1568505600<=1347580800
1568505600<=1348185600
1568505600<=1348790400
1568505600<=1349395200
1568505600<=1350000000
1568505600<=1350604800
1568505600<=1351209600
1568505600<=1351814400
1568505600<=1352419200
1568505600<=1353024000
1568505600<=1353628800
1568505600<=1354233600
1568505600<=1354838400
1568505600<=1355443200
1568505600<=1356048000
1568505600<=1356652800
1568505600<=1357257600
1568505600<=1357862400
1568505600<=1358467200
1568505600<=1359072000
1568505600<=1359676800
1568505600<=1360281600
1568505600<=1360886400
1568505600<=1361491200
1568505600<=1362096000
1568505600<=1362700800
1568505600<=1363305600
1568505600<=1363910400
1568505600<=1364515200
1568505600<=1365120000
1568505600<=1365724800
1568505600<=1303171200
1568505600<=1366934400
1568505600<=1367539200
1568505600<=1368144000
1568505600<=1368748800
1568505600<=1369353600
1568505600<=1369958400
1568505600<=1370563200
1568505600<=1371168000
1568505600<=1371772800
1568505600<=1372377600
1568505600<=1372982400
1568505600<=1373587200
1568505600<=1374192000
1568505600<=1374796800
1568505600<=1375401600
1568505600<=1376006400
1568505600<=1376611200
1568505600<=1377216000
1568505600<=1377820800
1568505600<=1378425600

Napolitano, Fini e Schifani ricordano l’attentato alla Sinagoga di Roma

in: Blog/News, Foto gallery | Pubblicato da: Redazione

5 Commenti

Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano è giunto stamane alla sinagoga di Roma per ricordare l’attacco terroristico che il 9 ottobre 1982 costo’ la vita al piccolo Stefano Taché e il ferimento di oltre 40 persone.

Il Capo dello stato, accompagnato dai presidenti di Camera e Senato Gianfranco Fini e Renato Schifani, e da ministro degli interni Cancellieri e dal ministro per la Cooperazione Andrea Riccardi, ha sostato di fronte alla lapide che ricorda l’attacco prima di essere accolto all’interno del Tempio Maggiore. (AGI)

Quel giorno del 1982, alle ore 11,55, un commando di terroristi palestinesi, iniziò a sparare tra la folla di fedeli in uscita dalla Sinagoga, lanciando granate a frammentazione. Fu una strage e il nome del piccolo Stefano Gay Tachè fa ormai parte della storia del terrorismo italiano. I colpevoli sono tuttora impuniti: Osama Abdel Al Zomar fu arrestato in Grecia, condannato in contumacia ed estradato in Libia dove, secondo alcune fonti, vivrebbe tutt’oggi libero. La Comunità’ ebraica chiede ancora giustizia per questa strage.

Rimuovere i segreti di Stato in modo da “poter chiarire le ombre e i dubbi”. E’ quanto ha auspicato il presidente della Comunità ebraica di Roma, Riccardo Pacifici, durante il suo discorso alla Sinagoga in commemorazione di Stefano Gay Tache’. “A 30 anni di distanza – ha detto Pacifici rivolgendosi al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, –la sua prestigiosa presenza ci commuove profondamente ed e’ la conferma che avevamo ragione a non demordere e a non dubitare della vicinanza delle Istituzioni. Sui fatti di allora – ha pero’ sottolineato Pacifici  – ci sono ancora delle domande alle quali devono essere date delle risposte”.

Durante la commemorazione ha voluto portare il suo ricordo anche Gadiel Gaj Tache’, fratello del bimbo che ha perso la vita nell’attentato. “Sono passati 30 anni da quel 9 ottobre 1982, giorno che cambiò radicalmente la mia vita, della mia famiglia e della Comunita’ ebraica di Roma. Oggi sento il dovere di essere qui – ha detto commosso Gadiel Gaj

Tache’ – in qualita’ di testimone. Dal 2013, a quanto pare, il nome di Stefano Gaj Tache’ sara’ inserito nella lista di tutte le vittime italiane del Terrorismo e questo non puo’ che riempire il mio cuore di gioia e speranza”.

Al termine della cerimonia, il presidente Napolitano ha consegnato ai familiari del piccolo Stefano Gaj Taché la medaglia d’oro alla memoria.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , , ,