1542585600<=1347580800
1542585600<=1348185600
1542585600<=1348790400
1542585600<=1349395200
1542585600<=1350000000
1542585600<=1350604800
1542585600<=1351209600
1542585600<=1351814400
1542585600<=1352419200
1542585600<=1353024000
1542585600<=1353628800
1542585600<=1354233600
1542585600<=1354838400
1542585600<=1355443200
1542585600<=1356048000
1542585600<=1356652800
1542585600<=1357257600
1542585600<=1357862400
1542585600<=1358467200
1542585600<=1359072000
1542585600<=1359676800
1542585600<=1360281600
1542585600<=1360886400
1542585600<=1361491200
1542585600<=1362096000
1542585600<=1362700800
1542585600<=1363305600
1542585600<=1363910400
1542585600<=1364515200
1542585600<=1365120000
1542585600<=1365724800
1542585600<=1303171200
1542585600<=1366934400
1542585600<=1367539200
1542585600<=1368144000
1542585600<=1368748800
1542585600<=1369353600
1542585600<=1369958400
1542585600<=1370563200
1542585600<=1371168000
1542585600<=1371772800
1542585600<=1372377600
1542585600<=1372982400
1542585600<=1373587200
1542585600<=1374192000
1542585600<=1374796800
1542585600<=1375401600
1542585600<=1376006400
1542585600<=1376611200
1542585600<=1377216000
1542585600<=1377820800
1542585600<=1378425600

Parashà di Balàk: Rabbi Akivà e Bar Kokhbà

in: Blog/News | Pubblicato da: Ufficio Stampa

Nessun Commento

Balàk re di Moàv aveva ingaggiato inutilmente il mago Bil’àm affinché con le sue maledizioni gli levasse di torno quella che lui percepiva la minaccia degli israeliti. In effetti il popolo d’Israele, dopo avere sconfitto i potenti re Sichòn e ‘Og, non aveva nessuna intenzione di invadere il territorio dei moabiti seguendo gli ordini dell’Eterno che aveva comandato loro di rispettare i territori dei moabiti e degli ammoniti loro cugini in quanto discendenti di Lot, nipote di Avrahàm. L’Eterno non permise a Bil’àm di pronunciare maledizioni e costui poté pronunciare solo benedizioni. Nel congedarsi dal re Balàk, Bil’àm gli disse: “Ora sto per tornare al mio popolo; ebbene vieni: ti predirò ciò che questo popolo farà al tuo popolo negli ultimi giorni.”

Egli pronunciò il suo oracolo e disse: ”Questa è la parola di Bil’àm figlio di Be’òr, la parola dell’uomo dall’occhio penetrante. È la parola di chi ode le parole di Dio e conosce la volontà dell’Altissimo; di chi vede la visione dell’Onnipotente, mentre cade [nel ricevere la profezia] con visione mistica. Io lo vedo, ma non ora, io lo contemplo, ma non nel prossimo futuro: Una stella spunterà da Ya’akòv (Giacobbe) e uno scettro sorgerà da Israele, che schiaccerà tutti i principi di Moàv e dominerà tutti i discendenti di Set. Edòm sarà demolito e il suo nemico Se’ìr verrà distrutto e Israele sarà trionfante. E da Ya’akòv verrà un sovrano che distruggerà quello che avanza della città” (Bemidbàr, 24:14-19).

Rashì (Francia, 1040-1105) nel suo commento cita la traduzione aramaica di Onkelos (I secolo e.v.) che traduce la frase “Spunterà una stella da Ya’akòv” con le parole “Sorgerà un Re da Ya’akòv”. Poi riguardo alle parole “schiaccerà tutti i principi di Moàv”, Rashì commenta che si riferisce a re Davide che sconfisse Moàv, come scritto nel libro del profeta Samuele (II Shemuèl, 8:2). Riguardo alle parole “un sovrano che distruggerà quello che avanza della città” Rashì commenta che si riferisce al futuro Re d’Israele che metterà fine all’esilio.

Nel Talmud di Eretz Israel (Trattato Ta’anìt, 21a) è raccontato: “R. Shim’òn figlio di Yochài insegnò che Rabbi ‘Akivà interpretava le parole “Spunterà una stella (in ebraico kokhàv) da Ya’akòv” dicendo “Spunterà Kozivà da Ya’akòv”. R. ‘Akivà si riferiva a Shim’on bar [figlio di] Kozivà, chiamato Bar Kokhbà, figlio della stella, che nell’anno 132 e.v. iniziò la grande rivolta per liberare la terra d’Israele dal dominio romano, sostenendo che quest’ultimo era il futuro Re
menzionato nella profezia di Bil’àm. Tuttavia nella stessa pagina è scritto che un collega di R. ‘Akivà, R. Yochanàn figlio di Tortà disse a R. ‘Akivà: “‘Akivà, l’erba crescerà sulle tue guance senza che arrivi il [re] discendente di re Davide”.
La rivolta scoppiò quando l’imperatore Adriano proibì agli ebrei di eseguire le circoncisioni. Egli nominò il feroce Tinneio Rufo governatore della Giudea e intorno al 132 C.E., Adriano cominciò a stabilire una città a Gerusalemme chiamata Aelia Capitolina, il cui nome era una combinazione del suo nome Aelius e quello del dio romano Giove Capitolino, iniziando a costruire un tempio a Giove al posto del Bet Ha-Mikdàsh. All’inizio la rivolta ebbe successo con la sconfitta e la distruzione di intere legioni romane tanto che Adriano non inviò il suo solito messaggio al Senato che ”Io e il mio esercito stavamo bene”.
Il Talmud racconta che tale era la forza di Bar Kokhbà e del suo esercito che costui diceva che avrebbe vinto la guerra naturalmente senza aiuto dal Cielo purché l’Eterno non lo ostacolasse. Tuttavia dopo un lungo assedio la fortezza di Betàr venne conquistata dai romani che fecero una strage dei combattenti e degli abitanti. I maestri dissero che dopo la questa disfatta “la forza d’Israele fu stroncata”.

Il Maimonide (Cordova, 1138-1204, Il Cairo) nel Mishnè Torà (Hilkhòt Melakhìm, Cap. 11), in modo simile a Rashì, scrive che i versetti della parashà si riferiscono a re Davide a al suo discendente il re mashìach (in italiano “messia” che significa “unto”, perché la nomina dei re veniva fatta mettendo olio sulla testa). Il Maimonide aggiunge che non bisogna pensare che il futuro re messia deva fare miracoli perché R. ‘Akivà sostenne la causa del re Bar Kozivà affermando che era il re mashìach, fino a quando quest’ultimo fu ucciso per via di peccati. [Le foto allegate mostrano il diritto e il rovescio di una moneta d’argento coniata da Bar Kokhbà con le parole in ebraico corsivo “Shim’on” e “Per la liberazione di Gerusalemme”].

Donato Grosser

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS