1563321600<=1347580800
1563321600<=1348185600
1563321600<=1348790400
1563321600<=1349395200
1563321600<=1350000000
1563321600<=1350604800
1563321600<=1351209600
1563321600<=1351814400
1563321600<=1352419200
1563321600<=1353024000
1563321600<=1353628800
1563321600<=1354233600
1563321600<=1354838400
1563321600<=1355443200
1563321600<=1356048000
1563321600<=1356652800
1563321600<=1357257600
1563321600<=1357862400
1563321600<=1358467200
1563321600<=1359072000
1563321600<=1359676800
1563321600<=1360281600
1563321600<=1360886400
1563321600<=1361491200
1563321600<=1362096000
1563321600<=1362700800
1563321600<=1363305600
1563321600<=1363910400
1563321600<=1364515200
1563321600<=1365120000
1563321600<=1365724800
1563321600<=1303171200
1563321600<=1366934400
1563321600<=1367539200
1563321600<=1368144000
1563321600<=1368748800
1563321600<=1369353600
1563321600<=1369958400
1563321600<=1370563200
1563321600<=1371168000
1563321600<=1371772800
1563321600<=1372377600
1563321600<=1372982400
1563321600<=1373587200
1563321600<=1374192000
1563321600<=1374796800
1563321600<=1375401600
1563321600<=1376006400
1563321600<=1376611200
1563321600<=1377216000
1563321600<=1377820800
1563321600<=1378425600

Israele: neve a Gerusalemme, peggior tempesta da 20 anni

in: Foto gallery, Israele | Pubblicato da: Redazione

Nessun Commento

Forte maltempo in tutto il Medio Oriente

Gerusalemme si è svegliata completamente imbiancata dalla neve, dopo che Israele è stato colpito fin da lunedì sera da una delle peggiori tempeste degli ultimi 20 anni. La neve ha causato la chiusura delle scuole nella città santa e di una parte dell’autostrada che collega Gerusalemme a Tel Aviv.

La forte tempesta di questi ultimi giorni ha provocato un caos nel traffico e l’allagamento di una delle principali arterie di Tel Aviv, la superstrada Ayalon.

Nel nord del paese, nel Golan e in parte della Galilea, paesaggi imbiancati e strade chiuse. Stesso spettacolo anche nel sud. Il fiume Giordano minaccia la piena e il livello del Lago di Tiberiade si è innalzato in poche ore di 60 centimetri.

Tel Aviv – che ha vissuto una giornata di passione per la chiusura per 9 ore del tratto urbano dell’autostrada Ayalon e di alcune stazioni ferroviarie – è stata spazzata da un vento teso e gelido e dalle piogge continue che a tratti si sono trasformate in grandinate. A Bakka el Garbia, a nord di Tel Aviv, un gruppo speciale di soccorso dell’esercito ha salvato con un elicottero 15 arabi israeliani prigionieri della propria casa circondata dalle acque.

Le associazioni dei produttori hanno calcolato in 300 milioni di shekel (60 milioni di euro circa) i danni provocati dal maltempo.

Ma il maltempo – piogge così intense in Israele non le si vedevano da anni – ha colpito l’intero Medio oriente, causando anche alcune vittime: quattordici morti in Egitto, quattro in Libano, quattro nei Territori Palestinesi.

Una perturbazione fortissima ha sradicato alberi, cartelloni, antenne tv, ha fatto volare tegole dai tetti e in mare ha dato vita a una violenta burrasca, provocando feriti. Dal Libano alla Siria e alla Giordania, da Israele ai Territori Palestinesi e all’Egitto si fanno i conti con eventi fuori del comune che, secondo le previsioni, dovrebbero terminare in questo fine settimana. Anche le temperature sono scese a livelli inconsueti, di notte anche sotto lo zero.

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS

Tag: , , , ,