1566259200<=1347580800
1566259200<=1348185600
1566259200<=1348790400
1566259200<=1349395200
1566259200<=1350000000
1566259200<=1350604800
1566259200<=1351209600
1566259200<=1351814400
1566259200<=1352419200
1566259200<=1353024000
1566259200<=1353628800
1566259200<=1354233600
1566259200<=1354838400
1566259200<=1355443200
1566259200<=1356048000
1566259200<=1356652800
1566259200<=1357257600
1566259200<=1357862400
1566259200<=1358467200
1566259200<=1359072000
1566259200<=1359676800
1566259200<=1360281600
1566259200<=1360886400
1566259200<=1361491200
1566259200<=1362096000
1566259200<=1362700800
1566259200<=1363305600
1566259200<=1363910400
1566259200<=1364515200
1566259200<=1365120000
1566259200<=1365724800
1566259200<=1303171200
1566259200<=1366934400
1566259200<=1367539200
1566259200<=1368144000
1566259200<=1368748800
1566259200<=1369353600
1566259200<=1369958400
1566259200<=1370563200
1566259200<=1371168000
1566259200<=1371772800
1566259200<=1372377600
1566259200<=1372982400
1566259200<=1373587200
1566259200<=1374192000
1566259200<=1374796800
1566259200<=1375401600
1566259200<=1376006400
1566259200<=1376611200
1566259200<=1377216000
1566259200<=1377820800
1566259200<=1378425600

Giornata della Memoria: fino al 16 febbraio “Per non dimenticare. Le forme culturali della memoria nella rappresentazione della Shoah”

in: Giornata della Memoria | Pubblicato da: Redazione

Un Commento

Per non dimenticare. Le forme culturali della memoria nella rappresentazione della Shoah” è il titolo della mostra curata dalla critica d’arte Giorgia Calò e patrocinata dall’Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione, dalla Regione Lazio e dall’Assessorato alla Cultura, che riunisce 14 artisti che hanno dato forma alla loro rappresentazione dellOlocausto.

Artisti che secondo Giorgia Calò “sono eterogenei, provengono da diversi percorsi culturali e soprattutto appartengono a differenti religioni, facendo passare il messaggio che questo tema trascende l’appartenenza religiosa e si focalizza sull’orrore dell’Olocausto”.

La curatrice della mostra, inotre ha spiegato all’Adnkronos: “Erano parecchi anni che avevo in mente il progetto di questa mostra e sono orgogliosa che siamo riusciti nell’intento”.

In mostra opere di levatura internazionale, fra cui l’installazione in ferro “Shalechet Fallen leale” di Menashe Kadishman, presentata al museo Ebraico di Berlino, “Only my Bag”di Luigi Mulas Debois, installazione del 2006 caratterizzata da una borsa in cuoio azzurra e marrone a forma di stella di David e il ritratto di Anna Frank realizzato da Barbara Nahmad.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , ,