1566691200<=1347580800
1566691200<=1348185600
1566691200<=1348790400
1566691200<=1349395200
1566691200<=1350000000
1566691200<=1350604800
1566691200<=1351209600
1566691200<=1351814400
1566691200<=1352419200
1566691200<=1353024000
1566691200<=1353628800
1566691200<=1354233600
1566691200<=1354838400
1566691200<=1355443200
1566691200<=1356048000
1566691200<=1356652800
1566691200<=1357257600
1566691200<=1357862400
1566691200<=1358467200
1566691200<=1359072000
1566691200<=1359676800
1566691200<=1360281600
1566691200<=1360886400
1566691200<=1361491200
1566691200<=1362096000
1566691200<=1362700800
1566691200<=1363305600
1566691200<=1363910400
1566691200<=1364515200
1566691200<=1365120000
1566691200<=1365724800
1566691200<=1303171200
1566691200<=1366934400
1566691200<=1367539200
1566691200<=1368144000
1566691200<=1368748800
1566691200<=1369353600
1566691200<=1369958400
1566691200<=1370563200
1566691200<=1371168000
1566691200<=1371772800
1566691200<=1372377600
1566691200<=1372982400
1566691200<=1373587200
1566691200<=1374192000
1566691200<=1374796800
1566691200<=1375401600
1566691200<=1376006400
1566691200<=1376611200
1566691200<=1377216000
1566691200<=1377820800
1566691200<=1378425600

Meir: “Incendio Carmelo? Il monte tornerà come prima”

in: Eventi, Israele | Pubblicato da: Redazione

Nessun Commento

Incendio-Carmelo. Il monte al nord d’Israele, che all’inizio di dicembre è stato devastato da un gigantesco rogo, tornerà più verde di prima. Parola dell’ambasciatore israeliano a Roma, Gideon Meir, che ieri ha aperto le porte della sua residenza capitolina a oltre 150 invitati per il cocktail a sostegno dell’iniziativa promossa dal Keren Kayemeth Leisrael, l’associazione ambientale israeliana incaricata dal governo locale di occuparsi della forestazione dell’area danneggiata. “E’ un duro colpo al cuore per chi come noi piange le oltre 40 vittime e ha piantato oltre 260 milioni di alberi nei decenni passati”, ha sottolineato Raffaele Sassun, presidente italiano del KKL.

Il massimo esponente dell’associazione ha chiesto il sostegno di chiunque possa aiutare a ristabilire la normalità in quella parte d’Israele: “Siamo mobilitati, ma c’è bisogno ora dell’aiuto di tutti, anche minimo della generosità di chi ha a cuore un luogo simbolico per la religione ebraica e cattolica. Ci vorranno dai 20 ai 40 anni per ritornare alla situazione preesistente”. Sassun ha concluso il suo intervento, ringraziando il governo italiano, la Protezione Civile e l’Aeronautica Militare, per l’invio dei soccorsi da parte dell’Italia.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: ,