.

Pacifici ha sottolineato le iniziative commemorative che in Italia sono avvenute; e Pacifici ha ringraziato per l’impegno profuso e per le iniziative volte a non dimenticare adottate dal Presidente del CONI Gianni Petrucci di effettuare un minuto di silenzio e dall’intero Parlamento italiano, ”unico al mondo”. Pacifici ha poi ricordato la recente visita della Nazionale italiana di calcio al campo di sterminio di Auschwitz che “è una grande lezione che ci dà lo sport italiano”. Infine Pacifici ha ringraziato Pietro Mennea, che gareggiò a Monaco, per aver scritto al Cio sollecitandolo ad effettuare il minuto di silenzio nella cerimonia di apertura delle Olimpiadi.

Il rabbino capo di Roma, Riccardo Di Segni, ha detto che ”la strage di Monaco non e’ stato un evento isolato ma un anello di una catena di sangue che non si e’ mai interrotta nella storia ebraica”.

Infine il deputato Nirenstein – vice presidente della Commissione Esteri della Camera – ha sottolineato che quello come molti altri e’ stato ”un attentato alla vita del popolo ebraico”.

Pacifici in apertura aveva annunciato che Vittorio Pavoncello, presidente del Maccabi Italia sara’ presente – unico italiano – alla cerimonia di commemorazione che si svolgera’ a Londra il prossimo 6 agosto.

Foto di G. Spizzichino

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , , ,