1540080000<=1347580800
1540080000<=1348185600
1540080000<=1348790400
1540080000<=1349395200
1540080000<=1350000000
1540080000<=1350604800
1540080000<=1351209600
1540080000<=1351814400
1540080000<=1352419200
1540080000<=1353024000
1540080000<=1353628800
1540080000<=1354233600
1540080000<=1354838400
1540080000<=1355443200
1540080000<=1356048000
1540080000<=1356652800
1540080000<=1357257600
1540080000<=1357862400
1540080000<=1358467200
1540080000<=1359072000
1540080000<=1359676800
1540080000<=1360281600
1540080000<=1360886400
1540080000<=1361491200
1540080000<=1362096000
1540080000<=1362700800
1540080000<=1363305600
1540080000<=1363910400
1540080000<=1364515200
1540080000<=1365120000
1540080000<=1365724800
1540080000<=1303171200
1540080000<=1366934400
1540080000<=1367539200
1540080000<=1368144000
1540080000<=1368748800
1540080000<=1369353600
1540080000<=1369958400
1540080000<=1370563200
1540080000<=1371168000
1540080000<=1371772800
1540080000<=1372377600
1540080000<=1372982400
1540080000<=1373587200
1540080000<=1374192000
1540080000<=1374796800
1540080000<=1375401600
1540080000<=1376006400
1540080000<=1376611200
1540080000<=1377216000
1540080000<=1377820800
1540080000<=1378425600

Parashà di Bereshìt: L’inizio della Torà nella Septuaginta

in: Blog/News | Pubblicato da: Ufficio Stampa

Nessun Commento

La Torà inizia con le parole: “Bereshìt barà E-lo-him et ha-shamàim ve-et ha-Aretz” (“In principio creò Dio il cielo e la terra”).  Nel Talmud Yerushalmi (Chaghigà, 2:5) i maestri chiedono: Perché il mondo è stato creato con la Bet (di Bereshìt, la seconda lettera dell’alfabeto) e non con la Alef (di E-lo-him, la prima lettera dell’alfabeto)? E risposero: la Bet è una lettera che esprime berakhà (benedizione) mentre la Alef esprime  arirà (maledizione)…”.

R. Barùkh Ha-Levi Epstein (Babruyisk, 1860-1941, Pinsk) in Torà Temimà commenta che questo passo midrashico del Talmud non può essere spiegato letteralmente perché vi è tutta una serie di parole che iniziano con la lettera Bet che hanno un significato negativo, come per esempio bekhiyà (pianto) e beghidà (tradimento). E d’altra parte vi sono molte parole che iniziano con la lettera Alef che hanno un significato positivo, come per esempio, orà (luce), ahavà (amore) e achavà (fratellanza). Inoltre questo passo midrashico non indica quale parola sarebbe stata usata per iniziare con la lettera Alef. R. Epstein commenta che la Torà avrebbe dovuto iniziare con il nome “E-lo-him” che inizia con la lettera Alef. Il motivo per cui  inizia con la lettera Bet è che il nome “E-lo-him” viene usato nella Torà per denotare che Dio è giudice e nel Midràsh (Bereshìt Rabbà, 12) i maestri insegnano che il mondo non sarebbe potuto sopravvivere con la sola giustizia. Per questo il Creatore aggiunse la “Midàt ha-Rachamìm”, la caratteristica della misericordia, rappresentata dal Nome di quattro lettere (yud-heh-vav-heh).  Il Nome di quattro lettere, il Tetragramma, comprende passato, presente e futuro del verbo “essere” e quindi viene tradotto con la parola Eterno. Questo nome appare per la prima volta nel secondo capitolo di Bereshìt con le parole: “Queste sono le cronache del cielo e della terra quando furono creati, nel giorno in cui l’Eterno Iddio completò il cielo e la terra”. 

L’ordine delle prime parole della Torà fu cambiato dai saggi che tradussero la Torà in greco su richiesta del re Tolomeo II Filadelfo che regnò ad Alessandria in Egitto tra gli anni 286-245 aEV. Nel Talmud Babilonese (trattato Meghillà, 9a) è raccontato: “Avvenne che il re Tolomeo raccolse settantadue saggi e li fece alloggiare in settantadue camere separate e disse loro: «Scrivetemi [in greco] la Torà del vostro maestro Moshè». Il Santo Benedetto fece in modo che tutti concepissero la stessa idea e tradussero: «Dio creò in principio»”.  I saggi cambiarono l’ordine delle parole in modo che non si potesse dire che Bereshìt era la causa prima che creò Dio. Questo non fu il solo cambiamento fatto dai settantadue saggi: nel trattato Megillà sono elencati altri cambiamenti che i settantadue saggi fecero nella traduzione per evitare incomprensioni o una parola che avrebbe insultato la moglie di Tolomeo. Questa traduzione fu chiamata Septuaginta, perché fatta da settanta traduttori.

Un altro passo midrashico del Talmud su questo argomento appare nel trattato Tamìd (32a) dove è raccontato che quando Alessandro il macedone passò per la terra d’Israele, chiese agli anziani del meridione del paese cosa fosse stato creato per primo, il cielo o la terra. Essi risposero che il cielo fu creato per primo perché nel primo versetto della Torà è scritto “il cielo e la terra”. Alessandro domandò anche se la luce fosse stata creata prima dell’oscurità e gli anziani risposero che la domanda non era risolvibile. In effetti nel testo della Torà è scritto che l’oscurità esisteva prima della luce. R. Epstein scrive che gli anziani risposero così perché non volevano entrare in discussioni sui misteri della creazione.

Di Donato Grosser

[La foto della moneta di Tolomeo II Filadelfo e la moglie Arsinoe è di Matthias Kabel, presa  al  Pergamonmuseum, Berlin, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=1691336]

Condividi questo articolo

  • Share
  • FriendFeed
  • Email
  • Feed RSS